Loggia della Serra 2002 Greco di Tufo docg

Letture: 70

TERREDORA

Uva: greco di Tufo
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciao

Tre anni sono il tempogiusto per bere questo bianco al massimo della sua potenzialità. L’annata è stata corta, inutile negarlo, ma ha regalato belle soddisfazioni al Sud, sicuramente molte di più di quello che ci si aspettava all’inizio quando i viticoltori si fasciavano la testa prima del necessario. Lucio Mastroberardino si conferma valido interprete del Greco di Tufo proponendo questo cru dei vigneti di Montefusco, come il fiano, in una interpretazione classica che non ammette repliche o discussioni. Ancora una volta i varietali di questi due grandi vitigni a bacca bianca irpini si confermano ben definiti, riconoscibili, ricchi dunque di tradizione enologica a nostro avviso ben più consolidata dell’aglianico. Al naso arriva molta frutta bianca accompagna ancora da qualche nota di erbe mediterranee, in bocca la struttura è notevole,sappiamo infatti che il Greco è un rosso travestito, il grado alcolico resta a quota 12,5 e questo è sicuramente il segno che non si cerca di stupire il palato giocando sull’alcol e la concentrazione. Da bereall’inizio sul pesce, poi con il passare del tempo anche su zuppe, minestre, paste con i funghi, sempre insomma quando non c’è pomodoro.

Sede a Montefusco, via Serra. Tel. 0825 968215, fax 0825 963022. E mail:  info@terredora.com , sito:  www.terredora.com. Enologo:Lucio e Paolo Mastroberardino. Ettari: 125 di proprietà e 30 in fitto.Bottiglie prodotte: 1.000.000. Vitigni: aglianico, piedirosso,sciascinoso, fiano di Avelino, greco di Tufo, falanghina, coda di volpe.