Laccento Ruchè di Castagnole Monferrato 2011 di Montalbera

Letture: 230
Laccento Ruchè di Castagnole Monferrato 2011 di Montalbera

Forse la famiglia Morando di Castagnole Monferrato mai avrebbe immaginato che il loro Ruchè Laccento avrebbe accompagnato un piatto di salsicce e friarielli. Anzi, molto probabilmente non sanno proprio cosa siano i friarielli. Sono una varietà di broccoli napoletani dal sapore ricco e amarognolo che a Napoli spesso si abbinano alle salsicce saltate in padella.

Laccento è un vino che tende alla morbidezza, pur essendo corredato da un buon timbro di acidità. Pertanto l’abbinamento con la verdura amara è risultato piacevolissimo. La famiglia Morando ha creduto ed investito moltissimo su questo vitigno minore del Monferrato, tanto da ricoprire più del 50% dell’intera produzione locale. E’ caratterizzato da un animo gentile, con tannini discreti, pur mantenendo una identità decisa, con corredo aromatico piuttosto espressivo. Laccento è prodotto con uve maturate tardivamente, particolare che rende più intensi e profondi i profumi. E’ avvolgente al naso con prevalenza di toni floreali di viola seguiti da sentori di buccia d’arancia rossa, fragole e accenti speziati di cannella. Il sorso è agile e scorrevole, ricco nel sapore, tende alla morbidezza pur offrendo una buona freschezza che lo fa risultare particolarmente appetibile.

Az. Agr. Laccento via Montalbera 1 Castagnole Monferrato (AT) tel. 011 9433311

www.montalbera.it  montalbera@montalbera.it

 

Questa scheda è di Marina Alaimo

2 commenti

  • Francesco Mondelli

    (26 febbraio 2013 - 21:09)

    Per Luca Maroni che, ,inevitabilmente ,ogni anno lo premia nella sua guida è il prototipo del vino frutto.Personalmente non lo trovo sconvolgente ,ma L’accoppiata con i friarielli intriga al punto da metterla in pratica al più presto.Grazie da FM.

  • Marina Acino Ebbro

    (27 febbraio 2013 - 14:35)

    Caro Francesco, l’ho trovato molto interessante, bellissimi profumi, semplice come deve essere un ruchè. L’accento viene prodotto con uve vendemmiate ben mature. Presto proverò il ruchè base, che in genere è quello più integro, più scorrevole. Questo vitigno dà vini piacevolissimi, di facile approccio, snelli ed agili, con profumi intriganti., poco tannici. Mi piace!

I commenti sono chiusi.