lsdm Paestum: #Mezzanello Party per chiudere alla grande

Letture: 194
IMG_5995
Mezzanello party: Pasquale Torrente serve Davide Scabin

Il mezzanello party mi ha fatto definitivamente capire che ormai ho una certa età e devo iniziare a tirare i remi in barca. Quando infatti ho proposto di fare una festa con il mezzanello, Barbara mi ha candidamente chiesto: cosa è il mezzanello?
Le ho spiegato che il mezzanello era una trafila tipica del baby boom, quando già le mamme non avevano più tanto tempo da dedicare alla cucina perché era una pasta che faceva volume, facile da gestire in cottura, e soprattutto poliedrica sia con i sughi semplici (all’olio, al burro, al pomodoro, con il sugo di roast beaf, alla pizzaiola) sia più importanti e complessi come la genovese e il ragù. Napoli, ampolla antropologica e gastronomica, ha ancora tante trattorie che li usano ma facendo mente locale mi sono accorto che questa trafila era stata quasi abbandonata da tutti.

IMG_6028
Mezzanello Party: i mezzanelli alla genovese di lingua di Pasquale e Gaetano Torrente

Un  po’ perché nel decennio successivo è stata cannibalizzata dalle penne e dalle pennette, forse più divertenti da vedere e far mangiare ai bambini, un po’ perché un cuoco pluridecorato come un generale sovietico vincitore della seconda guerra mondiale mai farebbe una cosa così banale, e semplice.
Vinta la riluttanza giovanile di Barbara, e con l’aiuto di Albert, alla fine si è deciso di usare la splendida e accogliente struttura degli Oleandri, dove è facile sentirsi a casa tra belle ceramiche e cucina semplice ed immediata, per la festa finale.

IMG_6018
Paolo Gramaglia

Abbiamo deciso di tenere segreto il party per evitare un assalto esagerato e cercato di chiudere in maniera intima, semplice, questa fantastica edizione delle Strade della Mozzarella 2016 che sarà superata solo dalla successiva, la decima. E poi è stato chiesto ai cuochi di venire a cucinare senza clamore pubblico il loro piatto di mezzanelli per questo pubblico ristretto: a loro va un plauso esagerato, perché hanno lavorato fuori dai clamori mediatici e questo è l’unico post che ricorderà questo straordinario impegno.

IMG_6049
mezzanelli cotti in sauté di vongole, cime di friarielli, zeste di limone e gamberi di nassa di Paolo Gramaglia

Abbiamo goduto così della genovese di Pasquale Torrente, mattatore della serata sotto o sguardo severo del figlio Gaetano. E poi quelli di Paolo Gramaglia, unico cuoco stellato scelto perché è nel cuore del triangolo della pasta

IMG_6064
Giovanni Sorrentino

Giovanni Sorrentino si è mantenuto sulla ricetta tradizionale allardiata facendo poi un omaggio alla scarola riccia di Franco Pepe inaugurando la serie degli ommaggi all’inverso, quelli degli chef verso i pizzaioli.

IMG_6062
I mezzanelli allardiati di Giovanni Sorrentino
IMG_6031
Omaggio a Franco Pepe: mezzanielli con scarola riccia, capperi, olive e acciuga di Giovanni Sorrentino
IMG_6021
Antonio Petrone

Genovese classica invece per Antonio Petrone di Pensando a te a Baronissi.

IMG_6022
i Mezzanelli alla genovese di Antonio Petrone
IMG_6043
Andrea Napolitano

Ricerca di territorio da parte di Andrea Napolitano, nuovo chef a Palazzo Marziale di Sorrento.

IMG_6044
Il mezzanello era con datterini gialli alla pizzaiola ,stracciata di bufala e minuzzaglia soffiata di Andrea Napolitano
IMG_6037
Faby Scarica

Faby Scarica di Villa Chiara Orti e Cucina  ha riproposto la bontà dell’orto sorrentino in modo fresco e toccante.

IMG_6041
mezzanelli e carciofi alla brace, con kefir estratto di menta e limone candito di Faby Scarica
IMG_6058
Riccardo Fagiano e Michele de Martino

Infine da Evù a Vietri la voglia di mare e di stagione con il tonno e i carciofi.

IMG_6056
mezzanello carciofo tonno e mozzarella, Riccardo Fagiano e Michele de Martino

Il grande ritorno della semplicità e della essenzialità, insomma, la rivincita di una pasta quasi dimenticata da più di trent’anni e tanto dovertimento.
Poi, in verità, la serata per alcuni è proseguita a Brezza Marina, ma questo non si può raccontare e mai ne saprete nulla perchè io non c’ero:-)

IMG_6077
i gelato preparati da Gaetano Iannone executive chef dell’Oleandri Resort

3 commenti

  • Cooking in Rosa

    (3 maggio 2016 - 11:14)

    Bellissima serata :)
    E confesso che i mezzanelli non li conoscevo neanche io!
    Da quella sera agli Oleandri mi si è aperto un infinito mondo fatto di ricette con questo formato.
    Per non parlare poi di una cacio e pepe successiva …
    Ma quella non l’ho mai mangiata!
    No, no …

  • Francesco Mondelli

    (3 maggio 2016 - 15:20)

    Altro che tirare i remi in barca:imbarcare tanti cuochi per farsi cucinare i mezzanelli(dalle mie parti detta la pasta dei carrettieri) è puro potere mediatico.Stupidate a parte é ,come giustamente suddetto,formato molto versatile ma di difficile reperibilità per cui sarebbe stato molto apprezzato un’ulteriore sforzo per darci qualche dritta sui pastifici che ancora lo producono.Personalmente trovo il formato molto appropriato con il sugo della pizzaiola ,ma sono di sicuro Intriganti e stimolanti i piatti proposti dai cuochi su menzionati.Sempre con sincera amicizia Francesco Mondelli.

  • Giggino

    (3 maggio 2016 - 17:24)

    Mezzanelli, dalle mie parti detta pasta dei carrettieri, … .Mah, di che parte sara’ costui…

    Egregio Signore, per carita’ non sono del mestiere, sono un semplice visitatore del sito. Le dico solo che se non lascio rapidamente la pagina, inizio a prendere a morsi il video del portatile.

    Bellissima iniziativa.

    Saluti

I commenti sono chiusi.