La Top Ten dell’Anteprima del Nobile di Montepulciano

Letture: 167
Anteprima del Nobile di Montepulciano

di Maurizio Valeriani

Una denominazione prestigiosa come il Nobile di Montepulciano, ha visto per qualche anno un calo dell’attenzione da parte del pubblico e della stampa di settore, dovuto in parte ad alcuni metodi di vinificazione che davano risalto a marcate tecniche di estrazione ed un uso del legno un po’ troppo legato al passato. Segni di miglioramento li troviamo con l’annata 2011, dove in diversi casi l’eleganza e la bevibilità, contraddistinguono le migliori etichette, e qualche nota interessante la riscontriamo anche nelle riserve 2010 e 2009.

Prima di parlarvi dei nostri migliori assaggi alla cieca dell’Anteprima, dobbiamo darvi conto del nostro miglior assaggio fuori salone (ai Vignaioli Naturali di Tiziana Gallo), relativo ad un vino che a nostro avviso rappresenta, da qualche anno, la migliore etichetta della denominazione, e ci riferiamo a:

Nobile di Montepulciano 2011 – Poderi Sanguineto: Note scure al naso, con toni di china e corteccia, ma anche di frutti rossi  e macchia mediterranea; tannini finissimi, di grandissima eleganza e bevibilità, succoso, complesso e lunghissimo. 95/100

Ecco invece la nostra Top Ten dell’Anteprima del Nobile di Montepulciano:
1) Nobile di Montepulciano 2011 – Fattoria della Talosa: fresco, profondo, speziato, succulento, di ottima materia con grande finale di mora e arancia sanguinella 91/100

2) Nobile di Montepulciano 2011 – Cavalierino Organic Winery. ricco, speziato, lungo, con note di frutta secca e mineralità. Avvolgente ed armonico. 90/100

3) Nobile di Montepulciano 2011 – Dei: olfatto caratterizzato da mineralità, note fumè e spezia; la gustativa gioca le sue carte sulla freschezza e sulla profondità.90/100

4) Nobile di Montepulciano Messaggero 2011 – Montemercurio: vino tecnico, ma di ottima esecuzione, con succosità e lunghezza al centro dell’assaggio e toni minerali ed agrumati da contorno. 89/100

5) Nobile di Montepulciano 2011 – Il Conventino: coniuga potenza ed elaganza; pieno ma scorrevole, ricco ma di grande bevibilità, chiude con ricordi di frutta secca e macchia mediterranea.88/100

6) Nobile di Montepulciano Podere Le Caggiole 2011 – Tiberini: leggermente alcolico ma di grande materia, unisce toni speziati a note agrumate e ha un finale balsamico e di erbe officinali. 88/100

7) Nobile di Montepulciano Riserva 2010 – Il Conventino: Tannino ancora vibrante, ma di ottima materia e buona succosità; chiude con ricordi minerali.88/100

8) Nobile di Montepulciano Riserva 2010 – Tenuta Valdipiatta: floreale e fruttato, con tannino ancora teso, toni speziati. Freschezza ed un lungo futuro davanti a sé.87/100

9) Nobile di Montepulciano Riserva 2010 – Il Macchione: dinamico, scorrevole, agile, elegante; profondo, speziato e finale di succo d’arancia.87/100

10) Nobile di Montepulciano Riserva 2009 – Boscarelli: ancora molto giovane, fresco e piacevolmente tannico con toni scuri e di macchia mediterranea e grande polpa.87/100

 

Un commento

  • alessandro de luca

    (11 marzo 2014 - 09:47)

    ricordo di aver grandemente apprezzato anni fa il Nobile di Avignonesi, è un pò che non lo vedo in enoteca. C’è ancora questo vino?

I commenti sono chiusi.