Lasagna con salsicce, broccoli e cotechino

Letture: 210
il piatto pronto


di Lello Tornatore

Voglia di qualcosa di diverso? Visto che i “polentoni” ci accusano di mettere pomodoro dappertutto, allora abbiamo pensato di mettere mano ad uno dei mostri sacri della gastronomia campana, nel quale l’oro rosso impera indisturbato. La manovra di “ingegneria gastronomica” non può essere però troppo invasiva, per evitare lo scontato stuolo di proteste dei nostri corregionali. Allora la lasagna la facciamo senza pomodoro ma con salsicce e broccoli, e guai a chi parla!!! Non disponendo di quelli di Paternopoli, abbiamo usato i broccoli di Montoro, che comunque sono buoni, e poi…sono del paese della chef come si fa a dirle di no?

Ingredienti:

4 mazzetti di broccoli, meglio se di Paternopoli, ma anche di Montoro, l’importante è che siano irpini ;-)) – 2 salsicce e 2 cotechini del contadino– 2 spicchi di aglio dell’Ufita– 1 litro di latte – ½ litro di acqua – 2 cucchiai di farina – 1 cucchiaino di noce moscata – 200 gr di caciocavallo podolico grattugiato – 500 gr di lasagne – 1 cucchiaio di olio di Ravece – sale qb

Procedimento:

Per il sugo: in una pentola mettere l’olio e farvi rosolare l’aglio,aggiungere salsicce e cotechini sbriciolati, farli dorare ed aggiungere i broccoli sbollentati e tritati precedentemente.Versare nella pentola un paio di bicchieri di acqua di cottura dei broccoli e far cuocere per una mezz’ora a fuoco moderato.

I broccoli di Montoro

 

le sfoglie di lasagna

Nel frattempo preparare la besciamella unendo al latte il ½ litro di acqua, mettere al fuoco e quando bolle spegnere ed aggiungere la farina,la noce moscata ed un pizzico di sale.

preparazione della besciamella

Amalgamare gli ingredienti con una frusta fino a quando non avrete ottenuto una crema densa.

fondo di broccoli, salsicce e cotechini

Quando il sughetto dei broccoli sarà pronto unirne la metà alla besciamella.

fondo per stratificazione

Quindi sul fondo di una teglia stendere uno stato di besciamella con i broccoli,poi uno strato di lasagne,proseguire con uno di broccoli, uno di besciamella, spolverizzate con il caciocavallo grattug iato e proseguire fino a 3 strati di lasagne.

teglia pronta per essere infornata

Ponete la teglia di lasagne nel forno a 150C° e fatela cuocere fino a quando sarà ben dorata.

all'uscita dal forno
areale di Lapio

Abbinamento cibo-vino:

Era da tempo che non provavo il Fiano di Avellino dell’areale di Lapio, e quindi c’ho provato con il crù “Santàri” 2008 di Filadoro.

Fiano di Avellino Santàri 2008 docg di Filadoro

 

Etichetta

Notevole freschezza nonostante i tre anni e più, a contrastare la tendenza dolce della pasta e della besciamella, bella complessità aromatica a fare pari con l’amarognolo dei broccoli. A me è sembrato perfetto, non so a voi…

9 commenti

  • Barbara

    (10 marzo 2012 - 17:31)

    Sembra appetitosissima…. Ma, mi chiedevo: la besciamella senza burro (o grassi di acun tipo)? Si addensa, in questo modo, con soli due cucchiai di farina? O è stato dimenticato il ‘grasso’ nella lista degli ingredienti?

    • Lello Tornatore

      (10 marzo 2012 - 17:42)

      No, non aggiungiamo grassi alla besciamella (preparata con latte intero di podolica), gli unici grassi sono quelli contenuti nelle salsicce e nei cotechini e quel cucchiaio di olio di ravece che puoi notare nella lista degli ingredienti…;-))

  • MARIO STINGONE

    (10 marzo 2012 - 18:45)

    ” O mallone e Montoro ” con la besciamella ?!

    • Lello Tornatore

      (10 marzo 2012 - 19:11)

      No, è ‘a pizz’ e Napule c’ o’ checiap!!! ;-)) Caro Mario, come ho già avuto modo di scrivere, o’ mallone montorese è una sorta di minestra maritata, ed è composto da verdure selvatiche non da broccoli o friarielli, come li vuoi chiamare tu…ma l’avevo scritto nella premessa che si sarebbe stata una sommossa partenopea!!! Tu sei il primo? ;-))

  • Mario Stingone

    (12 marzo 2012 - 11:18)

    Premesso che non mi piace la polemica fine a se stessa ne i toni offensivi che a volte si usano in modo del tutto gratuito .
    Caro Lello conosco il mallone di Montoro non solo perché non so se il caso o il fato ha voluto che nascessi proprio a Montoro e a Montoro ho passato insieme a mia nonna ed ai miei parenti bellissimi periodi della mia vita e quasi per gioco ho imparato anche a trovare funghi e a fine estate anche a raccogliere patate cipolle e il famoso san marzano.
    La besciamella mi sembrava un po’ azzardata non tanto insieme al mallone ma che venisse usata da te.
    E poi riguarda alla pizza adesso anche qui tutto è permesso: The stockfish is a fish too, ovverossia: ‘o baccalà pure è pesce! (antico detto napoletano). Appena posso ti vengo a trovare e spero mi farai assaggiare una delle tue soppressate che ahimè ho visto solo in foto .

  • Lello Tornatore

    (12 marzo 2012 - 12:50)

    Carissimo Mario, da te accetto tutte le critiche possibili ed immaginabili, soprattutto perchè sono fatte con garbo, educazione e classe!!! Le offese invece, che ciclicamente mi arrivano vedi caso sempre dallo stesso ID, le respingo al mittente… La besciamella è un gioco, figurati se proprio io che sono un talebano della cucina tipica, avrei seriamente considerato monsieur de Bèchamel…E comunque Mario, ti aspetto per una grande “fellata” di soppressate, ma a patto che vorrai degustare anche ” Il vero mallone montorese”!!! ;-))

  • Denis Quevillon

    (4 maggio 2012 - 01:19)

    Ho fatto la ricetta di Lello e devo dire che nonostante la distanza che li separa (sono in Canada) ed i prodotti di base diversi, l’ho trovata deliziosa. Che sia purista o no , non so , ma quando è buono, è buono ! Ho bevuto per abbinare il Fiano 2010 di Terradora.

  • Lello Tornatore

    (11 marzo 2012 - 13:09)

    …grazie… sono autodidatta ;-))

  • Lello Tornatore

    (12 marzo 2012 - 07:24)

    …a giudicare dal livore dei tuoi commenti, tu invece non sei autodidatta…”per tutto il resto c’è rosicard” !!! ;-))

I commenti sono chiusi.