Le strade della mozzarella finiscono in pentola

Letture: 170
28 maggio 2016, Lallio
28 maggio 2016, Lallio

Le strade della mozzarella finiscono in pentola, per festeggiare il grande successo del Contest “Pasta e Mozzarella Veggie Style” organizzato da LSDM con Pastificio dei Campi, le food blogger finaliste sono state accolte dal team di Pentole Agnelli nello stabilimento di produzione di Pentole Agnelli a Lallio, in provincia di Bergamo. E’ stata una giornata speciale ed esclusiva a cui ho avuto il piacere di partecipare, interamente dedicata ai nuovi protagonisti della comunicazione legata al food, che hanno avuto la possibilità di vivere momenti di approfondimento e formazione in un clima di spensierata amicizia e cordiale ospitalità. La visita comincia dallo stabilimento di produzione delle pentole Agnelli sotto la guida attenta e cortese del boss, il Signor Baldassarre Agnelli coadiuvato dai suoi uomini di fiducia; Baldassarre è un  uomo d’altri tempi, totalmente dedito alla sua azienda che è parte integrante della sua vita, perché lì è nato, come mi racconta, e cresciuto, lì sono nati i suoi figli ed il nipote.

Baldassarre Agnelli
Baldassarre Agnelli

Un volto dell’imprenditoria italiana che si fa ambasciatore del Made in Italy attraverso prodotti di qualità, con la stessa tensione e lo stesso entusiasmo che animano Albert Sapere e Barbara Guerra, ideatori e fondatori delle Strade della Mozzarella, con i quali condivide la passione per la tradizione gastronomica e di questa tutti si fanno portavoce ben aldilà delle Alpi. La mattinata prosegue con la visita al Museo della Pentola, attiguo allo stabilimento, il paradiso per appassionati e non del settore. Un angolo di storia immobile nel tempo, l’origine da cui si è partiti che testimonia l’identità storica e culturale di un presente fatto di innovazione e tenacia, di attenzione verso il consumatore e soprattutto, verso il food, nelle sue varie declinazioni.

Museo della pentola
Museo della pentola
Museo della pentola
Museo della pentola
Museo della pentola
Museo della pentola

La filosofia del marchio bergamasco inserisce nei passaggi dei preparazione delle ricette gli strumenti di cottura adoperati, ribadendo l’importanza della scelta di quelli giusti per forme e materiali in base al loro utilizzo. “ Ogni cottura vuole la sua Pentola “ infatti,  e a spiegarlo agli ospiti di Pentole Agnelli è lo chef Chicco Coria che nella mattinata ha tenuto in Saps Agnelli Cooking Lab – il centro di ricerca e formazione nato in azienda nel 2002 – un seminario di approfondimento sul corretto utilizzo di forme e materiali in cucina, al termine del quale a ciascun partecipane è stato rilasciato un attestato di partecipazione. Obiettivo della partnership tra Pentole Agnelli e LSDM è dunque, diffondere la cultura del mangiare e cucinare bene, con attenzione sì per le materie prime utilizzate ma anche per gli strumenti adoperati, la scelta dei quali influisce immancabilmente sul risultato finale. A tale scopo nasce#nontoccatemilapadella, primo presidio non food, movimento di avanguardia per valorizzare lo strumento di cottura. La giornata è stata anche l’occasione per premiare le blogger del contest organizzato da LSDM – Le strade della Mozzarella in collaborazione con Pastificio Dei Campi. Maria Romano e Patrizia Malomo vincono il primo posto ex equo, secondo posto a Valentina Scotti, terzo posto per Rosaria Orrù. Vincitrice del Premio speciale Pentole Agnelli Daniela Corso.

Vincitrice del Premio speciale Pentole Agnelli Daniela Corso
Vincitrice del Premio speciale Pentole Agnelli Daniela Corso