Le ricette delle osterie Low Cost a Napoli: la braciola “mbuttunata” al ragù dell’Antica Trattoria da Carmine ai Tribunali

Letture: 219
da dx Mamma Antonietta, Adele e Maurizio Romano. Con il cappello il cuoco Nino, Eduardo, marito di Adele e socio, Vincenzo aiuto cuoco

Ingredienti per 4 persone

4 fette di “palettina o triangolo”
Olio q.b.
2 passate di pomodoro da un kg
Sale q.b.
Aglio q.b.
Pepe q.b.
100 gr. pecorino romano grattugiato
50 gr. pinoli
50 gr. uva passa
Prezzemolo q.b.

Premessa: la “braciola” è solo una delle componenti della complessa ricetta del ragù napoletano della domenica.Il ragù di edoardiana memoria, si sa, ha una cottura lunghissima, deve “pippiare”per almeno cinque ore, le signore napoletane lo fanno andare dall’alba fino alle 13,00, poi riposa e alle 14,00 si  va in tavola.

Procedimento:

Disponete su un piano le fette di carne che avrete precedentemente battuto;al centro di ognuna disponete:aglio tritato finemente, uva passa, pinoli, pepe, pecorino romano grattugiato, o, in scaglie e prezzemolo, finite con un filo d’olio. Procedete a chiudere le braciole ben strette fermandole con più stuzzicadenti o, legandole con filo ad uso alimentare. Le braciole hanno un tempo di cottura molto breve, appena 30 minuti, pertanto, le immergerete nel ragù a metà cottura e le toglierete mezz’ora dopo per evitare che si disfacciano. Al termine della cottura del ragù, le immergerete nuovamente nel sugo per evitare che si secchino. Si servono calde, a solo, o accompagnate dalle altre carni del ragù.

Ricetta raccolta da Giulia Cannada Bartoli

Napoli, Antica Trattoria Da Carmine ai Tribunali

Via Tribunali, 330
Tel. 081.294383Aperto: pranzo e cena (12:00/16:00 – 19:00 – 23,00) dal mercoledì al sabato; a pranzo: solo martedì e domenica Chiuso: l’intero lunedì C/credito: sì tranne American Express Buoni pasto: si Asporto: si
Ferie: 20 – 31 agosto

5 commenti

  • La nipote di zia Betta

    (7 dicembre 2011 - 12:51)

    Rosolarle nell’olio prima di immergerle nel ragù. Assolutamente!

    • Oreste

      (8 dicembre 2011 - 13:46)

      Infatti , non scherziamo con queste cose! Senza soffritto non vale!

  • […] Le ricette delle osterie Low Cost a Napoli: la braciola “mbuttunata” al ragù dell’Antica Tra… […]

  • Gianluca

    (8 dicembre 2011 - 14:27)

    In effetti senza soffritto non è una braciola

  • Mariano

    (12 febbraio 2012 - 20:49)

    Il pecorino grattugiato nella braciola proprio no, al più qualche tocchetto, comunque il sugo acquista il sapore del formaggio, oltre che dell’aglio che deve essere usato con molta parsimonia.

I commenti sono chiusi.