Lacryma Christi rosso 2012 di Cantina del Vesuvio. Il piedirosso che fa enoturismo internazionale

Letture: 163
Lacryma Christi rosso 2012 di Cantina del Vesuvio

Il piedirosso di Cantina del Vesuvio  è uno dei bicchieri più bevuti sulla terrazza panoramica di Maurizio Russo. Questo vino parla napoletano, lingua internazionale tra questi vigneti, dal suono divertente ed invitante per i numerosissimi turisti stranieri che li visitano. Qui si fa enoturismo da tempi non sospetti, quando in Campania non ci pensava proprio nessuno. La bellezza dei vigneti che compongono un paesaggio mozzafiato insieme al cono del Vesuvio che li domina e alla vista sul golfo di Napoli che si apre ad ampio raggio in posizione frontale, accoglie almeno un centinaio di turisti al giorno. A primo impatto rimangono senza parole, non aspettandosi una tale meraviglia.

i vigneti di Cantina del Vesuvio

Poi gradualmente si lasciano andare alla cordiale accoglienza della squadra di Cantina del Vesuvio che con estrema semplicità guida gli ospiti tra i vigneti in ripida pendenza sul tipico suolo grigio di lapilli. Il format è sempre lo stesso da diversi anni. La visita alla vigna è seguita dalla degustazione dei vini seduti ai tavoli della fortunatissima terrazza panoramica. Maurizio racconta brevemente la storia della propria famiglia, poi fa degustare le varie etichette spiegando i particolari di ogni sorso vesuviano dopodiché  fa servire loro un ottimo piatto di spaghetti Setaro con pomodorino del piennolo del Vesuvio. E qui vanno in totale visibilio.

spaghetti Setaro con pomodorino del piennolo del Vesuvio

Qualche salume e formaggio da abbinare  ai rossi e una fetta di pastiera napoletana con il distillato di albicocche del Vesuvio. Pasto frugale che disegna in poche mosse una operazione di marketing potentissima. A questo punto i turisti si fiondano in cantina e comprano generosamente le varie etichette. Tra queste il Lacryma Christi rosso 2013 da piedirosso in purezza si fa notale per la fragranza dei profumi e la grande bevibilità. Esprime una bella intensità al naso, con  note floreali di rosa ben espresse e ciliegia croccante seguite da qualche erbetta mediterranea. Si fa ampiamente gustare al palato per l’agilità del sorso che vibra di energia e sapore, raccontando ad ogni sorso la sua voglia di rimanere ben saldo ai lapilli del vulcano. E’ questo un rosso beverino e versatile, che offre ampie possibilità di abbinamento con il cibo: dalle minestre di legumi, agli spaghetti al pomodoro, al baccalà tanto amato dai vesuviani, alla pizza margherita o di salsicce e friarielli, dalla zuppa di pesce alla bistecca alla brace.

Azienda Agricola Vitivinicola Cantina del Vesuvio Via T. della Guardia, 12 80040 Trecase (NA) Tel +39.081 536 90 41 www.cantinadelvesuvio.it
Questa scheda è di Marina Alaimo