Magnolia Hotel Byron: Cristoforo Trapani a Forte dei Marmi

Letture: 1409
Magnolia Hotel Byron, Cristoforo Trapani
Magnolia Hotel Byron, Cristoforo Trapani

La Magnolia Hotel Byron
Viale Morin, 46.
Tel. 0584.787052
www.hotelbyron.net
Sempre aperto

Avevamo lasciato Cristoforo Trapani a Piazzetta Milù dove non ci aveva mai eccessivamente convinto, non tanto per la padronanza tecnica quando per la linea delle proposte sempre po’ avulse dal territorio e preoccupate più di esibire quello che si era imparato in giro che di centrare i sapori con un pizzico di audacia.

Magnolia Hotel Byron
Magnolia Hotel Byron

Avevamo però desiderio di verificare cosa stesse succedendo a Forte dei marmi e abbiamo profittato del ritorno da Vinitaly per una verifica al volo.

Magnolia Hotel Byron, esterno
Magnolia Hotel Byron, esterno

Il risultato è decisamente incoraggiante: Cristoforo ha centrato una formula che fa trovare la Toscana con continui inserimenti campani. Insomma, paradossalmente, la sua cucina è molto più regionale adesso di quando stava nella sua terra.

Magnolia Hotel Byron, il pane e i grissini
Magnolia Hotel Byron, il pane e i grissini

Ma quello che conta di più è che lo abbiamo trovato maturato, più tranquillo, forse perché inserito in un clima meno competitivo e ansiogeno del mondo gastronomico campano, ma soprattutto con delle idee molto chiare e personali.
Chi viene a mangiare al Magnolia dell’Hotel Byron, affacciato sul lungomare di Forte dei marmi, non resterà sicuramente deluso.

Magnolia Hotel Byron, Anguilla laccata al finocchio
Magnolia Hotel Byron, Anguilla laccata al finocchio

Oltre all’anguilla, una sintesi della nuova cucina di Cristoforo è proprio il carciofo, per me un banco di prova ormai per misurare i cuochi come un tempo si faceva con il foie gras. Si tratta di un piatto a due velocità: il naso e il primo morso riporta nelle strade dei paesi vesuviani dove i carciofi si arrosticono all’aperto sulle carbonelle tra marzo e maggio. Una usanza popolare che adesso ritroviamo, con il senso di bruciato e di fumé, anche nelle cucina importanti.

Magnolia Hotel Byron, carciofo di Schito arrostito con lardo di colonnata
Magnolia Hotel Byron, carciofo di Schito arrostito con lardo di colonnata

Dentro invece il cuore morbido, rassicurante, piacione del lardo molto ben amalgato e gestito dai tannini del carciofo. Perfetto e goloso.

Magnolia Hotel Byron, gamberi rossi di Mazara, sedano rapa e mela verde
Magnolia Hotel Byron, gamberi rossi di Mazara, sedano rapa e mela verde

Diciamo che la cucina di Cristoforo Trapani ora tiene conto sempre più della necessità di rinfrescare i piatti lavorando sulle acidità.

Magnolia Hotel Byron, ravioli di moscardini alla luciana
Magnolia Hotel Byron, ravioli di moscardini alla luciana

Cosa che non avviene invece con questi moscardini alla luciana per il solito errore che fanno molti giovani chef: ossia la pasta fresca con i sentori di mare il 99% è sbagliata. La’laternativa è lavorare su una sfoglia molto più sottile che sia quasi impercettibile in bocca lasciando integro il sapore dei polpetti che invece è stordito.

Magnolia Hotel Byron, fettuccia con ricci di mare
Magnolia Hotel Byron, fettuccia con ricci di mare

Al contrario, la fettuccia con i ricci è buona, saporita, di grande impatto.

Magnolia Hotel Byron, risotto burro e acciughe
Magnolia Hotel Byron, risotto burro e acciughe

La tecnica di Cristoforo èinvece ben esaltata dal risotto, ben eseguito con una cottura giusta non terrona.

Magnolia Hotel Byron, Mescafrancesca con arselle, vongole e maruzzelle con crema di fagioli
Magnolia Hotel Byron, Mescafrancesca con arselle, vongole e maruzzelle con crema di fagioli

L’altro piatto della serata per noi è stata la pasta mista: per la prima volta in vita mia i legumi non hanno sovrastato in mare, ma lo allungano con quella terrosità che li contraddistingue e la dolcezza. Un piatti tecnicamente perfetto, saporito, e anche goloso.

Magnolia Hotel Byron, Triglia alla brace e limone verde
Magnolia Hotel Byron, Triglia alla brace e limone verde

Buona la triglia, il nostro pesciolino preferito, straordinaria l’esecuzione del caciucco, con una salsa intensa, ben dosata, frutto di una lunghissima preparazione che si lascia mangiare a cucchiaiate.

Magnolia Hotel Byron, come il caciucco
Magnolia Hotel Byron, come il caciucco

Di scuola il piccione, ancora una conferma tecnica inappuntabile. Anche in questo caso ci è piaciuto il tartufo ben inserito e non coprente.

Magnolia Hotel Byron, piccone, mela annurca e tartufo nero
Magnolia Hotel Byron, piccone, mela annurca e tartufo nero

E, prima del dolce, la “devozione”, il marker territoriale che non viene servito solo a noi e che dimostra però come Cristoforo sia sempre pronto a cogliere quello che c’è in giro per introdurlo nel suo lavoro. La nostra usanza di mangiare uno spaghetto alla fila sta facendo scuola.
Ah, spaghetto cotto alla perfezione!

Magnolia Hotel Byron, spaghetti al pomodoro
Magnolia Hotel Byron, spaghetti al pomodoro

Buono tutto il comparto dolce, non stucchevole, saporito, che ti acocmpagna dalla fine della cena alla colazione del giorno dopo.

Magnolia Hotel Byron, pre dessert conla pasta
Magnolia Hotel Byron, pre dessert con la pasta
Magnolia Hotel Byron, dessert
Magnolia Hotel Byron, dessert

 

Magnolia Hotel Byron, piccola pasticceria
Magnolia Hotel Byron, piccola pasticceria

CONCLUSIONI
La cucina di Cristoforo ha imboccato la strada della maturità. Il piglio dell’executive c’è tutto. Bisogna adesso sperare in due cose: che la proprietà ci creda sino in fondo lasciandolo esprimere sui budget e che lui ci creda fino in fondo programmando di restare qui per un lungo periodo imepgnando i mesi di chiusura non per fare cene quattro e a 86 mani, ma per crescere nelle cucine internazionali con duro lavoro. Sono convinto che, aiutato da un carattere pacioccone anche se un po’ ansioso, dalla tecnica di cui è ben padrone e dalla determinazione di essere solo all’inizio, nessun ostacolo gli sarà precluso.

Cristoforo Trapani con il sous chef Gianluca Ceolin e il maitre Daniele Chiodi
Cristoforo Trapani con il sous chef Gianluca Ceolin e il maitre Daniele Chiodi

 

Un commento

  • Marco contusi

    (23 aprile 2016 - 14:25)

    Io mangiai da lui uno dei dolci più buoni provati…..cioccolato e tartufo…SLURP!!!

I commenti sono chiusi.