Guida ai ristoranti e le trattorie dentro e fuori le guide > il Cilento
0

Le Trabe a Paestum e la stella sui Templi

5 febbraio 2013

Le Trabe

Si perfeziona la cucina di Peppe Stanzione dirigendo il proprio estro soprattutto sui sapori e mettendo in secondo piano la voglia di stupire con le presentazioni. Del resto la psicologia di questi anni vira in questa direzione: essenzialità, leggibilità e low profile.

Le Trabe

A quasi due anni dalla decisione di valorizzare le due splendide sale ricavate negli spazi della antica centrale elettrica i fratelli Antonio e Raffaele Chiacchiero hanno trovato un giusto punto di equilibrio: ristorazione gourmet e banchettistica di qualità, dove davvero il cibo e i piatti proposti sono pensati in modo professionale oltre che essere offerti n uno scenario incantevole, siamo a Capodifiume, un’antica colonna ci ricorda che questo posto, dove ovunque sorgeva l’acqua, era considerato sacro dagli antichi e popolato da buoni spiriti. Le Trabe è un posto vero, non costruito.

Le Trabe: carpaccio di bufala

La linea di Peppe Stanzione è riscoprire la materia del territorio, mare, legumi, ortaggi e verdure soprattutto, oltre che naturalmente la cultura della mozzarella e della bufala proponendola in modo più tecnico giocando su contrasti, consistenze, fiori, germogli, erbe. Un altro pregio è il poco sale e l’assenza totale di salse e salsette secondo lo stile campano e meridionale.

Pecorino Donna Greta

Il locale è semplicemente un incanto, immerso nel verde. Un fuoripista eccezionale a due passi dai templi di Paestum, ben conosciuto ormai nell’ambiente gourmet perché qui si organizza la manifestazione Le Strade della Mozzarella.

Le Trabe, benevenuto: maialino e friarielli, genovese e uovo con tartufo

Il benevenuto è una sorta di trailer: tre piatti in uno, tutti molto ben eseguiti: i primi due assolutamente napoletani, stupendi i friarielli, grande la genovese mentre il terzo è un po’ nordico, ben eseguito.

Le Trabe: pane cafone

 

Le trabe: tre burri (vaccino, bufalino ed emulsionato alle alici) con i pani

 

Le Trabe: polpo arrostito e pane cafone

Le Trabe: conchiglione ripieno di faraona

Il nostro pranzo scorre veloce e piacevole. Con la pasta si gioca in casa, la farcitura dei conchiglioni è molto ben calibrata, pasta e ripieno sono in ottimo equilibrio e nessuna delle due prevale sull’altra in bocca.

Le Trabe: tubetti con patate e ostrica

 

il Castellabate di San Giovanni

 

Le Trabe: guancia all’aglianico con smart di verdure

Divertente il gioco con le verdure. Si vede che con la carne Peppe Stanzione è perfettamente a suo agio.

 

Le Trabe: faraona con patate e mais

Un nota di crescita, decisa, sono i dolci: a parte il babà che deve ovviamente avere l’obbligo di un cliscé preciso e consolidato nei secoli, il resto è moderno: leggero e senza zucchero. Il biscotto di ricotta con i lamponi è un piccolo colpo di genio dove il dolce acido della frutta contrasta con la dolcezza naturale e tranquillizzante della ricotta di bufala, assolutamente perfetta e di qualità.

Le Trabe: piccola pasticceria

Insomma, l’avete capito: siamo molto soddisfatti di questo locale, un faro che non deve accontentarsi dell’ambizione di illuminare Paestum perché ha potenzialità di gran lunga superiore per posizione, esperienza, bellezza del luogo e materia prima di territorio.

Le Trabe

Sede a Capaccio Paestum
Via Capodifiume 4
Tel. 0828.724265
www.letrabe.it