La Dispensa di San Salvatore a Paestum

18/4/2017 5.5 MILA
La Dispensa San Salvatore, antipasto cilentano
La Dispensa San Salvatore, antipasto cilentano

Dalla scorsa estate, come avevamo anticipato, l’azienda San Salvatore di Peppino Pagano ha aperto la sua Dispensa. Una bella oasi del gusto lungo la strada statale che da Paestum porta al Cilento e che gli appassionati di mozzarella di bufala conoscono molto bene per la presenza di caseifici attrezzati per la degustazione, a partire da Vannulo.
Una struttura molto ben organizzata, con un ampio locale in pietra all’ingresso del quale trovate non solo tutti i prodotti San Salvatore, dai vini dell’azienda vinicola di Giungano all’olio extravergine di oliva, dai sott’olio alle confetture, ma anche un grosso banco dove poter fare colazione.

La Dispensa, pasticceria
La Dispensa, pasticceria

Caffè, yogurt e gelati con latte di bufala e una vetrina di pasticceria che va dai cornetti appena sfornati alle zeppole; dai cannoli di ricotta da riempire al momento a pasticcini e torte meravigliose: all’arancia, alle noci, alle mele, e così via. Un vero trionfo di golosità.
Alle spalle del banco la cucina a vista, dove si lavora prevalentemente con i prodotti aziendali. A partire da ortaggi e verdure dei terreni che circondano la Dispensa.

La Dispensa San Salvatore, campi coltivati
La Dispensa San Salvatore, campi coltivati
La Dispensa San Salvatore, scorcio veranda
La Dispensa San Salvatore, scorcio veranda

Si mangia a pranzo, in veranda, al fresco in estate, perfettamente riscaldata in inverno, circondati dal verde delle coltivazioni e dal parco giochi per i bambini che Peppino Pagano ha fatto allestire proprio accanto. In sala, arredo sobrio tra rustico e moderno, pavimento in cotto, tovagliette in carta paglia e piatti colorati; un servizio attento e professionale, come se foste in un ristorante.

La Dispensa San Salvatore, tavolata in veranda
La Dispensa San Salvatore, tavolata in veranda
La Dispensa San Salvatore, tovaglietta
La Dispensa San Salvatore, tovaglietta

Abbiamo provato la cucina in più riprese e confermiamo una linea semplice, quasi casalinga, con un’attenzione alle ricette della tradizione cilentana e l’impiego di prodotti del territorio. Nessun ideologismo però, e piedi ben piantati per terra: Pagano è un imprenditore di lungo corso, e affronta con metodo calvinista ogni aspetto del suo lavoro. Non di rado si affaccia dunque qui alla Dispensa, per controllare come funzionano cucina e servizio della sua ultima creatura, fermandosi ai tavoli dei clienti e sbirciando ai fornelli.

La Dispensa San Salvatore, pane e grissini
La Dispensa San Salvatore, pane e grissini

Il menu, ovviamente, cambia a seconda delle stagioni e ruota settimanalmente, fermi restando alcuni capisaldo della cucina cilentana, come ad esempio l’acqua sale (il pane biscottato con insalata di pomodori, olive e acciughe), la pasta fatta a mano come fusilli e ravioli e, ovviamente, la mozzarella di bufala prodotta in azienda. Anche pane, grissini e freselle sono fatti in casa mentre i vini in carta sono quelli della gamma San Salvatore.

La Dispensa San Salvatore, benvenuto
La Dispensa San Salvatore, benvenuto

Nell’attesa, un piccolo benvenuto che dà la cifra della cucina: sapori schietti, rustici e riconoscibili. Pizzelle fritte con confettura di cipolla rossa, focaccia al pomodoro e origano, bruschette con crema di broccoli e peperoncino.

La Dispensa San Salvatore, stuzzichini
La Dispensa San Salvatore, stuzzichini
La Dispensa San Salvatore, acqua sale
La Dispensa San Salvatore, acqua sale

Ricco e sostanzioso l’antipasto cilentano che, oltre ai salumi, contempla la degustazione della mozzarella di bufala prodotta in loco e un assaggio di verdure di stagione.

La Dispensa San Salvatore, mozzarella di bufala
La Dispensa San Salvatore, mozzarella di bufala
La Dispensa, antipasto cilentano
La Dispensa, antipasto cilentano

Semplici ma soddisfacenti i grossi ravioli ripieni di ricotta di bufala; un bel recupero di una ricetta tanto povera quanto antica quella degli spaghetti con noci e alici, qui colorati e profumati dall’aggiunta del peperone crusco (anche se avrebbe giovato un po’ di olio in meno).

La Dispensa San Salvatore, ravioli al pomodoro
La Dispensa San Salvatore, ravioli al pomodoro
La Dispensa San Salvatore, formaggio e peperoncino
La Dispensa San Salvatore, formaggio e peperoncino
La Dispensa San Salvatore, spaghetti noci e crusco
La Dispensa San Salvatore, spaghetti noci e crusco

Verace ma dal sapore delicato la zuppa di cicerchie; leggere e gustose proprio come quelle fatte in casa, le polpette di pane.

La Dispensa San Salvatore, zuppa di cicerchie
La Dispensa San Salvatore, zuppa di cicerchie
La Dispensa San Salvatore, polpette di pane
La Dispensa San Salvatore, polpette di pane

Nulla che non si sia già visto su una tavola cilentana, ma sempre servito con gusto e garbo.
Insomma, una tappa imperdibile se siete sulle rotte gastronomiche del Cilento autentico.
Uscirete più che soddisfatti, con una spesa media sui 25 euro e con un simpatico cadeaux di verdure di stagione: «sono biologiche, coltivate da noi» ci spiega Peppino Pagano, «se le porto al mercato me le pagano 40 centesimi, tanto vale regalarle ai clienti, così io sono più contento. E anche loro».

La Dispensa, il cadeaux di Peppino Pagano
La Dispensa, il cadeaux di Peppino Pagano

LA DISPENSA DI SAN SALVATORE
SS 18 località Cafasso – Capaccio
Tel. 0828 199 8888
Aperto tutti i giorni, dalle 7.30 alle 21.00
www.sansalvatore1988.it