La Spezia, ristorante La Posta

Letture: 181
Alessandra e Claudio Mazzoni

di Giancarlo Maffi

Delitto di lesa maestà, martedì. Piombiamo nel feudo di Fabrizio Scarpato, addirittura a meno di un solo km da casa sua. Impossibile avvertirlo. Il poeta del pesto  possiede un telefonino ma non lo usa. La decisione è presa a ore 11. Impossibile trovarlo a casa e non ha mai fornito un numero per le emergenze.

Mi avrebbe fatto piacere averlo al tavolo. Un po’ meno a Jessica che avrebbe dovuto combattere per l’esclusiva di quella fantastica bottiglia di Schiacchetrà che Claudio Mazzoni, il patron del Posta, si troverà costretto a permetterne l’asporto, non tanto perché fulminato dagli occhioni lucidi della donzella, quanto per una forma di innata cortesia.

La Spezia, onestamente, non è una bella città. In centro alcuni bei palazzi. Vicinissimo alla piazza centrale, in una piccola via, si trova il Posta,  un ristorante che mi pare possa essere l’unico a regalare emozione. Il parcheggio non è mai stato un problema per me. Un giro della piazza e vualà, nonostante il classico scetticismo femminile.

Voli pindarici e contemporaneità banditi. Rispetto della materia prima negli antipasti, giuste  e millimetriche cotture nei piatti importanti. In sintesi è quello che troverete, senza sorprese negative, di questi tempi sempre possibili. Il patron si palesa solo dopo una decina di minuti di osservazione da lontano. Deve mettere a fuoco uno che non conosce, armato di taccuino e macchina fotografica, con accento non locale. Non fa una piega alla mia richiesta di fare qualche foto. Mi guida dolcemente sulla china di un gran crudo, in porzione e gusto fantagruelico. Avevo scelto un altro antipasto. Mi fa capire che non è cosa o,più semplicemente, ci tiene a farmi assaggiare tutta l’offerta del mercato.

Il piatto di affettati

Per scaldare i muscoli facciali arriva una VELLUTATA DI ZUCCA CON GAMBERO VIOLA E PECORINO, con la quale inizia un percorso direi calligraficamente scolastico, pero’ modello miglior liceo della città, direi liceo classico.

La vellutata di zucca con gambero viola e pecorino

E allora sia: una festa di tartare di branzino, scampi e gamberi bianchi e i miei amati testa viola e notevoli triglie. Alleggerirei soltanto la dosatura di olio e ammennicoli vari. Jessica, a cui prima o poi faremo passare anche il terrore del crudo, evidentemente procuratole da qualche ristoratore assassino, più confortevolmente si adagia su scampi al vapore, che paiono perfetti pure essi ,nella loro assoluta semplice materialità.

Tartare di branzino, gamberi, triglie e scampi
Gli scampi cotti al vapore
Il trionfo di pesce crudo

Avevo chiesto un bianco del grande Walter De Battè.  Mi va buca ma Claudio recupera ottimamente con un  CINQUE TERRE biodinamico di bella potenza, del’azienda agricola Possa, di proprietà di Samuele Bonanini, di cui ci parlò qui il nostro “corrispondente” spezzino.

Il Cinque Terre
Il Cinque Terre

Tento una sortita, siamo in Liguria e non nella quasi nulla toscana risottiera, appunto con un classico che più classico non si può, RISOTTO ALL’ASTICE.  La donzella mi segue: riso per due e non se ne parli più. Se avete la vista buona noterete un paio di errori di esecuzione. Ne parlo con la cheffa Alessandra, moglie di Claudio, e pare che il riso usato, Carnaroli Gallo, tanto per non fare nomi, non dia più garanzie di tenuta in cottura. Mi sono permesso di dare alcuni nomi di pregiate aziende. Tra l’altro anche l’eccesso di zafferano non ha aiutato.

Il risotto all'astice

Di gaudente e solida felicità, nota di grande merito, il “fuori i secondi.”

Affatto per nulla modernista, e nemmeno Selectzionato, il mezzo  PICCIONE FARCITO CON UVA GLASSATA ALLA MALVASIA DELLE LIPARI. … La farcitura di frizzi e frattaglie attanaglia il palato con bella virilità. Si va all’attacco con le mani,che diamine.

L’altra metà del cielo si staglia anch’essa netta ma con bella morbidezza:LOMBATINA DI VITELLO AL FORNO RIPIENA DI FOIE GRAS E MELE AL SAUTERNES.

Il piccione farcito e la lombatina di vitello

Mi pare di essere sbatacchiato fra le confortevoli cucine delle nonne, con quel sughetto tirato, una specie di biberon ancestrale, quasi il sollievo di aver ritrovato… casa!

Claudio Mazzoni

È veramente bello rifugiarsi qualche volta in queste esecuzioni che hanno eleganza da ristorante ma sapore di trattoria, quella vera, quella di una volta dove vigeva il rispetto massimo del prodotto, non solo quello del cliente. Non i locali spesso senza nerbo di oggi, spesso costruiti su cuochetti cicisbei che fanno il verso alla contemporaneità. O è bianco o è nero, ragazzi: se pensate di diventare Bottura insistete pure con il trans agonistico da preparazioni lungo facenti e magnifiche geniali astrusità assortite. Ripeto, se pensate di essere Bottura, Scabin o Crippa, anche con quei substrati culturali, se permettete.  Altrimenti venite a imparare la cucina vera, in luoghi come questi, ovviamente risotto a parte .

Eseguitela con la precisione che qui ha contraddistinto il pasto. Poi potrete scrivere  “ristorante xy” sui vostri biglietti da visita.

Il Cinque Terre Sciacchetrà

Perfetto anche il trancio di branzino, di impeccabile cottura e magnifica materia. Mazzoni mi spiega che lui non tollera pesci piccoli, là dove possibile. Spigole e orate di pesi mai inferiori ai tre chilozzi. Di sotto ha paura che siano fuggite dagli allevamenti vicini. Benedett’uomo!!

Il trancio di branzino

Adami chiude con il rush finale nel quale riprende il passo d’assalto iniziale: CREMA IMPERIALE SCREZIATA CON CIOCCOLATO FONDENTE E CIALDE DI MONTECATINI, anch’essa terribilmente consolante nella sua eclatante classicità. E conquista la signorina con il fantastico Sciacchetrà di cui sopra. A mezzo pasto mi aveva pure fatto il grande dono di un ottimo bicchiere di Barolo. VOTO 14,5/20

Crema imperiale screziata con cioccolato fondente e cialde di Montecatini

Veramente gentile Caudio, che dà un bel colpo al luogo comune del ligure con braccino corto.

ANTIPASTI E PRIMI PIATTI FRA 15 E 18 EURO, PIATTI PRINCIPALI FRA I 23  E I 28 DELLO SPLENDIDO CRUDO

DOLCI, BEN 8 IN CARTA, A 8 EURO CIASCUNO.

Ristorante La Posta di Claudio Mazzoni
Via  Don Minzoni 24
Tel: 0187 760437
www.lapostadiclaudio.com

12 commenti

  • leo

    (9 febbraio 2011 - 11:06)

    Sempre inappetente il Maffi, eh ? ma anche la Jessica non scherza: quanti dessert si mangerebbe la fanciulla ?

    Sono speranzoso per le prossime foto maffiane… qui la prima foto mi sembra arrivare diretta dall’album di nozze della famiglia Mazzoni, con quell’effetto flou :-))

    • Stefano Caffarri

      (9 febbraio 2011 - 11:34)

      in effetti dopo il tune-up vannuncchiano, ora le foto sono ok.

      PS.: guarda che lo segno nei papabili, abbi riguardo.

      • vignadelmar

        (9 febbraio 2011 - 12:29)

        Io sono un uomo dagli appetitti insaziabili, tutti.
        Il Maffi solo alcuni….. :-D
        .
        Ciao

  • Giancarlo Maffi

    (9 febbraio 2011 - 12:01)

    Foto Adami by aifon. La g10 Canon svampo’ cola’. Dalla prossima cartier- bresson rimorira’ di indivia:-)

  • Luciano Pignataro

    (9 febbraio 2011 - 12:11)

    Hey, sembrate i fratelli di Contursi: state qui a parlare solo di foto:-)

    • marco contursi

      (9 febbraio 2011 - 12:22)

      :-D

  • vignadelmar

    (9 febbraio 2011 - 12:30)

    Comunque il pezzo è bello, bravo !

    Ciao

  • fabrizio scarpato

    (9 febbraio 2011 - 12:48)

    L’Adami andava giustamente ricompensata per non aver battuto ciglio (e che ciglio) di fronte a due ego così appassionatamente straripanti. Perché poi è la passione e il savoir faire che contano, non c’è che dire.
    Il tema posto dal Maffi è però quello della visione dinamica della classicità. Non credo che il classico sia punto d’arrivo, anche ad alto livello. Non mi prende, o forse mi interessa meno di un classico di strada o di trattoria. Vedo molta nostalgia nel Maf, della cucina francese o di quella rutilante dell’Ambasciata di Quistello (lo so, lo che giro il coltello nella piaga…). Diversamente il classico è necessario per andar oltre, per questo parlo di senso dinamico: condizione necessaria ma non sufficiente per emozionare, oggi, in cucina. Certo che, come mi sembra di capire, non se ne può fare a meno, e tantomeno partire lancia in resta con gli shangai senza fare un passo alla volta: altrimenti si “tocca” e si deve ricominciare. Un po’ come molti che credevano che Picasso non sapesse disegnare o che fosse banale tranciare una tela come Fontana. Son buono anch’io, si dice, e molto spesso.
    Ma è un tema sentito, più giri e siedi a tavole diverse, più te lo poni, senza dubbio. E Maffi è attento, e mi fa piacere che abbia trovato qualche sicurezza nella mia città, anche perché, come si sa, nessuno è profeta in patria.
    Ah, io abito non a un chilometro, ma a meno di cento metri dalla Posta, forse avevo la macchina parcheggiata lì davanti (non hai visto una Mito rossonera? Che mi tocca dire da juventino…..)

    • Luciano Pignataro

      (9 febbraio 2011 - 12:51)

      Ubi Maior Minor Cessat

  • Silvia Cardelli

    (9 febbraio 2011 - 12:52)

    La Spezia è una splendida città, piazza Verdi è centrale topograficamente, ma non è il centro storico; per visitare il centro ed apprezzarne la bellezza si deve risalire la stretta via del torretto o la porticata via Chiodo, verso ovest. Passeggiata Morin è bellissima e i giardini sono meravigliosi. Vista dalle colline circostanti è magica.

  • Giuseppe Grammauta

    (9 febbraio 2011 - 13:41)

    Che temismo Giancarlo….domani mattina prima del mio consueto impegno fiorentino faccio un salto a La Spezia per lavoro….il post è molto invitante…

  • enrico malgi

    (11 febbraio 2011 - 19:07)

    Giancarlo sei un mito! Mi dici come fai ad essere sempre così? Mò devi rispondere, va bene?

I commenti sono chiusi.