Le 100 eccellenze italiane: Pietro Parisi riceve il premio a Palazzo Montecitorio

Letture: 191
Le 100 eccellenze italiane, un momento della premiazione
Le 100 eccellenze italiane, un momento della premiazione

Il Cuoco Contadino Pietro Parisi ha ricevuto il premio “Le 100 eccellenze italiane” a Palazzo Montecitorio nella Sala della Regina alla Camera dei Deputati. Un riconoscimento consegnato in seguito ad una selezione tra oltre mille realtà simbolo del made in Italy effettuato da un comitato d’onore tecnico scientifico composto da esperti, personaggi accademici e istituzionali, che hanno sovrinteso la scelta delle eccellenze nei vari settori. Pietro Parisi è stato scelto come esempio di eccellenza Made in Italy ecco la sua Menzione nel campo agroalimentare grazia alla sua tenacia e costanza di credere in una terra che da anni vive in difficoltà di immagine.

Nannina&Antonia: la risposta alla folle scelta di lasciare chef e ristoranti rinomati per ritornare a Palma Campania. Da tutti definito cuoco-contadino, nella sua mente sono sempre vive le gesta della Nonna Nannina a cui dedica un brand. Il suo lavoro è un omaggio ai contadini veri che vivono ancora in quell’area. Oggi il suo obiettivo è rendere orgogliosa Antonia, figlia di quella terra, da tutti incompresa come terra dei fuochi, ma forse dei cuochi.

Le 100 eccellenze italiane
Le 100 eccellenze italiane

“Questo premio per noi non è un punto di arrivo ma un inizio per dare una nuova svolta a questa terra e sopratutto credere che possa ritornare la “Campaniafelix”. Continueremo a combattere più di prima e a difendere questa terra al meglio delle nostre energie, non è una mia vittoria ma della mia gente, della mia terra, finalmente oggi parliamo di un successo e non di una sconfitta. Io e miei amici contadini continueremo a metterci in discussione, continueremo con le nostre sinergie per emergere nel panorama internazionale questa regione.  Il riconoscimento della nostra eccellenza è uno stimolo a fare sempre meglio, a valorizzare il nostro territorio e contribuire a far ripartire l’economia del nostro Paese”.