Maradea 2004 Cirò rosso classico superiore riserva doc

Letture: 119

TENUTA IUZZOLINI

Uva: gaglioppo
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Un anno e mezzo è passato, il Maradea si conserva immobile così come lo avevo conosciuto. In bocca resta la freschezza di un frutto appena tolto dal frigorifero, i tannini sono risolti e velllutati, la beva scivola semplice ed elegante. Un bel rosso tradizionale che conferma la straordinaria capacità del gaglioppo di esprimersi con quella finezza assolutamente poco diffusa al Sud ma che solo con questo vitigno è possibile.

La beva è circolare, forse non emozionante ma molto composta e completa. Un rosso operaio al lavoro con alacrità su tutti i piatti, da quelli di magro a quelli esuberanti pomodorosi. Il vino sembra compiuti, ma imn realtà è ai suoi primi vagiti: prevedo una evoluzione sui terziari al di là di ogni immaginazione.

Assaggio 19 marzo 2008. Impostazione volutamente tradizionale, ove per legno si deve leggere botti di castagno dei monti della Sila costruite sul Vesuvio da La Tonnelerie. Il risultato è un Gaglioppo nel suo abito naturale a cui siamo sempre stati abituati e soprattutto affezionati: colore  rubino non concentrato, naso con la tipica frutta secca, tabacco biondo e piacevoli note balsamiche, in bocca grande acidità, tannini non aggressivi, struttura, insomma il colpo di reni a cui questo vitigno è vocato e che ci sorprende di continuo.

Della linea dei tre rossi più importanti, questo sicuramente è quello che più si avvicina al marker del Cirò: nasce nei vigneti di famiglia della zona Timpa Bianca, così chiamata per l’argilla candida del suolo che immediatamente colpisce il visitatore. Uno stile, insomma, che ricorda molto il Duca di San Felice di Librandi come era stato impostato da Severino Garofano: per questo attacca il cibo in maniera discreta ma assolutamente efficace, come è avvenuto nella bella cena con tutta la famiglia organizzata in azienda, nel corso della quale lo abbiamo provato con un crotonese e, ovviamente, con la pasta fresca al ragù. Come si dice, la morte sua. Sono convinto che questa riserva ha ancora molte cose da esprimere nel corso dei lunghi anni di vita che l’aspettano: viene prodotta in 15 pezzi ed esce a 11,50 euro dall’azienda. Gli appassionati possono dunque farsene una piccola scorta e vedere prossimamente l’effetto che fa.

Sede a Cirò Marina, sede legale in via Sottopalazzo 48. www.tenutaiuzzolini.it Tel. 0962.371326 e 0962.371326, fax 0962.379152. Enologo: Pasquale Iuzzolini. Ettari: 500 di cui 30 vitati. Bottiglie prodotte: 300.000. Vitigni: gaglioppo, magliocco, cabernet sauvignon, greco, chardonnay.