La cazzata del giorno: Saverio Romano propone Lampedusa centro della Dieta Mediterranea. Humour macabro o, come si dice a Napoli, ‘o sazio non crere ‘o riuno?

Letture: 136

Il ministro Francesco Saverio Romano

«Dobbiamo fare di Lampedusa il centro nevralgico della Dieta Mediterranea, non credo ci sia luogo più adeguato di quell’isola in mezzo al Mare Nostrum per un’iniziativa di dialogo e confronto su questo importante tema.
È questo il mandato che ho dato alla delegazione italiana che si riunirà a Madrid con i rappresentanti degli altri Paesi promotori».


 Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano, ribadisce quanto aveva già anticipato in conferenza stampa al Vinitaly, annunciando la riunione intergovernativa che proprio domani si terrà nella capitale iberica tra i rappresentanti dei Paesi promotori dell’iscrizione della Dieta Mediterranea nella lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.
Saranno presenti: Italia, Spagna, Grecia e Marocco. Il nostro Paese sarà rappresentato da una delegazione guidata dal Ministro plenipotenziario Giovanni Umberto De Vito, Consigliere diplomatico del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano.
(ANSA).

L’Italia in un secolo è passata da Francesco Saverio Nitti a Francesco Saverio Romano :-(

11 commenti

  • leo

    (10 aprile 2011 - 20:35)

    Non voleva essere da meno di quell’altro signore che ha promesso casinò (accentata la o, eh) e sgravi fiscali. E fin qui può anche essere possibile… ma ha promesso pure il campo da golf ! secondo me manco l’ha mai visto un campo da golf: mai sentito parlare di erba e acqua ?

  • alberto capasso

    (11 aprile 2011 - 13:38)

    ormai i ministri li scegliamo in base alla assoluta incompetenza su qualsiasi disciplina riguardi il ministero che devono ricoprire… le risate che si faranno a Madrid …

    • Giuseppe Mennella

      (11 aprile 2011 - 15:43)

      ma se finanche in un ministero chiave per l’apparato produttivo italiano come
      il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ci permettiamo di avere 3 ministri
      in meta’ legislatura, faccio fatica a credere che almeno uno di loro abbia (avuto)
      le competenze tecniche

  • gaspare

    (11 aprile 2011 - 18:55)

    il partito popolo della libertà ha portato l’italia verso la volgarità e l’ignoranza.
    non se ne salva nessuno, a nessun livello.
    la nostra generazione vive senza possibilità di scelta alcuna, e soccombe sotto i colpi convinti e continui di un gruppo di prostitute e prostituti al potere.
    non voglio una cosa sola, e cioè che questo stesso destino toccasse ai nostri figli.
    dobbiamo deciderci una volta per tutte a porvi fine.
    sarà un impegno colossale, ma va fatto per il bene del paese.
    questo volgare strascico degli anni ottanta chiamato berlusconismo finirà, dolorosamente ma finirà.

  • leo

    (12 aprile 2011 - 10:45)

    A leggere i commenti sembra che berlusconiani ce ne siano pochi.. e mancano i due bolscevichi Maffi e Vignadelmar !

    • Luciano Pignataro

      (12 aprile 2011 - 11:11)

      Non ti devi stupire, i berlusconiani non sanno scrivere

      • Giuseppe Mennella

        (12 aprile 2011 - 12:20)

        credo che sia peggio non volere/sapere leggere
        comunque il leggere e lo scrivere richiedono il pensare,
        e cio’ spesso e’ in contrasto la societa’ in cui viviamo

        pero’ ha ragione Alessandro (post delle 11:15) i voti si contano e non si pesano
        (il contrario di quello che sosteneva, e dal suo punto di vista a ragione, E.Cuccia

    • Alessandro

      (12 aprile 2011 - 11:15)

      Non ci facciamo illusioni. Magari questo blog è frequentato per buona parte da sinistrorsi e cattocomunisti, ma ce ne sono molti di più di quel che si immagina e a volte, insospettabilmente, sembrano quasi persone normali! E poi il voto dell’analfabeta vale quanto quello del votante illuminato… e allora hai voglia a spingere sulle masse! 1984 è realtà…

  • carmine

    (12 aprile 2011 - 13:20)

    invece che “o sazio nun crer o riun” io direi tradotto in toscano popolare ” la topa in mano ai bimbi” che a Napoli sanno cosa significa, purtroppo viviamo tempi non belli come rappresentanza del nostro paese…

    • Lello Tornatore

      (12 aprile 2011 - 13:27)

      Magari fosse così!!! Non è solo questione di incompetenza, ma anche di palese becero arrivismo…

  • carmine

    (12 aprile 2011 - 13:56)

    l’arrivismo era palesemente scontato

I commenti sono chiusi.