Meteora 2006, Passito di Pallagrello

Letture: 110

CASTELLO DUCALE

Uva: pallagrello
Fascia di prezzo: da 15 a 20 euro
Fermentazione e maturazione: legno

Una bella sorpresa questa versione passito del pallagrello di Castello Ducale che abbiamo avuto modo di provare per la prima volta a fine agosto allo stand curato dall’Ais nell’ambito della ‘Festa del Vino’ di Castelvenere. Poi un nuovo assaggio, con un abbinamento  congeniale (pecorino laticauda ben stagionato con miele di castagno) ed il calice ci ha convinto appieno. A primo impatto il colore ha ricordato da subito le etichette passito da uve falanghina prodotte dalla guardiese ‘Aia dei Colombi’ e dalla castelvenerese ‘Ca’Stelle’. Un legame rafforzato dalla mano di chi lavora in cantina, il bravo Angelo Pizzi che per i risultati raggiunti con questi tre passiti mostra appieno la sua conoscenza di queste due vitigni autoctoni che presentano caratteristiche molto simili. Almeno in queste versioni dolci. Anche in questo calice della cantina di Antonio Donato, così come nelle due versioni di falanghina sopra menzionate, ritroviamo una bella spinta acida che rende la dolcezza mai stucchevole, capace di chiamare al successivo sorso. Al naso una bella confettura di frutta gialla, miele e note di tostatura fine. Al palato si mostra avvolgente, vellutato, bello denso e particolarmente fresco. Perfetto l’abbinamento anche sulla pasticceria secca. 

Questa scheda è di Pasquale Carlo   

Sede a Castel Campagnano. Via Chiesa, 35 – Centro di imbottigliamento ad Amorosi, via San Nicola 51. –  Tel. 0824.972460  –  www.castelloducale.com –  Enologo: Angelo Pizzi – Ettari: 12 di proprietà e 8 in conduzione – Bottiglie prodotte: 100.000 –  Vitigni: aglianico, pallagrello nero, pallagrello bianco, falanghina, coda di volpe.