Le nuove annate dei vini di Cantine Barone

1/6/2017 1.7 MILA
Giuseppe Di Fiore
Giuseppe Di Fiore

di Enrico Malgi

Proprietà parcellizzate; vigne aggrappate alle scoscese colline che cercano  l’alito della brezza che sale dal mare per respirare aria fresca; grappoli turgidi e ricchi di sapori  per essere raccolti delicatamente; uomini rotti ad ogni sorta di fatica sotto il sole cocente “stizze re sango asciute ra lu core”. Ecco questa è la viticoltura del Cilento! Giovane e minimalista, ma che da alcuni anni sta dando certamente buoni frutti che si tramutano poi in eccellenti vini.

Cantine Barone
Cantine Barone

Nel mio girovagare cilentano oggi faccio tappa alle Cantine Barone di Rutino, un’azienda in conversione biologica che è condotta da tre soci: Barone, Di Fiore e Perrella. Nel 1990 sono state piantate le prime barbatelle dal padre di Francesco Barone e d’allora in poi si è innescata una vera escalation, che ha portato come risultato una produzione di qualità, con vini territoriali sempre eleganti, affidabili e riconoscibili. Questo grazie anche alle cure del preparato e scrupoloso enologo Vincenzo Mercurio. Solo una dozzina gli ettari vitati, per una produzione annua che si attesta intorno alle 100.000 bottiglie, con l’aiuto di alcuni affidabili conferitori locali.

Vini di Cantine Barone
Vini di Cantine Barone
Controetichette vini di Cantine Barone
Controetichette vini di Cantine Barone

Cinque le etichette di nuovi millesimi che ho degustato.

Marsia Bianco Paestum Igp 2016. Uvaggio di moscato al 60% e saldo di fiano e malvasia bianca. Solo acciaio e vetro. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale della bottiglia di 7,00-8,00 euro.

Nel bicchiere si scorge un bel colore paglierino luccicante. Evoluti profumi di frutta fresca e candita e poi sussurri odorosi di muschio, di glicine, di tiglio, di finocchietto selvatico, di erba mediterranea e di fiori d’arancio. Impatto palatale subito caratterizzato da note di freschezza, di sapidità, di morbidezza, di delicatezza e di fragranza. Il sorso reitera poi le percezioni fruttate e floreali già anticipate dall’olfatto. Scatto finale permeante, rinfrescante e godibile. Abbinamento su tartine, pesce crudo e tagliere di salumi.

Vignolella Fiano Cilento Doc 2016. Anche qui solo acciaio e boccia per la maturazione del vino. Tasso alcolico di tredici e mezzo. Prezzo in enoteca intorno ai 10,00 euro.

Colore giallo paglierino, screziato di verde sull’unghia. Al naso salgono intensi e complessi profumi di frutta fresca e matura locale come il fico, il mandarino, la susina, la mela e la pera, che si alleano poi a credenziali floreali di gelsomino e di ginestra. Incidenza salmastra e sapida.  L’attacco in bocca si rivitalizza su toni freschi, morbidi, eleganti, vellutati ed agrumati. Piglio ancora leggermente erbaceo. Slancio finale seducente e pervasivo. Vino in piena fase di spinta, che migliorerà da qui a qualche anno. Latticini, molluschi e carne bianca.

Primula Rosa Paestum Igt 2016. Aglianico in purezza. Lavorazione in acciaio e vetro. Gradazione alcolica di dodici e mezzo. Prezzo in enoteca intorno ai 10,00 euro.

Colore salmonato. Fragranza aromatica ampia e coinvolgente, che esprime una naturalezza di profumi fruttati di ciliegia, di melagrana, di fragoline di bosco e di ribes, infittiti poi da sentori di rosa appassita, di ciclamino, di chinotto e di mirto. Il sorso blandisce subito il palato con un guizzo di fresca acidità, prodromo a piacevoli sensazioni sapide e suadenti, a vezzi eleganti e morbidi ed a ricami polposi ed aggraziati. Carattere ficcante ed incisivo. Verve finale fresca e godibile. Da preferire su formaggi freschi, pizza margherita e salumi.

Marsia Rosso Paestum Igp 2014. Blend di aglianico, barbera e primitivo. Maturazione in acciaio e vetro. Tenore alcolico di tredici e mezzo. Prezzo della bottiglia in enoteca di 8,00 euro.

Vivace e splendente il colore rosso rubino. Impatto olfattivo dolce e delicato, che manifesta in primis pregevoli e seriosi profumi di frutta e di fiori rossi, accompagnati poi da sospiri vegetali di rosmarino e di erbe officinali e da effluvi finemente speziati. L’ingresso del sorso in bocca è goloso, sapido e terroso. Freschezza pulita. Impalcatura tannica armonizzata e ben registrata. Palato morbido, garbato, dinamico e succoso. Retrogusto saporito. Da spendere su cucina mista mare e terra.

Pietralena Aglianico Cilento Doc 2015. Maturazione in acciaio e legno grande. Elevazione in boccia. Alcolicità di quattordici gradi. Prezzo in enoteca di 12,00 euro.

Colore rosso rubino luminoso. Ottima l’ampiezza aromatica che sfocia in un bouquet pervasivo e ricco di svolazzi di boisè e di frutta rossa. E poi in appresso si respirano soffi speziati di vaniglia, di noce moscata e di chiodi di garofano, uniti a sentori di menta, di eucalipto, di china, di resina di pino, di alloro e di bacche di ginepro. Garbata l’espressione terziaria vanigliata, balsamica e mentolata. In bocca entra un sorso scalpitante per via di sontuosi e nobili tannini. Timbro terroso, materico e caldo, ma anche morbido, fresco e rotondo. Portamento austero ed avvolgente. Ottimo equilibrio gustativo. Intrigante e persistente la chiusura. Durerà ancora per lungo tempo. Da preferire soprattutto su piatti a base di carne.

 

Foto di Rosario Di Giacomo
Sede a Rutino (Sa) – Via Giardino, 2
Tel. 0974 830463 – info@cantinebarone.itwww.cantinebarone.it
Enologo: Vincenzo Mercurio
Ettari vitati: 12, più conferitori – Bottiglie prodotte: 100.000
Vitigni: aglianico, piedirosso, barbera, primitivo, fiano, falanghina, santa sofia, moscato e malvasia

5 commenti

    Francesco Mondelli

    (1 giugno 2017 - 04:23)

    Sarà perché non riesco quasi mai a trovarlo per via che si esaurisce subito,ma la mia preferenza va al “vignolella”.Conosco da sempre Francesco Barone,ma la vera svolta c’è stata con l’arrivo dei nuovi soci e sopratutto l’apporto determinante del “piccolo”grande enologo Vincenzo Mercurio.PS.Come mai non non hai parlato di spumante e rosato?Esauriti o non più eseguiti?PS2Finito con i Cilentani ,come avrebbe detto il poeta,non ti resta che imboccare il primo tratturo ed emigrare(transumare sarebbe l’originale)in Apulia per” Radici del sud”importante concorso enologico di cui ci dovresti rendicontare,Ad maiora semper da Francesco Mondelli.

    Enrico Malgi

    (1 giugno 2017 - 09:00)

    Ciao Francesco, non ho ancora finito di girare il Cilento, perché mi mancano ancora tre-quattro aziende da visitare. Appena possibile lo farò, magari appena torno da Bari per Radici come tu stesso hai anticipato. Sono d’accordo sul positivo giudizio espresso per Vincenzo Mercurio che da Barone cura con passione e competenza l’unica sua azienda cilentana. Barone comunque fa ottimi vini davvero, venduti poi ad un prezzo sempre ragionevole, Il rosato ne ho parlato in questo servizio. Vedi se puoi venire a Vallo per il giorno 6 giugno prossimo.

    Francesco Mondelli

    (1 giugno 2017 - 11:22)

    Come i professori del liceo sempre pronto a bacchettare una volta notata la distrazione che non mi ha fatto cogliere dell’Aglianico la tendenza a salmonare.La scuola sta per terminare e nella comprensione e nell’indulgenza dobbiamo confidare anche se un’altra notizia ti debbo dare ed è che purtroppo non ci posso stare e presto anche a Luigi e a Luciano lo devo comunicare.Ad ogni modo parenti e amici ho provveduto ad avvisare che questa opportunità non devono lasciarsi scappare.Con l’augurio di un grande successo vi saluto con la speranza, nell’immediato futuro, di vederci più spesso.FM.

    a comunicare.Ad ogni modo vi auguro un grande successo e nel mio piccolo ho provveduto ad amici e parenti informare d

    Francesco Mondelli

    (1 giugno 2017 - 11:26)

    Per favore se possibile cancellare ultimi due righe o non tenerne conto.Grazie da Francesco Mondelli.

    Enrico Malgi

    (1 giugno 2017 - 12:07)

    OK tutto a posto. Sei un grande poeta. Per quanto concerne il Vignolella appena possibile vado in cantina e guardo se mi è rimasta una bottiglia, così te la metto da parte per il prossimo incontro, va bene? Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *