Merano Wine Festival, Alfonso Caputo apre le perfomance all’Arena Gourmet

Letture: 30
Alfonso Caputo grande Chef rappresentante della Campania, apre la Kermesse in Gourmet Arena

E’ arrivato in largo anticipo Alfonso Caputo per verificare che tutto fosse in ordine, nessuna sbavatura nella sua cucina, il modo di comunicare il piatto deve essere al livello del piatto stesso. Mi faccio dire in anteprima quello che il pubblico aspetta mentre degusta il vino in abbinamento: Fois Aglianico Sannio doc di Fulvio Cautiero. Il piatto   è una Zuppa di fagioli cannellini  con tubettoni gratinati,  ricciola e ricotta di bufala, una sintesi di elementi di espressione del territorio di Nerano costituito da mare e collina.

Grande esaltazione e distinzione dei sapori, i piatti vanno certamente equilibrati, ma i sapori si devono sentire, poi interviene il vino a bilanciare l’equilibrio del piatto. Meglio mangiare pochi piatti in quantità più congrue, per fare il modo che il ricordo resti impresso, non bastano uno o due piccoli bocconi. Questaè la filosofia di Alfonso. La ricetta: aglio, olio e peperoncino, in padella, marinati in precedenza per utilizzare solo gli aromi, ricciola in panuria di pane raffermo tritato con erbe aromatiche fresche. si procede quindi alla gratinatura della ricciola e dei tubettoni. A parte , i fagioli, cannellini della zona di Gragnano,  precendemente spugnati in acqua  vengono bolliti, dall’acqua di cottura si ricava la zuppa. Il pesce indicato sul programma doveva essere un palamito, ma il pescatore di fiducia di Alfonso, Agostino, ha pescato una ricciola: si cucina solo quello che arriva dal mare:)

Si passa alla spiegazione del vino, eseguita dalla sommelier napoletana Fosca Tortorelli. Un abbinamento impegnativo ma indovinato.

La pasta artigianale uitilizzata è vesuviana essiccata lentamente a bassa temperatura, con trafilatura esclusivamente in bronzo.

Fulvio Cautiero da Frasso Telesino, produttore di Fois Aglianico, vino biologico del beneventano

L’assaggio del piatto mi lascia sorpresa: l’apparente costruzione di iingredienti si rivela di una semplicità estrema, sapori super distinti, sapidità, aromatico, fumè, tendenza dolce, diverse consistenze, per me un’ esecuzione notevole.

Zuppa di fagioli cannellini di Gragnano,, tubettoni e ricciola gratinati e ricotta di bufala

il pubblico ai tavoli è entusiasta, non si muove… tra poco Berardino Lombardo e Angelo D’Amico, alri due fari della Campania

da la nostra inviata a Merano Wine Festival Giulia Cannada Bartoli

Un commento

  • claudio nannini

    (6 novembre 2010 - 14:35)

    ottimo giulia…..ALLA VIA COSI. e saluti ad Alfonso, è sempre un grande.

I commenti sono chiusi.