Lacryma Christi 2008 rosato doc

Letture: 173

CANTINE SCALA
Uva: piedirosso
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Maria Scala

E’ un vino antico il Lacryma Christi, all’ombra del Vesuvio, il Vulcano più famoso del mondo, ha contribuito a rendere il vino italiano famoso all’estero. E’ un caso paradossale: più famoso e venduto all’estero che, escluso il mercato locale e delle regioni limitrofe, in Italia. Grazie alla faticosa opera di pochi illuminati imprenditori del vino, per decenni la clientela giapponese ed americana ha identificato il vino del sud con il Lacryma Christi.
La doc Vesuvio molto forte sui mercati esteri e, fino a qualche anno fa, in pericolosa discesa sul mercato italiano, sta finalmente rinascendo grazie all’impulso di nuove giovani aziende e di cantine storiche che trainano il mercato.Tra queste ultime un’ azienda con quasi due secoli di storia: la Cantina Scala di Portici nasce ad Ercolano nella prima metà dell’800 ed arriva indenne ad oggi, avendo attraversato guerre e crisi di mercato, perché? Mentalità commerciale pragmatica e lungimirante unita a smisurata passione per il vino, capacità di misurare il passo senza mai strafare. Per gradi, di generazione in generazione, la famiglia Scala ha costruito un’azienda solida offrendo al mercato vini che, magari non hanno raggiunto spesso gli onori della critica, ma che si sono fatti strada per uno straordinario rapporto prezzo qualità costante nel tempo. In cantina oggi ci sono Mamma Scala con i figli Maria Gabriella appassionata Donna del Vino e fresca Sommelier, e suo fratello Antonio che gestiscono l’azienda con una perfetta alternanza dei ruoli a seconda del bisogno. L’enologo Ivan Pavia è un giovane della scuola di Maurizio de Simone, inizialmente consulente della cantina, ha poi lasciato spazio, come è solito fare, ai giovani appassionati che lo seguono nelle sue peregrinazioni enologiche tra passato e futuro.
Veniamo al vino: un rosato, per me il vino del momento, estivo, fresco, jolly negli abbinamenti e non ultimo, in tempi di ristrettezze, buono e poco costoso. Il Lacryma Christi Rosato doc 2008 di Scala nasce da piedirosso in purezza a circa 600 mt sul livello del mare. Alla vista si presenta di un rosa cerasuolo molto intenso, dovuto ad una precisa scelta aziendale di ottenere un vino diverso dagli altri con una macerazione di circa 5 giorni. Al naso è floreale, fruttato con note di fragola e lampone e una piacevole trama vinosa tipica del piedirosso. L’ingresso in bocca è fresco, morbido e di intrigante sapidità. La persistenza è discreta considerata la tipologia di vino. E’ un prodotto equilibrato che non raggiunge una gradazione alcolica eccessiva (12°) e ben si accompagna a tutta la cucina napoletana e vesuviana della primavera – estate. Perfetto sulla pizza, sulla mozzarella di bufala, su piatti a base di verdure come la parmigiana di melanzane dell’Osteria Giretiello di Ottaviano, o, in barca con una deliziosa “fresella” (pane biscotto) con pomodoro, basilico e mozzarella.
Il Vesuvio sta rinascendo e il Lacryma Christi sta squillando le trombe.

Scheda di Giulia Cannada Bartoli

Sede Corso Umberto I, 33 Portici (Na)
Tel. 081.7767641. Fax 081.7764128
www.cantinescala.it
info@cantinescala.it
Enologo Ivan Pavia.
Ettari: 8 in conduzione
Bottiglie prodotte: 250.000
Vitigni aglianico piedirosso sciascinoso, falanghina, coda di volpe.