Lucca è Biodinamica. L’Italia applauda

Letture: 149
Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

di Riccardo Franchini

Ore 17.30 Fattoria Sardi Giustignani. Location ideale. Iniziano le parole.

Ci hanno appassionato con le parole (clicca i nomi delle aziende per le loro pagine facebook): Saverio Petrilli (Tenuta di Valgiano), Giuseppe Ferrua (Fabbrica di San Martino) Gabriele da Prato (Podere Concori), Federico Martinelli (Az. Agricola Nico bio).

Lucca e la Biodinamica.

L’uomo al centro di un processo agricolo. L’uomo che interagisce con la natura.

L’uomo che guarda capisce. L’uomo diventa natura in armonia con la terra.

L’uomo costruttore di salute.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

La biodinamica come mezzo e non come fine.

L’uomo e Lucca.

Lucca Biodinamica è un caos ribollente di pace armonia e interazione con la natura di chi ha mollato e regalato al passato le armi del convenzionale.

Ora prende i frutti che sole luce acqua e terra offrono per ringraziarla.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

Il rispetto della natura. Ascoltarla. Guardala. Goderne.

Non potrà che essere il futuro. Basta volerlo.

Queste le parole che ho avuto la fortuna di ascoltare nella giornata più luminosa dell’anno.

Questi i fatti e i frutti di Lucca Biodinamica.

Questo il futuro. Basta volerlo.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

Fattoria Sardi Giustignani. Ore 19.00. Inizia la degustazione.

Ci hanno fatto godere con il cibo Chef Cucinieri Macellai in ordine sparso (clicca i nomi dei locali per le loro pagine facebook) : Damiano Donati (Punto) Andrea Bertucci (Vecchio Mulino), Michelangelo Masoni (Macelleria Masoni), Croco e Smilace, Caseificio Marovelli,  Antica Locanda dell’Angelo, Antica Locanda di Sesto, Diavoletti, Giglio, Cristiano Tomei (Imbuto), Osteria del Manzo, Locanda di Mezzo, Maurizio Marsili (Locanda Vigna Ilaria), Mecenate, Osteria dello Stellario, Leonardo Calò (Pec – Port Ellen Clan), Maestà della Formica

Cilindri aperti a tirar fuori non stelle filanti ma stelle di natura. Mani e anime dell’uomo.

Intorno a noi tavoli e botti a contenere i frutti della terra. Il lavoro dell’uomo.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

Intorno a noi le persone che stanno dando un valore aggiunto a Lucca.

Panini zuppe formaggi salumi carne pesce marmellate verdure. Vino.

Calici di vino bianco rosso rosato.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

E Lucca è presente interessata con il punto di domanda in fronte.

Domanda interesse. Degustazione. Approvazione. Obiettivo raggiunto.

Condivisione biodinamica.

Presto il punto dovrà essere esclamativo.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

Lucca Biodinamica. Questo il presente. Questo il futuro. Basta volerlo.

Intanto da domani nella carta dei vini cercherò sempre un biodinamico.

Lucca Biodinamica
Lucca Biodinamica

Per tutti i ristoratori un obbligo averlo.

Un ringraziamento particolare ad Amelia di Loveat-Italy  per l’invito.

2 commenti

  • Fabrizio Scarpato

    (3 luglio 2015 - 10:41)

    Belìn… una folgorazione sulla via di San Giovanni. ;-) So che Saverio Petrilli sa essere affascinante e convincente, capisco anche il fare “sistema”, ma fare della biodinamica un obbligo, un punto esclamativo, un obiettivo, una panacea per tutti i mali mi sembra eccessivo. Perché sono d’accordo che la biodinamica (come il tradizionale, il biologico, il “quello che vi pare”) sia solo mezzo e non fine. Il fine è il vino buono e bello da raccontare, senza tanti sbandieramenti, pur nella legittimità assoluta della rivendicazione delle proprie idee e del proprio modo di pensare.

  • Riccardo

    (3 luglio 2015 - 14:44)

    Folgorato sempre. :-).Far squillare le trombe a chi ha messo ottimo fiato. Alla fine conta il “vino buono” tutti d’accordo. Raggiungerlo in biodinamica un valore aggiunto forse il massimo.

I commenti sono chiusi.