Le nuove pizze estive di Ciro Salvo impongono di restare in città ad agosto!

Letture: 770
50 Kalò, pizza con carpaccio di Marchigiana, rucola e scaglie di parmigiano stagionato 24 mesi

di Dora Sorrentino

Cambiano le stagioni e di solito dovrebbero rinnovarsi anche un po’ i menu. Non sempre accade: c’è chi segue rigorosamente i criteri di stagionalità, c’è chi dà ampio respiro alla propria creatività e c’è chi invece preferisce rimanere legato alle sue specialità.

In cucina, come in pizzeria. Ed ecco che Ciro Salvo a 50 Kalò cala il suo settebello di pizze estive. Partiamo dal ripieno fritto con provola di bufala e sugo di datterini di Montoro, più leggero e adatto ai periodi più caldi per la freschezza degli ingredienti.

50 Kalò, ripieno fritto con provola di bufala e sugo di pomodori datterini di Montoro

D’estate un classico è l’abbinamento tonno e cipolla, anche su una base di pizza margherita.

50 Kalò, pizza con tonno e cipolle

Tornando al tema verdure di stagione, due ottimi consigli sono la pizza con pesto di zucchine e prosciutto San Daniele e quella con melanzane e datterini di Montoro.

50 Kalò, pizza con melanzane e pomodori datterini di Montoro

Si gioca in casa, in territorio regionale, con la pizza con ricotta, fiori di zucca e salame di nero casertano oppure con la pizza con fiori di zucca e conciato romano Le Campestre, dove il tono deciso del formaggio viene piacevolmente smorzato dalla dolcezza dei fiori.

50 Kalò, pizza con fiori di zucca e conciato romano

Diventerà sicuramente un cult dell’estate 2014 la pizza con carpaccio di Marchigiana, rucola e scaglie di parmigiano con stagionatura di 24 mesi, delicata, fresca, estiva!

2 commenti

  • Marcello

    (24 giugno 2014 - 17:59)

    Grande Ciro, nell’Olimpo dei migliori….

  • Giovanni TdG

    (25 giugno 2014 - 10:41)

    Ancora una volta Ciro Salvo dimostra di essere, non solo uno dei migliori Pizzaioli in circolazione, ma un vero e proprio Chef della Pizza Napoletana.
    Abbinamenti e varianti che conservano la tradizione e l’equilibrio, i colori e le sfumature della città, sono propri di chi modula con sapienza i sapori e sceglie le sensazioni che vuole restituire con i propri piatti ai fortunati avventori.
    La Pizza, in questo caso, diventa uno strumento per emozionare.
    Grazie a te Ciro.

I commenti sono chiusi.