Marsala Vergine Soleras Riserva 1981 Cantine Pellegrino

Letture: 246

Marsala 1981

Uva: grillo e cataratto
Fermentazione e maturazione: legno

Le Cantine Pellegrino proprio quest’anno compiono ben 131 anni di attività nello splendido territorio marsalese, sull’estrema punta occidentale della Sicilia, nota per lo sbarco di Garibaldi con i suoi Mille. Intorno al vino Marsala gira l’economia di questo territorio da quando l’inglese John Woodhouse sbarcò qui per caso e decise di esportarlo in Gran Bretagna durante la seconda metà del Settecento.


La famiglia Pellegrino ha saputo cogliere con abile intuito imprenditoriale il vento a proprio favore,puntando con fermezza sulla produzione del marsala,   accrescendo nel tempo in maniera veloce fino a raggiungere numeri di produzione esorbitanti, ne sono chiari testimoni le dimensioni della cantina, ma soprattutto dei silos in cemento, trasformati poi in torri di quattro piani utilizzate per gli eventi e le degustazioni.

Le Cantine Pellegrino

Tutt’oggi rimane un’azienda dai grandi numeri, sono circa 7 milioni le bottiglie prodotte all’anno,  ma molte cose sono comunque cambiate. Bisogna stare al passo con i tempi, quindi si è ridotta la produzione del vino marsala, che ha visto un certo calo dei consumi in Italia, molto probabilmente per il notevole contenuto alcolico, mentre va sempre forte in Gran Bretagna,  e si è deciso quindi di allargare la  produzione anche ai vini destinati alla tavola ed ai vini passiti di Pantelleria. Il Marsala Vergine Soleras Riserva 1981 è sicuramente il più interessante tra i vini marsala prodotti da questa azienda. Ha grande carattere e notevoli capacità espressive, sia al naso che al sorso.

E’ prodotto con uve grillo e catarratto i cui vigneti si estendono da Marsala a Mazara del Vallo, su un tratto di costa dai colori unici ed indimenticabili: si estendono fino al mare sulla terra rossa alternata alla presenza della pietra tipica di questo areale, dal colore giallo ocra polveroso.


Una pianta di grillo

A questo marsale è dedicata una cura molto attenta, affina  oltre 25 anni in botti di rovere di Slavonia secondo le regole del metodo soleras, quello ideato per la produzione del vino Porto. Veste un bel colore ambrato brillante, il corredo aromatico è ampio ed intenso, ha sentori eterei e di resina che raccontano il lungo invecchiamento, poi la scorza di arancia candita ed il carrubo, ancora il miele di castagno e le sottili note  balsamiche, chiude sui sentori di frutta secca. In bocca è avvolgente, pieno, secco, caldo e lunghissimo. Può accompagnare formaggi pecorini di lungo affinamento, ma anche erborinati, si può osare inoltre con piatti di selvaggina e  stracotti di carne.

Questa scheda è di Marina Alaimo

Sede a Marsala, via del Fante, 39. Tel. 0923.719911. wwwcarlopellegrino.it. Ettari: 150 di proprietà. Bottiglie prodotte: 6.500.000.