Malinconico Pellicano, come arrivare a un conto di 20mila euro

Letture: 179
Carlo Malinconico Castriota Scandeberg, ex presidente degli editori italiani (Fieg)

Aprile del 2008. Roberto Sciò, proprietario dell’albergo di lusso “Il Pellicano”commenta al telefono la lista di prenotazioni che l’imprenditore Francesco Maria Piscicelli (ora sotto processo per lo scandalo della cricca del G8 della Maddalena) intende effettuare per conto di Carlo Malinconico, ex  sottosegretario alla presidenza del Consiglio del Governo Monti. Piscicelli e Sciò discutono dei soggiorni tra da maggio ad agosto da prenotare nell’hotel di lusso per l’alto funzionario di Stato. Soggiorni che Piscicelli intende pagare personalmente. Alla fine il conto sarà di circa 20mila euro.

Le risate dell’albergatore: “Stai costruendo un grattacielo?”
Piscicelli: ti ho mandato… perché questa volta mi sono organizzato… un fax al Pellicano con tutto il programma del professore fino a fine agosto. Così ci organizziamo bene… Capito? A parte questi quattro giorni qua (cinque mila euro per quattro notti durante il ponte del primo maggio 2008, ndr), gli prenotiamo poi… Se mi dici con chi mi devo interfacciare….
L’albergatore: ma ascolta, il professore te lo sei…. (ride) come si dice… (ride)
Piscicelli: ho tutto il programma dei weekend…
L’albergatore: te lo sei adottato… (ride)

Francesco Maria De Vito Piscicelli, avventure in elicottero


Piscicelli: e che vuoi fare Robertino… Lui arriva domani ad ora di colazione…
L’Albergatore: avverto tutti… così gli diremo come siamo dispiaciuti (per non avergli dato la solita suite, ndr)

Piscicelli: così gli facciamo anche dire che per tutto il prosieguo cercheremo di accontentarlo…
L’albergatore: te lo sei adottato, ma quanti giorni questo… Così io vedo come venirti incontro poverino…

Piscicelli: io passo così discutiamo di queste prenotazioni.
L’albergatore: ma stai costruendo un grattacielo da qualche parte? (ride)

Piscicelli: poi ti racconto…. (ride)

Il giorno dopo Piscicelli chiama nuovamente Roberto Sciò per sapere se ha preso visione della lista.

Piscicelli: volevo sapere se hai visto…
L’albergatore: ho visto il fax e ci manca poco che svengo…

Piscicelli: riusciamo a fare tutto quello, sì?
L’albergatore: io ho dato disposizione immediatamente. Quella che aveva avuto la becca una volta sola perché è stragettonata.

Piscicelli: aiaiai…
L’albergatore: no, no, ha delle cose adeguate e simili…

Piscicelli: eh… va bene.
L’albergatore: una se la fa pure con piscina…. Sai queste cose migliori sono le più gettonate. Stranamente in questo periodo di carestia, tutto quello che è più caro va prima… (ride)

Piscicelli: strano… (ride). Tu lo hai visto?
L’albergatore: ancora no…

Piscicelli: facciamogli dire anche dal direttore che questa stanza che gli abbiamo dato è stata un caso….
L’albergatore: gli è stato detto e stradetto. Lui (Malinconico, ndr) ha anche risposto “per carità…” (ride). Il capo ricevimento gli ha detto: abbiamo fatto un miracolo. So che lui ha chiesto di me. Ora quando scendo lo cerco…

Piscicelli: Roberto, l’ultima cortesia. Dici al capo del ricevimento… Che naturalmente… poi passo io, faccio io… Non è che si distraggono e gli fanno il conto?
L’albergatore: Io già gliel’ho detto, ora glielo ridico… Ma non mi ricordo quando parte… Domenica o lunedì?

Piscicelli: lunedì mattina lui…
L’albergatore: mi auguro che sia veramente foriero… tutto questo tuo… (si riferisce al saldo dei soggiorni, ndr) di strabilie… (ride)

Piscicelli: eh che vuoi fare questa è una cosa continua…
L’albergatore: continua?

Piscicelli: Fosse solo questo, lui almeno è simpatico… Carino e simpatico… Lasciamo perdere…
L’albergatore: (ride)

Piscicelli: fa parte dei giochi che vuoi fare…. Di qualsiasi colore essi siano poi…
L’albergatore:  sì si… ma lui rimane lì adesso?

Piscicelli: no… no… Va ben, poi ti dico….
L’albergatore: va bene.

Piscicelli: grazie mille Roberto.
L’albergatore: no, grazie a te.

Roberto Sciò

La vicenda ha altri due protagonisti. Diego Anemone, imprenditore al centro degli affari della “cricca” del G8 e Angelo Balducci,  alto funzionario pubblico e all’epoca dei fatti capo del dipartimento dei Lavori pubblici.

Anemone chiede la prenotazione. “Me lo ha chiesto il capo, Angelo…”. Così prima che Piscicelli telefoni al titolare dell’hotel Pellicano per prenotare il weekend del ponte del primo maggio 2008 a favore di Carlo Malinconico, Anemone chiama Piscicelli.

Anemone: Francesco?
Piscicelli: Ehi Diego bello.

Anemone: Senti, stai su Roma?
Piscicelli: sì.

Anemone: mi chiede quel signore (Balducci, secondo gli inquirenti, ndr) no? Tu conosci un certo Pellicano?
Piscicelli: sì

Anemone: L’uno, il due, il tre e il quattro… Dicendomi che tu hai possibilità di farlo… Pensando all’altro discorso io… insomma o lui… Andrebbe fatta una riservazione per quel signore con la emme…. Il cognome…
Piscicelli: ci penso io…

Anemone: poi ci vediamo e insomma mi dici tutto (quanto viene, ndr)
Piscicelli: ma ci penso io…

Anemone: Eh no… Perché l’ha chiesto a lui… E lui ci tiene…. Angelo….
Piscicelli:  ma ci penso io. Ripetimi che giorni sono…

Anemone: L’uno notte, il due, il tre e il quattro. Il cinque riparte.
Piscicelli: “non so se riusciamo dargli la solita”

Piscelli prenota, ma ha dei problemi con la stanza. Non si riesce a dargli “la solita”.
Piscicelli: Ehi Diego

Anemone: Eccomi
Piscicelli: Mi ha chiamato Robertino… E’ tutto a posto…

Anemone: meno male…
Piscicelli: solo che adesso lavoreremo per cercare di dargli la solita, ma non sarà facile.

Anemone: Eh oh, sennò si accontenta di un’altra… Oggi che giorno è? Due giorni prima? Di sto periodo?
Piscicelli: va be, un tetto ce l’abbiamo.

Anemone: bene

Poi Anemone si organizza per aiutare Piscicelli a pagare in contatti la stanza. Senza fare assegni.

Piscicelli: io ho risolto tutto, ma ho un problema oggettivo che mi devi risolvere tu stamattina. Io sto partendo e vado. Questo weeKendino io devo passare (in albergo, ndr) e devo versarglieli cash…. Se tu mi cambi… Io ti do un assegno mio di 5mila e cinquecento… Mi sono fatto più o meno i conti e questo è…  Io devo andare dal direttore (dell’albergo, ndr) oggi pomeriggio.

Anemone: ok, se tu mi dai un’ora, ti mando un ragazzo… il programma di ieri si è integrato fino ad agosto qua… sempre a nome del capo (parlano di un lavoro forse legato a Balducci, ndr) e ti mando tra un’ora anche quello che mi stai chiedendo…
Pisciscelli: si ma io ti do l’assegno mio…

Anemone: no… intanto ti mando questo foglio e procedi. In più noi la prossima settimana ci mettiamo seduti. Perché questo (il soggiorno, ndr) viene da lui… viene a nome del capo (Balducci, ndr) questa cosa qua. Tu non devi fare niente, ti mando questo foglio con cinque.

Il Pellicano, Località Sbarcatello
Tel.0564.858111
Sempre aperto, ferie da novembre a Pasqua.

4 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (10 gennaio 2012 - 20:28)

    Questa ci vuole. Gallina uno: tu hai mai conosciuto un pellicano malinconico? Gallina due: prima no. Oggi due in un colpo solo.

  • Beniamino

    (10 gennaio 2012 - 21:54)

    Questo fa capire come funziona in Italia ad ogni livello e quanto ci tenga certa gente a cui la legge Bassanini ha regalato potere enorme. Sarà assurdo ma preferisco tutto il potere in mano ai politici, ci mettono la faccia, qualche volta vanno in galera, e all’elettore ogni tanto il piacere di tirargli monetine gli rimane. Ma tutto questo sottobosco di Direttori Megagalattici chi lo controlla? Ogni tanto qualcuno ci casca perchè attratto come le falene dalle luci del palcoscenico, ma la gran parte magna, sistema moglie e figli e cammina rasente i muri, come gli scarrafoni.

  • gaspare

    (12 gennaio 2012 - 20:58)

    a testa bassa. così vogliono vivere gli italiani. e così vivono, felici e contenti

  • Picetto (Maria Grazia)

    (16 gennaio 2012 - 18:33)

    Vergognaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ciao
    M.G.

I commenti sono chiusi.