Linguine con acciughe, Lenguine sfritte

Letture: 127
Linguine con le acciughe

di Tommaso Esposito

Quando non c’è tempo e vaco ‘e pressa: linguine sfritte.
Piatto semplice, povero, ma ricco di sapore e di profumo se le acciughe, l’olio e l’aglio son di qualità.
Ah, poi c’è il rito dello sfrigolio,
Non lasciatevelo sfuggire.
Provate a concentravi sull’impatto dei filetti di acciughe nella lava bollente dell’olio ora che l’aglio dorato vien levato.

Vhuuum, sshhfffrrìììjjjjjj.

Rude suono è lo sfrìjere, tumultuoso e veloce.
Non è lo frìjere, temperato e lento .
E soave sentore esala lo sfrìjere per le narici giacché:

Mo’
Lo cefaro sautava frisco frisco
da la tiella quanno lo frìjeva

Ma è
A lo sfrìjere ca siente l’addore!!!

Gli ingredienti

 

Ingredienti per 4 persone

Acciughe salate 4
Olio evo 80 gr
Aglio 2 spicchi piccoli
Prezzemolo, peperoncino se piace, q.b.
Linguine 350 gr

Le acciughe

 

Procedimento

Far andare in padella con l’olio finché imbiondisca l’aglio e levarlo.
Unire all’olio i filetti delle acciughe diliscate che si scioglieranno quasi del tutto.
Nel frattempo le linguine erano state calate in acqua bollente non tanto salata.
Levarle al dente e via in padella con qualche cucchiaiata di acqua di cottura.
Si salti velocemente.
Nel piatto con il prezzemolo.
Ci sarà qualche croccante frammento di acciuga non dissoltasi del tutto.
Buonissimo.

Linguine con acciughe, Lenguine sfritte

6 commenti

  • salvatore forte

    (26 giugno 2012 - 13:03)

    è fra i miei piatti preferiti.

  • Marcello

    (26 giugno 2012 - 13:29)

    Semplice e SUPER!!!…….Lo dico sempre che Tommaso e’ THE BEST

  • tonino petrella

    (26 giugno 2012 - 14:01)

    Non aggiungo nulla se non del prezzemolo fresco e profumato secondo la mia idea di prezzemolo (ve ne sono di alcune specie che hanno un aroma bastardo) e ribadisco che trovare delle acciughe salate all’altezza del compito è difficile, a meno che non te le facciano assaggiare, il chè non sempre è possibile.

  • MARIO STINGONE

    (26 giugno 2012 - 20:27)

    E’ un piatto che piaceva tanto a mio padre, ma lui ci aggiungeva anche le noci !

  • La nipote di zia Betta

    (26 giugno 2012 - 22:28)

    … e la mollica di pane.

  • Tommaso Esposito

    (27 giugno 2012 - 00:27)

    Le noci, la mollica di pane.
    Ecco. E’ il grande gioco delle varianti che arricchisce la Tavola di Pulcinella.
    Ogni famiglia ha la sua ricetta.
    E ciascuna rimarrà eterna.
    Imperitura.

I commenti sono chiusi.