Lsdm 2016: il programma di Roma 10-11 ottobre

Letture: 1261
Lsdm Roma
Lsdm Roma

Se per materia si intende ciò che costituisce tutti i corpi e ne determina la massa e l’estensione, quando noi parliamo di cucina di materia a cosa ci riferiamo?

Se la materia è la sostanza di cui è costituito un oggetto possiamo dire che la cucina di materia è una cucina che ne esalta l’espressione nella sua essenza?

In questi anni di LSDM concentrati sulla mozzarella abbiamo notato diversi approcci sul palco, chi lasciava il prodotto integro lavorando su abbinamenti, temperature e consistenze e chi è arrivato a totali estremizzazioni. La spettacolarizzazione è spesso materia di curiosità maggiore da parte del pubblico, attirato dalla complessità di tecnica.

Nella tappa romana vogliamo raccontare la cucina che vede come unica spettacolarizzazione la forza dell’ingrediente.

 

_____________

10 ottobre 2016

 

Salvatore Tassa, Colline Ciociare- Acuto
Moderato da Enzo Vizzari

 

Luciano Zazzeri, La Pineta- Marina di Bibbona
Moderato da Eleonora Cozzella

 

Valeria Piccini, Da Caino –Montemerano
Moderata da Lorenza Fumelli

 

Peppe Guida, Antica Osteria Nonna Rosa – Vico Equense
Moderato da Lorenzo Sandano

 

Cristina Bowerman, Glass – Roma
Moderata da Luciano Pignataro

 

 

_____________
11 ottobre 2016

 

Errico Recanati, Andreina –Loreto
Moderato da Paolo Marchi

 

Alfonso Pepe, Pasticceria Pepe –Sant’Egidio del Monte Albino
Moderato da Sara Bonamini

 

Marcello e Mattia Spadone, La Bandiera –  Civitella Casanova
Moderato da Luigi Cremona

 

Michelina Fischetti, Oasis Sapori Antichi – Vallesaccarda
Moderato da Guido Barendson

 

Pasquale e Gaetano Torrente, Al Convento-Cetara
Moderati da Massimiliano Tonelli

Un commento

  • bruno soviero

    (27 luglio 2016 - 18:16)

    Ho partecipato alla due giorni di LSDM di Paestum e mi sono chiesto: come mai una così interessante manifestazione di promozione della mozzarella campana non è stata sponsorizzata e supportata dal consorzio dei produttori di mozzarella di bufala campana e come mai erano comunque assenti i migliori e più noti produttori della piana del sele? E’ così anche per la manifestazione romana ?

I commenti sono chiusi.