La pasta al pomodoro… che pasta non è per Coltiviamo Talenti di Alessandro Feo

29/5/2017 198

La pasta al pomodoro… che pasta non è è la ricetta che Alessandro Feo, chef presso il Rumirestaurant di Ascea Marina (Sa), presenta alla prima edizione del premio Coltiviamo Talenti, progetto ideato da Cosi Com’è e LSDM in collaborazione con Luciano Pignataro Wine Blog. Le ricette saranno registrate su MysocialRecipe.

 

Ingredienti per 4 persone

2 Barattoli da 350 g di Datterino Giallo in Acqua di Mare Così Com’è

300 g di pasta mista

Sale q.b

Pepe q.b.

Olio d’oliva extra vergine q.b

1 aglio

2 buste sotto vuoto

1 Barattolo da 350 g di Datterino Rosso in Acqua di Mare Così Com’è

300 g di parmigiano

500 ml di latte intero

200 ml di panna fresca

Foglioline di basilico nano

15 g di agar-agar

La pasta al pomodoro… che pasta non è

 

Procedimento

Mettere in una busta sotto vuoto i datterini gialli con la loro acqua e la pasta; condire con sale, pepe e sigillare. Cuocere in roner a 90° C per 25 minuti, dopodiché frullare il tutto e setacciare. Portare a bollore e aggiungere l’agar-agar, lasciar riposare finchè si addensa e coppare con il coppapasta della dimensione scelta.
Frullare i datterini rossi con la loro acqua, condire con sale, pepe e olio e cuocere a fiamma molto bassa per circa 10 minuti dopo aver fatto imbiondire l’aglio tritato.
Mettere in una pentola il parmigiano e il latte e cuocere coperto con della pellicola a bagnomaria. Una volta sciolto aggiungere la panna e mantenerla a bagnomaria.
Una volta pronti tutti gli elementi del piatto, disporre nel piatto fondo il pomodoro cotto, disporci la finta pasta, completare con delle gocce di fonduta e delle gocce di olio evo e decorare con le foglie di basilico nano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *