Lettere 2010 Penisola Sorrentina doc di Grotta del Sole: ecco il vino della pizza

Letture: 288
Il castello di Lettere

Uva: piedirosso, aglianico, sciascinoso, castagnara, sauca, sant’antonino, suppezza
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro franco cantina
Fermentazione e maturazione: acciaio

Nella doc Penisola Sorrentina sono comprese e distinte le tre sottozone di produzione: Gragnano, Lettere e Sorrento. Lettere è un piccolo paese sui Monti Lattari, dal quale si gode una splendida vista sui golfi di Napoli e Salerno. La sua storia è scritta dalla semplicità della vita legata all’agricoltura ed alla pastorizia. La coltura della vite qui ha origini antichissime ed è ancora possibile godere della vista di vecchi vigneti allevati a pergola, sistema tipico di questo territorio, scelto per la forte resistenza all’impeto dei venti.

Questo vino, simbolo di semplicità e gioiosa convivialità, è prodotto con uve piedirosso, qui detto per’ e’ palumm’, presente almeno per il 40%, e sciascinoso, localmente chiamato olivella, ma in piccola percentuale sono previsti dal disciplinare anche aglianico ed altre varietà. E’ un piccolo vino, dal sorso semplice e poco impegnativo, simbolo della tradizione popolare, fortemente legato alla cucina delle osterie di Napoli e della Penisola Sorrentina, ma anche e soprattutto alle  pizzerie. E’ il compagno ideale di una tradizionale pizza margherita, nonchè di una ottima pizza fritta ripiena di cicoli e ricotta, o di una pizza con salumi: la sua effervescenza sgrassa piacevolmente il palato dall’untuosità del fritto o dalla grassezza dei salumi.

L’etichetta del Lettere di Grotta del Sole

Queste realtà vivacemente tinte di storia popolare, che da secoli scorre tra i vicoli di Napoli, dove rassegnazione, arte di arrangiarsi e povertà spesso si incrociano con il piacere di una pizza ed un buon bicchiere di Lettere o Gragnano, rimedio cheap and easy per allontanare i pensieri gravosi e caricarsi di ottimismo tutto partenopeo dove ogni giorno è un giorno nuovo. Grotta del Sole è un’azienda che produce nei Campi Flegrei, anche questo territorio è caratterizzato dalla produzione di vini dal sorso facile e schietto, ma anche da una storia antichissima legata allo sbarco dei greci su queste coste. La famiglia Martusciello  è molto attenta al mercato e quindi non ha tralasciato la possibilità di continuare la produzione del Lettere, vino nazional popolare sempre graditissimo sulle tavole dei napoletani, ma anche dai turisti che in Terra di Sirene sono sempre più numerosi e avidi di assaporare la tradizione enogastronomica del luogo. Il vino viene fatto rifermentare in bottiglia, ricorda la piacevolezza di un Lambrusco o della Bonarda, ha profumi vinosi,fruttati di lamponi e fragoline, poi floreali di rosa, il sorso è fresco, sottile e caratterizzato da una leggiadra effervescenza. Dopo averlo abbinato ad una tradizionale pizza margherita, musicalmente non posso che scegliere una canzone napoletana, una di quelle che hanno fatto il giro del mondo, dai toni gai e gentili, caratteristiche che accompagnavano sempre i modi del popolo napoletano, che spesso cerco tra i vicoli del centro storico e nelle vecchie pizzerie, allora Mierolo Affurtunato, interpretato dal grande Sergio Bruni.

Questa scheda è di Marina Alaimo

Quarto (Na) Via Spinelli Tel.081. 0818762566 www.grottadelsole.it

10 commenti

  • Denny

    (4 marzo 2011 - 08:10)

    Ecco un vino semplice ma spettacolare insieme al suo fratello gemello Gragnano (leggermente meno abboccato), un vino che si abbina con tutto, dall’aperitivo al dolce, alla frutta (eccezionale con le fragole), altro che mojiti, chupiti e ammenicoli vari….
    Bevetelo senza problemi la sua leggerezza ne consente un bicchiere in più, siamo sugli 11-11,5 gradi leggermente fresco.
    Prosit!

  • claudio nannini

    (4 marzo 2011 - 14:01)

    non so se la piacevolezza rientri nei parametri dl giudizio di un vino. Qualora cosi fosse, secondo me Lettere e Gragnano sarebbero in testa alle classifiche.

    • Lello Tornatore

      (4 marzo 2011 - 17:01)

      No, teoricamente non dovrebbe rientrare, ma si dice anche che il vino migliore è quello che piace di più…;-))

  • Denny

    (4 marzo 2011 - 17:43)

    Secondo me il Lettere come il Gragnano dovrebbero essere i primi vini da far assaggiare ad una persona astemia che vuole avvicinarsi al mondo enologico.
    Riporta direttamente al frutto dell’uva, ai profumi che si sprigionano nella vendemmia e nelle cantine in cui si vinifica, insomma l’A B C del vino, ma che ABC!!!!
    Carpe diem

  • antonio

    (4 marzo 2011 - 21:11)

    Grazie Denny vivo al nord da 40 anni ma nativo del nolano ,mio padre beveva asprino di aversa e gragnano buomi ricordi.
    sono all’abc .è commercializzato ln provincia di Novara?

  • antonio

    (4 marzo 2011 - 21:17)

    il lettere e il gragnano sono in vendita in provincia di novara? grazie

    • Denny

      (7 marzo 2011 - 07:59)

      Ciao Antonio,
      se ti può servire un riferimento in provincia di Milano spesso li trovo in alcuni ipermercati della catena distributiva Auchan.
      buona giornata

  • Marina.

    (4 marzo 2011 - 21:30)

    Antonio scrivi direttamente all’azienda e chiedi informazioni. info@grottadelsole.it

  • antonio

    (4 marzo 2011 - 23:05)

    che % si riserva la cantina sul prezzo ? grazie

  • GINO SORBILLO

    (6 marzo 2011 - 23:48)

    MARINA….OTTIMO E PROFESSIONALE SERVIZIO SULL’ABBINAMENTO VINO-PIZZA !!!!!! BRAVISSIMA !!! HAI SCELTO MOLTO BENE SIA L’AZIENDA VINICOLA CHE IL TIPO DI VINO DA ABBINARE ALLA “NOSTRA” SPECIALITA’ ALIMENTARE. CON POCHE PAROLE HAI DATO UNA GRANDE LEZIONE. COMPLIMENTI.

I commenti sono chiusi.