Magica serata all’Hilton per la presentazione del 101 Vini organizzata dall’Ais Roma

Letture: 100
La degustazione con Daniela Scrobogna

Si è svolta ieri pomeriggio, presso il Cavalieri Hilton a Roma, la presentazione del libro “101 Vini da bere” di Luciano Pignataro organizzato dall’Ais Roma.


 Tutto esaurito in sala, con oltre 150 presenze tra produttori, appassionati, giornalisti, sommelier e simpatizzanti: Franco Ricci e big Luciano hanno colpito nel segno! Durante la presentazione sono stati offerti, attraverso una affascinante degustazione guidata, nove dei centouno vini presenti nel libro. Ma procediamo con ordine.

Il Catarratto Terre Rosse di Giabbascio di Centopassi, naso dapprima ridotto ovviamente poiché era un 2009 (evidenziava note di castagna bollita), dopo un bel po’ s’è aperto magnifico con fiorali finissimi, freschezza da vendere, tosta tost; chiusura lunga forse appena amara: questo vino ha dalla sua  anche una bellissima storia da raccontare, che va da Peppino Impastato a Pio La Torre (era presente in sala anche il produttore). Il mio preferito ieri.

Il Pinot bianco 2008 di Petrussa, tenue nel naso, attacco di bocca fluente, molto sapido e molto molto molto minerale in retrolfatto: vino più di bocca che di naso, dal bel corpo esile.

Terzo calice, il Fiano di Ciro Picariello: il produttore, presente in sala, ci ha offerto in degustazione la 2007, annata calda e asciutta, lavorata su lieviti selvaggi, proveniente da due vigne, una più giovane e meglio esposta, l’altra più vecchiotta, esposta appena meno bene: questo splendido Fiano mescola sapidità, iodio e affumicato insieme, note queste tre che moltiplicandosi in bocca grazie alla prodigiosa progressione vettoriale degli aromi, gli conferiscono oltre ai varietali più noti (il vino è, peraltro, tutto acciaio) un’originale, lievissima nota molto vicina all’odore di stoccafisso. Balance di acidità perfetto, molto lungo. Da frequentare in continuità per altri dieci anni almeno. Bello, bello, bello.

Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo 2005 Rosa-ae di Torre dei Beati (presente in sala il produttore), rosato ben fatto, elegante al naso, rotondo al palato che chiude lungo. M’è piaciuto.

Quinto sorso, il Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2006 di Crociani: un racconto di vita molto intenso quello fatto dalla produttrice presente alla manifestazione, fatto di gioie, di dolori, pieno di presente e di futuro, di incertezze e di tentennamenti ma anche di tanta poesia. Il vino? Fruttato rosso, erbaceo, terra e torrefazione, bel naso interessante, con legno insieme molto presente ma in disparte, e bocca leggera, fresca fresca, molto bella cioè fine, lunga. Titolari in sala.

Ancora un rosso, un Barbaresco, La Casa in Collina 2006 di Terre da Vino: un po’ di legno da digerire ancora, comunque molto fine al naso,  tannico e lungo, baroleggiante in stemperamento, leggero. Epperò che bel prodottino!

Gli ultimi due rossi, un calice profondo e un calice segreto. Il primo è l’Aglianico del Vulture Terra dei Fuochi, 2007 di Carbone, naso profondo ma legnosetto, secondari in netta evidenza (c’è difatti molto fruttato), tannino appena amaro, buona bevibilità nel complesso dovuta alla fine sapidità e alla freschezza, tanta sostanza minerale in retrolfatto, da riassaggiare tra un buon paio d’anni, così come evidenziato da Luciano Pignataro al produttore.

Il segreto (un po’ di pulcinella, per la verità, almeno per chi frequenta i wineblog) è AR.PE.PE, azienda lombarda, della Valtellina. Grumello Rocca de Piro Riserva, 2004: sei anni di attesa per svelarci il loro segreto. La titolare ci ha illustrato il lento lavoro di affinamento che eleva questo originale rosso al rango di chiaretto, o quasi: spiazza scarico di sostanza, ma brilla tutto il calice perfino l’unghia arancio. Timido, parimenti, al naso e in bocca. Al riassaggio la scoperta, note animali, consistente acidità che tira e ampiezza da vendere. Esile e delicato ma tosto, tosto assai. Uno di quei vini che t’affascinano perché capisci perfettamente di non poter affarrare, almeno subito.

La chiusura? In dolcezza! Il Custoza La Valle del Re Passito 2005, Villa Medici ci ha offerto questo bianco non molto caldo (siamo poco oltre i 13 gradi), selezionato da big Luciano: naso tabaccosissimo, ovviamente con belle note di fiori secchi; bocca felicemente appena scarica, poco ricca, leggera e tesa, coerente e sapido in chiusura.

Da sinistra: Sara Carbone

 Al termine, tutti in fila per un autografo o una foto:  questo successo editoriale difatti a Roma sta praticamente esaurendo la sua seconda ristampa. Infine, un complimento, mio personale, ai commis di sala (la scuola romana dell’Ais si vede), tutti ragazzi cordiali e molto professionali.

101 volte prosit!                                                                             

Gaspare Pellecchia 

 P.S. ma se il vino è scoperta (anche dell’altrui inconscio?) allora una cosa ho capito, finalmente, del Pigna: il suo chiodo fisso deve essere proprio quando una forma molto esile esteticamente, s’incontra, giù giù nel profondo, con una vena  molto “tosta”. Cifra stilistica che accomunava, ieri all’Hilton, tutti i nove grandi calici in batteria.

Le foto sono di Martino Iannone

8 commenti

  • Luciano Pignataro

    (22 aprile 2010 - 20:08)

    In poche parole: l’eleganza. In un oggetto, in un uomo, in una donna. Idee e presenze mai imposte ma lasciate intuire, intravedere, scoprire
    In poche parole: tutto ciò che non è cafone

    • Giuseppe Grammauta

      (22 aprile 2010 - 23:39)

      Complimenti Luciano!

  • nico

    (23 aprile 2010 - 00:43)

    Organizzazione da clinica svizzera, passione da italiani…un bellissimo pomeriggio…Per me la “notizia” è la sorpresa – direi la meraviglia – con cui il pubblico in sala (appassionati e professionisti, tutti selezionatissimi non gente da calice pieno a tutti i costi) scopriva il prezzo dei vini in degustazione…è il bello dell’Italia (e del libro di Luciano) ovvero come bere benissimo con 5 euro a bottiglia!
    Ometto di commentare sulle numerose signore in fila per un autografo sul libro…

  • gaspare pellecchia

    (23 aprile 2010 - 08:11)

    insomma ci siamo divertiti..
    ;-)

  • Mauro Erro

    (23 aprile 2010 - 12:51)

    Molto contento. Molto :-)

  • francesco

    (24 aprile 2010 - 09:45)

    Ho apprezzato moltissimo il servizio, peraltro accompagnato da un brano dei Pink Floyd che amo in modo particolare: mi sarebbe tanto piaciuto essere presente all’evento.
    Sono felice per il successo dell’ottimo vino della Centopassi: la mia Sicilia vera, quella da raccontare, da far conoscere bene a tutti i giovani siciliani (soprattutto). La Sicilia dei Peppino Impastato, Pio La Torre, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Don Pino Puglisi……………………………………………………………………………..
    la Sicilia dei ragazzi di Addio Pizzo, di Libero Futuro, delle cooperative di Libera, di tutti quanti si dannano giorno dopo giorno, con enormi sacrifici, per riscattare questa nostra meravigliosa martoriata terra.
    Forza! Andiamo avanti così, siamo sempre più numerosi e determinati.

  • Monica Piscitelli

    (25 aprile 2010 - 18:14)

    una bella serata dove sarei voluta essere, se fosse stato possibile. …complimenti!

    • Luciano Pignataro

      (26 aprile 2010 - 11:00)

      A Napoli solo chiacchiere…

I commenti sono chiusi.