Lacryma Christi del Vesuvio bianco 2003

Letture: 95

ENODELTA
Uva: coda di volpe, falanghina, verdeca
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Pochi conoscono questa azienda di Afragola, siamo proprio alle porte di Napoli. Si tratta di una cantina nata appena 20 anni fa che ha rilanciato la tradizione della famiglia Caputo lunga quasi un secolo nel settore della vinificazione. Ed ecco allora uno dei vini che non potranno mai conoscere crisi perché hanno un rapporto tra la qualità e il prezzo decisamente sbilanciato a favore del consumatore, fatto senza grilli per la testa come è uso Santolo Bonaiuto, ma con una perfetta conoscenza della frutta minerale vesuviana. Ecco allora che questo bianco 2003 ha fatto i conti con la siccità di questa vendemmia e lo rivela già dal colore giallo paglierino leggermente carico, ma in bocca conserva una spalla acida ammorbidita da un anno tra bottiglia e vasca di acciaio. Il risultato è un vino molto gradevole, ottimo sulle insalate di mare, le seppie alla griglia, lo spaghettino con vongole e cozze, ma anche con ben si abbina grazie alla terragna coda di volpe a tutta la cucina vegetariana contadina, alle carni bianche, frittate e fritture. Bel prodotto davvero, di quelli che decisamente preferiamo perché sono l’anima della viticoltura campana, il vino quotidiano alla portata di tutti.

Sede ad Afragola. Via Oberdan, 56
Tel. 081.8691302. Fax 081.8512135
Enologo: Santolo Bonaiuto
Bottiglie prodotte: 100.000
Ettari: 1,3 di proprietà
Vitigni: piedirosso, aglianico, falanghina, coda di volpe, verdeca