Le nuove pizzerie sono sempre più belle. Ecco quelle dell’ultimo anno

Letture: 23896

di Luciano Pignataro

Si parla di pizza, di impasto, di prodotti. Ma ancora non ci siamo soffermati sulla bellezza delle nuove pizzerie. Altro che tavoli di marmo e quattro sedie seriali! Se fossi un giovane architetto mi specializzerei e in ogni caso alcune sono davvero sconvolgenti. Passiamo in rassegna quelle che hanno aperto nell’ultimo anno a Napoli e in Campania di cui abbiamo notizia che hanno curato l’arredo in maniera speciale.

_______________
V
esi a via Caracciolo

Pizzeria Vesi a via Caracciolo
Pizzeria Vesi a via Caracciolo

Ultima apertura in ordine di tempo, una pizzeria davvero spettacolare, proprio di fronte agli imbarchi di Mergellina. Piatti in ceramica personalizzati, l’aerea forni al centro come la tolda di una nave, angolo cibo e vino.

______________________
Lievito Madre a via Partenope

Lievito Madre Napoli
Lievito Madre Napoli

La prima vera bella pizzeria sul lungomare di Napoli adesso è completa con l’uso dell’ultima stanza. Davvero ha segnato la svolta di fronte al mare. L’azzuro domina, tutto arredato con gusto.

_______________
50 Kalò a Mergellina

50 kalo. La pizzeria di Ciro  Salvo a Napoli
50 kalo. La pizzeria di Ciro Salvo a Napoli

Anche qua l’allargamento è completato mantenendo lo stile essenziale e preciso di partenza.

___________________________
Da Michele, I Condurro a Fuorigrotta

 

Pizzeria Da Michele I Condurro a Fuorigrotta, la sala
Pizzeria Da Michele I Condurro a Fuorigrotta, la sala

Uno spettacolare forno a forma di Vesuvio detta il tema al centro della sala principale. Tutto arredato con gusto, bella hotellerie e immagini che ricordano la storia.

__________________________
Sapori de l’Accanto a Vico Equense

Pizzeria Saporì Vico equense
Pizzeria Saporì

Di questo luogo magico abbiamo già detto tutto quello che c’era da dire. Ha aperto in estate con la consulenza di Gianfranco Iervolino.Parlano le foto e il panorama di Vico Equense oltre che le preziose ceramiche.

_________
Pepe in Grani

Franco Pepe, il tavolo con vista sul forno
Franco Pepe, il tavolo con vista sul forno

In un antico palazzo del ‘600 di caiazzo giusto un anno fa Franco Pepe ha completato l’opera aprendo la sala hi-tech e rendendo operative, caso unico in Italia, due stanze da letto..

__________
Ciccio Vitiello

Casa Vitiello Tuoro di Caserta atrio ingresso
Casa Vitiello Tuoro di Caserta atrio ingresso

Ancora la pizza in un antico palazzo, stavolta nella frazione Tuoro di Caserta. Qui il giovane Ciccio si esprime al massimo.

______________
Da Nino ad Acerra
______________

Pizzeria Da Nino, Acerra
Pizzeria Da Nino, Acerra

Nino Pannella è un giovane pizzaiolo di 22 anni, vincitore a Las Vegas lo scorso anno del prestigioso trofeo con una semplice marinara. Questa è la sua pizzeria aperta con i sacrifici della famiglia ad Acerra.

______________________
Da Gaetano Paolella, Acerra

Da Gaetano Paolella
Da Gaetano Paolella

Ancora Acerra, stavolta è Gaetano Paolella a riammodernare i locali in attesa della prossima apertura a Salerno. Ambiente intimo, in ceramica.

_____________________________________
Morsi e Rimorsi di Gianfranco Iervolino ad Aversa

Morsi e Rimorsi Aversa
Morsi e Rimorsi Aversa

 

Ancora Iervolino: è’ stata l’ultima apertura dello scorso anno. Una sede alla periferia d’Aversa assolutamente spettacolare, con forni e cucine al centro, funi di nave che arredano il locale.

________________________
10 di Diego Vitagliano a Pozzuoli

10 Pizzeria Diego Vitagliano l'interno
10 Pizzeria Diego Vitagliano l’interno

Piccola, bianca, marinara. Proprio di fronte al mare di Pozzuoli, Diego Vitagliano adesso si esprime nella sua pizzeria.

_________________
2.0 di Carlo Sammarco

Carlo Sammarco Pizzeria 2.0 le birre
Carlo Sammarco Pizzeria 2.0 le birre

Ancora Aversa, stavolta è Carlo Sammarco in una pizzeria dalle linee giovanili, semplici, tutta giocata sul legno chiaro.

_______
Re Denari

Re Denari, i forni
Re Denari, i forni

In un casolare che ha resistito al cemento una bella pizzeria in ceramica antica e pietra. Due forni, begli arredi e un bel patio dove mangiare d’estate.

__________
Crescimunno

Criscemunno, la sala
Criscemunno, la sala

Con affaccio sul Duomo di Salerno, in un antico palazzo del ‘600, pietra a vista, tavoli tradizionali.

CONCLUSIONI

La pizza tira l’agricoltura di qualità e i produttori seri. Ma inizia ad avere un indotto incredibile. Forse la bellezza di queste pizzerie conferma più di ogni altra cosa che non è più il cibo dei poveri. Ma la pizzeria resta, ancora oltre ragionevole dubbio, un luogo popolare.

 

2 commenti

  • eve

    (20 marzo 2017 - 16:27)

    gran pezzo. (dice: ma come? ora che non ho parlato di cibo?) sì, perchè la vera svolta della pizza non la fanno solo impasti, materie prime e modalità di cottura (e le conseguenti polemiche su tipologie d’ imbarcazione, alimentazioni di forno e prodotti dop) ma anche e soprattutto i locali. La vera riscoperta della pizza come cibo d’autore sta in due fattori: nella digeribilità e nei locali: oggi se voglio andare in pizzeria il locale non è (quasi mai) di serie b rispetto al ristorante. questo conta sia per il cliente/consumatore che per la dignità stessa della pizza perchè anche da qui passa l’equazione che il valore della pizza sia lo stesso dei piatti della ristorazione d’autore.

  • Marco Galetti

    (20 marzo 2017 - 17:22)

    La pizzeria resta e deve restare un luogo popolare che spesso e giustamente può far rima con alveare, talvolta però, anche un’ape regina può aver voglia di degustare una regina margherita in un luogo accogliente un po’ meno rumoroso e luminoso del solito, il mordi e fuggi, portafoglio in una mano e subito dopo pizza portafoglio nell’altra, rimane gioia del quotidiano in corsa.
    Se il futuro è anche pizza e l’asporto penalizza il prodotto, attrezzarsi per accogliere diventa doveroso, inevitabile e alla lunga premiante, chiunque è disposto a pagare la voce coperto se quel coperto ha un senso, in termini di spazio, servizio e comodità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>