Le Pozzelle 2008 rosato Salice salentino doc

Letture: 133

CANDIDO
Uva: negroamaro
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Le pozzelle*

C’è un po’ di caldo, certo. Dunque ecco qui il momento dei rosati, che durerà per tutta l’estate almeno e che avrà nella Grande notte del rosato fissata il 22 luglio a Fabbrica dei Sapori il suo momento clou in Campania. Per gli appassionati, e per gli esperti, Le Pozzelle non ha certo bisogno di presentazione, è da sempre uno dei cavalli di battaglia di Candido e bisogna dire che Donato Lanati l’ha interpretato nel migliore dei modi possibili, ossia liberando fragola e lampone al naso e lasciando in bocca l’austero freschezza (siamo a quota 6,1 grammi) del vitigno coniugata anche ad una marcata nota minerale dalla declinazione fumé dopo la quale alla fine torna il frutto, stavolta pesca gialla, con un finale lungo, pulito, da manuale. Il rosato, si dice, è il vino di una notte: in questo caso qualcosa in più perché le uve vengono lasciate macerare per circa 20 ore a bassa temperatura e poi pigiate leggermente e poi ancora fermentate su lieviti selezionati. Il risultato è un bicchiere dal colore cerasuolo, molto vivo e brillante. Il 2008 si conferma buona annata, piena, per certi versi regolare e in questa esecuzione sicuramente abbiamo una delle migliori performance della storica etichetta. Gli abbinamenti possibili sono davvero infiniti e non vogliamo frenare la vostra fantasia, praticamente quasi tutti i piatti di mare dell’alta ristorazione oggi in voga, le tradizionali paste con i legumi, persino sui dolci secchi e poco zuccherini delle zone interne del Sud.

Sede a San Donaci, via Armando Diaz 46
Tel. 0831.635674, fax 0831.634695
Sito: http://www.candidowines.it
Enologo: Donato Lanati
Bottiglie prodotte: 2.000.000
Ettari: 160 di proprietà
Vitigni: negroamaro, primitivo, malvasia nera, cabernet sauvignon, chardonnay, sauvignon, malvasia