Marinara STG e l’inebriante profumo d’origano, altri descrittivi

21/4/2017 1.7 MILA
La Terrazza, la saletta nostalgica
La Terrazza, la saletta nostalgica

di Marco Galetti

La dichiarazione d’intenti di Patrizio Daniele, Pizzeria La Terrazza, Bettolino di Mediglia, associato STG numero 317

La Terrazza, dichiarazione d'intenti
La Terrazza, dichiarazione d’intenti

Il ricordo della pannocchia che mangiai a Napoli quando lo street food non era una moda ma la norma è ancora vivo, comunque, meglio cardi che mais sono tornato, eravamo rimasti qui, da Milano a Bettolino di Mediglia il viaggio è breve e con un po’ di fantasia, anche senza navigatore ci si arriva, basta seguire il profumo inconfondibile…

Sul mio personale podio c’è una rossa.

Lei guarda le altre dall’alto della sua lievitazione, il profumo inconfondibile è inebriante, è il profumo del pomodoro e dell’erba aromatica più utilizzata nella cucina mediterranea e nelle cucine di tante casalinghe disperate e non che da Trieste in giù, passando per Voghera, cospargono le loro pizze di Origanum vulgare.

Insaporire un’insalata di pomodori aumentandone paradossalmente la sapidità pur diminuendo il consumo di sale, preparare una pizzaiola il cui profumo spargendosi mette fame e allegria e quando vien la sera, magari al chiar di luna, la caprese potrebbe trovare nuovo sprint condita con un filo  di extravergine e spolverizzata di origano, insomma, s’allunga il conto e l’affare s’ingrossa, anche perché la pianta ha anche notevoli proprietà cosmetiche e, soprattutto, medicinali, è conosciuta infatti anche col nome di “erba del buon umore”, sembra funga da antidoto contro il nero nell’anima.

Questa pianta perenne , che può anche essere coltivata, cresce spontanea e, spontaneamente, evita di farlo in pianura padana, sarà per questo che qui l’apprezziamo maggiormente, la mancanza di disponibilità aumenta il desiderio, convivere con una velina spingerà l’uomo verso passioni culinarie…

La Terrazza, La Marinara con origano, il mio pranzo del venti aprile, l’ho piegata a libretto, ho guardato solo le figure e poi l’ho divorata pagina dopo pagina…sembra un invito ad affacciarsi alla Terrazza, lo è.

La Terrazza, La Marinara
La Terrazza, La Marinara

Tra allusioni e allegoria il passo è breve, rimanendo nel tema, c’è spazio luogo e tempo per un madrigale condivisibile…

Gabriele D’Annunzio – Alcyone – Madrigali dell’estate – A mezzodì

A mezzodì scopersi tra le canne
del Motrone argiglioso l’aspra ninfa
nericiglia, sorella di Siringa.
L’ebbi su’ miei ginocchi di silvano;
e nella sua saliva amarulenta
assaporai l’orìgano e la menta.
Per entro al rombo della nostra ardenza
udimmo crepitar sopra le canne
pioggia d’agosto calda come sangue.
Fremere udimmo nelle arsicce crete
le mille bocche della nostra sete.

…sembra passato un secolo, in realtà qualcosa in più, “A mezzodì” è datata primi del novecento, l’esperienza erotica tra le canne (da intendersi giunchi) regala rime baciate (e quali altrimenti) di grande spessore, da una consolle immaginaria arrivano versi ritmati e suoni, più che parole, richiami latini e classici giocano con i sensi, svelando una passione sensuale condita d’origano

La Terrazza, dettaglio Marinara con origano, un altro tipo di passione sensuale condita d’origano, ma altrettanto stimolante, un’altra bella prova del simpatico e appassionato Patrizio Daniele e del suo gentile e premuroso staff, latitano le STG in terra lombarda, teniamoci strette quelle poche che abbiamo, una è questa, dopo i fritti d’ordinanza e una pizza, andarsene senza aver provato il loro limoncello maison al babà sarebbe stato un sacrilegio, sarebbe stato…

La Terrazza, dettaglio Marinara
La Terrazza, dettaglio Marinara

 

6 commenti

    friariello

    (21 aprile 2017 - 10:17)

    Napoletano “maccheronico”il che è stano trattandosi di una…..pizzeria!

    Marco Galetti

    (21 aprile 2017 - 10:41)

    In effetti, insieme alle zeppole con le alghe e alle crocchette di patate, ho mangiato anche un’ottima frittatina di maccheroni, solo adesso mi spiego, perché la pizza è una sola…

    Virginia

    (21 aprile 2017 - 11:11)

    dichiarazione d’intenti meravigliosa :)

    Marco Galetti

    (21 aprile 2017 - 11:41)

    Cara Virginia,
    anche il mezzo milanese che c’è in me, comincia ad apprezzare il calore umano che a Sud distribuiscono attraverso parole che oltre Po non riusciamo a dire per natura…

    Mondelli Francesco

    (21 aprile 2017 - 22:09)

    Chiove e cumme sfaccimma chiove e ‘goppa da lammera plop plop plop che………….(Salvatore Di Giacomo).Certamente prosaica a confronto con la pioggia tra le canne del di-vino poeta ,rilanciamo con Pino Daniele “quando chiove Napule se ‘bonne e va pure l’aria sa dda cagnà”.Napoli in cartolina ,ma una signora marinara viva da far invidia anche a chi l’origano l’elargisce di preferenza alla pizzaiola con la segreta speranza di farla sua.FM.

      Marco Galetti

      (21 aprile 2017 - 22:53)

      Proprio questo intendo, con altri descrittivi, col profumo del pomodoro e dell’origano, arrivano anche pensieri & parole, oggi, che il repertorio di Mogol Battisti viene messo all’asta, chiove, è pioggia uggiosa

I commenti sono chiusi.