La cena della primavera dei presidi con Slow Food Vesuvio ha prodotto due Orti in Africa

Letture: 191
I cuochi della cena della primavera dei presidi con Alberto Capasso fiduciario della condotta Slow Food Vesuvio

di Marina Alaimo

Il 21 marzo si è svolta presso la splendida location di Villa Balke a Torre del Greco la cena della primavera dei presidi organizzata dalla condotta Slow Food Vesuvio capitanata dal fiduciario Alberto Capasso.. L’arrivo della primavera è stato celebrato in un contesto di grande allegria e, soprattutto, di consolidata  alleanza tra più condotte Slow Food, più cuochi, più presidi, il Wine Blog Luciano Pignataro, le Strade del Vino del Vesuvio. Le condotte si sono associate con la supervisione del Mercato della Terra dei Campi Flegrei che sabato 31 marzo metterà in bella mostra presso la Casina Vanvitelliana di Bacoli i presidi campani. L’unione di così tante energie ha avuto un risvolto molto positivo, infatti la sala era strapiena e, cosa che ci è piaciuta più di tutte, l’atmosfera era gioiosa e di grande partecipazione.

Da sinistra: Salvatore Salvo, Lorenzo Principe, Mimmo Stuzzichino, Eduardo Estatico

 

Il pane di San Sebastiano dell'associazione UNIPAN

 

I vini delle Strade del Vino del Vesuvio. Presidente Michele Romano.

 

La sala di Villa Balke a Torre del Greco

Anche tra i fornelli si è respirato un clima di serena collaborazione ed i tanti cuochi presenti hanno dovuto ideare piatti con almeno due presidi campani. I cuochi presenti ed i loro piatti sono stati:

Montanare con pomodorino del piennolo e pomodorino giallo dei Pizzaioli Salvo di San Giorgio a Cremano.

Montanare con pomodoro giallo dei Fratelli Salvo

Le Linguine con gamberi di scoglio su passatina di pomodoro del piennolo e carciofi di Schito croccanti di Carmine Mazza (Il Poeta Vesuviano – Torre del Greco)

Linguine di Gragnano con gamberetti di scoglio, passatina di pomodorini del pinnolo del Slowfood Vesuvio e carciofi croccanti di Carmine Mazza

La Zuppetta di fagioli di Controne con gamberetti di Crapolla di Mimmo De Gregorio (Lo Stuzzichino – S. Agata dei due Golfi).

Zuppetta di fagioli di Controne e gamberetti di Crapolla di Mimmo Stuzzichino
Mimmo Stuzzichino

 

Gamberi di Crapolla

La Lasagna con carciofi violetti di Castellammare di Mimmo De Gregorio (Lo Stuzzichino – S. Agata dei due Golfi)

La lasagna con carciofi violetti di Castellammare di Mimmo Stuzzichino e timballo di zite con ragù, piselli, ricotta del Cellaio di Don Gennaro di Vico Equense

Il Timballo in crosta di Ziti di Gragnano con Pomodoro San Marzano di Mariangela de Simone (Il Cellaio di Don Gennaro – Vico Equense)

Gli Gnocchetti con fagioli  ” Dente di Morto” di Acerra e Croccante di Soppressata di Gioi.di Natale Langella (Villa Signorini – Ercolano)

Gli Gnocchetti con fagioli " Dente di Morto" di Acerra e Croccante di Soppressata di Gioi.di Natale Langella (Villa Signorini – Ercolano)

Il Foie Gras dei poveri di Pietro Parisi (Era Ora – Palma Campania)

Foie gras dei poveri, piatto di Pietro Parisi chef e patròn del ristorante Era Ora di Palma Campania.

L’Uovo con cacioricotta del Cilento, alici di menaica e carciofo violetto di Castellammare di Gianluca D’Agostino (Veritas – Napoli).

Gianluca D'agostino del ristorante Veritas di Napoli e Adelaide Palomba patròn di Villa Balke.
Uovo con salsa di Conciato Romano di Manuel Lombardi Le Campestre e alici di Cetara. Squisito tripudio della semplicità.
Il carciofo violetto di Castellammare

 

Rita Abbagnale e Marina Alaimo

Le Polpette di maiale su specchio di San Marzano e cacio ricotta del Cilento di Lorenzo Principe (Luna Galante – Nocera Superiore)

Polpetta con carciofo croccante di Cstellammare su specchio di pomodoro San Marzano con cacioricotta del Cilento di Lorenzo Principe chef del ristorante Luna Galante di Nocera Superiore

 

Il Capicollo di maiale con carciofi violetti di Castellammare di Eduardo Estatico (C&D – Portici)

Uovo con salsa di Conciato Romano di Manuel Lombardi Le Campestre e alici di Cetara. Squisito tripudio della semplicità.
Capicollo di maiale cotto a bassa temperatura con carciofo violetto di Castellammare e conciato romano di Manuel Lombardi Le Campestre

e per finire un occhio a Pasqua e l’altro al prossimo Presidio…

Lievitato naturale con armonia di albicocca del Vesuvio  di Pasquale Marigliano (Pasquale Marigliano – Ottaviano).

La colomba con albicocche del Vesuvio caramellate di Pasquale Marigliano

I piatti sono stati accompagnati dai vini delle Strade del Vino del Vesuvio e serviti dai sommelier FISAR.

L’incasso della serata ha permesso la realizzazione di due orti in Africa.