L’Elogio Campano, il Panino d’Autore di Agostino Iacobucci per Casa Negroni al PdM della Caffettiera in Slide Show

Letture: 100
Agostino Iacobucci con Luciano Pignataro e l'Elogio Campano

[slideshow id=”3314649325792213508″]

La serata piovosa non ha impedito il successo dell’innovativa iniziativa di Negroni, “Il Panino d’autore” che va avanti dal 2008, dedicata all’esercito dei “foodies” oltre 5 milioni d’italiani, amanti del buon bere e del buon mangiare che frequentano i locali di tendenza. Il 16 novembre per la prima volta il progetto approda in Campania , culla dell’enogastronomia e dei sapori. La scelta non poteva che cadere su uno chef che ha fatto dell’equilibrio tra tradizione e innovazione , la propri filosofia di cucina presso lo storico ristorante partenopeo “la Cantinella”, sul lungomare più bello del mondo , di fronte il Vesuvio e le isole del Golfo. Agostino Iacobucci ha allertato la memoria del gusto ed ha tirato fuori i sapori dell’infanzia, del momento di rientro dalle scampagnate domenicali nel casertano, nella zona collinare e boschiva di Castel Morrone,nel casertano, dove la zia prepararava per i ragazzi una merenda golosa: pane fatto in fragrante casa fatto in casa aromatizzato all’origano, pomodorini del piennolo, basilico, mozzarella di bufala, scarola, prosciutto cotto e olio extra vergine d’oliva (ad Agostino non piace il crudo). Lo chef ha “modernizzato e rinfrescato il gusto con una spruzzatina di scorzette di profumatissime scorzette di limone appena sbollentate che hanno aggiunto un tono di freschezza ed equilibrato i fantastici sapori mediterranei. Il panino di Agostino Iacobucci , che per l’occasione ha utilizzato il “cotto di culatello di Casa Negroni”, sarà riproposto al PdM in Piazza dei Martiri a Napoli, di fianco al Gran Caffè La Caffettiera, fino al 6 dicembre, Agostino è pronto per preparare tanti panini, fino all’ultimo…..:) come Bruto e Poldo…:)

di Giulia Cannada Bartoli

4 commenti

  • claudio nannini

    (17 novembre 2010 - 15:36)

    Bel pomeriggio, ottimi gli Champagne tra i quali mi è particolarmete piaciuto il Gosset, veramente buono, ma Giulia,correggimi se sbaglio, Poldo, soprattutto lui, era un gran divoratore di panini con hamburger,di tradizione squisitamente Mc Donald. Questi invece sono tutta un’ altra storia. Altro pane, altri aromi,e fantastici salumi imprzisiti dall’estro dell’ottimo Agostino al quale vanno tutti i iei complimenti. Agostino, a quando il pesce castagna?

  • Monica Piscitelli

    (17 novembre 2010 - 17:17)

    Peccato non esserci stata, ma Roma chiama a volte. Complimenti.

  • Marina

    (17 novembre 2010 - 18:13)

    Che peccato non esserci, sono una fan di Agostino.

  • Tommaso Esposito

    (18 novembre 2010 - 08:07)

    In bocca al lupo Agostino. Son contento di essere stato uno dei primi a scoprirti.

I commenti sono chiusi.