Il prosciutto di Parma artigianale: otto indirizzi da non perdere

Letture: 6314
Prosciutto di Parma e pane di Matera
Prosciutto di Parma con pane di Matera

di Marco Contursi

Il prosciutto di Parma è sicuramente il prodotto di salumeria italiano più conosciuto nel mondo e purtroppo copiato e/o contraffatto. Caratteristica peculiare di questo prodotto è la dolcezza, mentre in altri prosciutti è caratterizzante una nota rustica. Sul Prosciutto di Parma nascono pure falsi miti come la denominazione doppia corona che non significa nulla poiché il prosciutto di Parma è quello che riporta la corona ducale a 5 punte sula cotenna con la scritta interna “Parma”. Non esistono prima o seconda scelta ma solo differenti stagionature e il numero di più di una corona serve solo se il prodotto è venduto a tranci come riconoscimento, si mette una corona a trancio.

Produttori validi:

Sono 160 le aziende produttrici e il seguente, non è assolutamente una classifica ma solo un elenco dettato da esperienza diretta e consigli con addetti del settore. Personalmente reputo che c’è molta eterogenia anche tra i prosciutti di una stessa azienda e ad esempio nell’elenco che segue non troverete uno dei produttori più famosi poiché in ben 3 assaggi recenti in posti diversi il prodotto non ha convinto. Lungi da me affermare che non è più un marchio tra i migliori ma mi limito a registrare il dato e quindi a non consigliarlo. Se qualcuno dei lettori conosce realtà produttive piccole e valide, lo segnali e gliene sarò grato.

__________
Casa Graziano

Casa Graziano prosciutti
Casa Graziano prosciutti

Parma 30 e Lode  Prosciutto di punta della azienda di Tizzano (PR) stagionato in una cantina a 700 metri di altezza sul livello del mare, per 30 mesi.

Località Capoponte
Tizzano Val Parma (PR)
Tel. 0521 855023
www.casagraziano.com

________________
Prosciuttificio Tanara

prosciutto di Parma Tanara
prosciutto di Parma Tanara

Da 50 anni l’azienda di Langhirano produce prosciutti dop partendo da una attenta selezione della materia prima. Arricchiscono la lista dei prosciutti un Antico Bianco, prosciutto fatto con maiali di ben 15 mesi alimentati senza siero e l’antico nero prodotto con cosce di maiali neri di Parma.

Via Fanti d’Italia, 73
Langhirano (PR)
Tel. 0521 852943-44
www.tanaragiancarlo.it

_________________
Salumificio Pedrazzoli

Prosciutto di Parma Bio Pedrazzoli PrimaVera Bio
Prosciutto di Parma Bio Pedrazzoli PrimaVera Bio

Storica azienda di  San Giovanni del Dosso (MN), una della poche realtà con allevamenti propri a garanzia piena della materia prima, Il crudo di Parma il Poggio della linea luxury stagionato almeno 24 mesi è prodotto con animali di oltre 13 mesi, offre al gusto una decisa dolcezza che svolta nella complessità se fatto con carni di nero di Parma.

via San Giovanni, 16/A
S. Giovanni del Dosso (MN)
Tel. 0386 757332
www.salumificiopedrazzoli.it

_______________
Salumificio Ghirardi

Prosciutto con Osso Classico Marca Farfalla DOP Ghirardi
Prosciutto con Osso Classico Marca Farfalla DOP Ghirardi

Il Prosciutto di parma dop gran riserva viene fatto con cosce di animali facenti parte del circuito dop e stagionato almeno 20 mesi, al naso è complesso,con note di sottobosco, un lieve muschio, ma dolce al palato come la migliore tradizione insegna.

Via B. Ferrari 3
Langhirano (PR)
Tel. 0521 861155
www.ghirardiprosciutti.it

_______
Simonini

prosciutto Di Parma Simonini Con Osso 24 Mesi Corona Dorata
prosciutto Di Parma Simonini Con Osso 24 Mesi Corona Dorata

Prosciutto di Parma 24 mesi corona dorata, fatto con cosce scelte e stagionato a 600 m di altitudine ha sempre ben figurato nelle degustazioni degli ultimi anni.

Strada Vallo di Sotto, 3
Località Castrignano
Langhirano (PR)
Tel: 0521 857545
www.simoniniprosciutti.com

______
Leporati

prosciutto di Parma Leporati
prosciutto di Parma Leporati

Il crudo Ouverture è il prodotto di punta di questa azienda che piace agli addetti del settore perché difficilmente esce un prodotto non all’altezza della fama.

Strada Provinciale per Langhirano, 29
Pastorello (PR)
Tel. 0521 854421
www.leporati.it

_______
Devodier

i prosciutti Devodier
i prosciutti Devodier

Salumificio che vanta uno dei prosciutti più stagionati, oltre 36 mesi, offre solo su prenotazione Secretum, un prosciutto che compie l’ultima fase della stagionatura in un locale senza finestre, con una fonte d’acqua a regolare l’umidità. Buono anche il base di 20 mesi.

Via Ponticella, 4
Mulazzano Ponte di Lesignano Bagni (PR)
Tel. 0521 861070
www.devodier.com

________
Sant’Ilario

prosciutto S. Ilario - immagine tratta da www.salumidiparma.it
prosciutto S. Ilario – immagine tratta da www.salumidiparma.it

Piccolo prosciuttificio di Lesignano, offre un prodotto artigianale ben stagionato, che ha sempre avuto un ottimo successo nelle degustazioni alla cieca. Davvero uno dei migliori prosciutti di Parma nelle versioni oltre i 30 mesi.

via Ponticella, 18
fraz. Mulazzano Ponte
Lesignano de’ Bagni (PR)
Tel. 0521 857144

ORA CONTINUATE A LEGGERE…

_______
Curiosità
Il suino si sdraia sempre sul lato destro quindi secondo i cultori più estremi del prosciutto di Parma la coscia sinistra è quella più buona per fare il prosciutto poiché non stressata dal peso dell’animale.

Prosciutto di Parma
Prosciutto di Parma

_____
Storia
_____

La storia del prosciutto di Parma ci riporta ai tempi dell’impero romano quando la zona era conosciuta per gli allevamenti suini e l’abilità norcine dei suoi abitanti. Parlano dei prosciutti prodotti in questa zona Polibio, Strabone, Orazio e Catone nel De Agricoltura che riporta un processo produttivo molto simile a quello attuale. Nel medioevo il lavoro di norcino fu codificato e riconosciuto come professione a sé stante. In un testo trecentesco chiamato Libro de cocina ci sono precisi riferimenti al prosciutto di Parma.

___________________
Tecnologia di produzione
___________________

Prodotto solo con cosce di suini pesanti nati e allevati in Italia, la zona tipica di produzione comprende il territorio della provincia di Parma posto a sud della via Emilia a distanza di questa non inferiore a cinque chilometri, fino ad una altitudine non superiore a 900 metri, delimitato ad est dal corso del fiume Enza e ad ovest dal corso del torrente Stirone. Il periodo di stagionatura decorre dalla salagione e non deve essere inferiore ai dieci mesi per i prosciutti tra i sette e i nove chilogrammi di peso ed ai dodici mesi per quelli di peso eccedente i nove chilogrammi. Non è ammesso nessun additivo oltre al sale.

______________________
Caratteristiche organolettiche

a) forma esteriore tondeggiante: privo della parte distale (piedino), privo di imperfezioni esterne tali da pregiudicare la immagine del prodotto, con limitazione della parte muscolare scoperta oltre la testa del femore (noce) ad un massimo di 6 centimetri (rifilatura corta);

b) peso: normalmente tra gli otto e i dieci chilogrammi e comunque non inferiore ai sette;

c) colore al taglio: uniforme tra il rosa ed il rosso, inframmezzato dal bianco puro delle parti grasse;

d) aroma e sapore: carne di sapore delicato e dolce, poco salata e con aroma fragrante e caratteristico;

Si abbina bene a frutta come fichi e melone. Col vino io adoro una grande bollicina italiana. Il prosciutto va tagliato sottile e poco prima di essere consumato per non farne alterare il gusto da aria e calore.

 

Per chi volesse conoscere gli altri produttori iscritti al consorzio può visitare il sito ufficiale www.prosciuttodiparma.com/it_IT/produttori

7 commenti

  • giuseppe mennella

    (1 settembre 2015 - 16:48)

    Ritengo il lavoro di Marco Contursi lodevole, soprattutto per che non ha grande esperienza del prodotto.

    Poi sta a noi decidere se ritenere il recensore affidabile oppure no (alla pari dei degustatori di vini), e
    questo mette in gioco la sua credibilita’ futura, sempre rimanendo in una comunita’ (forum) normale, cioe’
    senza contro-a-prescindere e entusiasti-sempe.

    Sicuramente sta a coloro che hanno produttori da consigliare, non recensiti in questo articolo, fare la loro
    parte. Solo con le discussioni argomentate che noi frequentatori del forum possiamo dare un contributo.

  • marco contursi

    (1 settembre 2015 - 17:37)

    Giuseppe immagino volessi scrivere “per CHI non ha grande esperienza”….comunque sono d’accordo con te soprattutto quando dici che tutti dovremmo dare un contributo propositivo…..in alti blog, gastronomici e non,i lettori intervengono molto di più, FORZA AMICI;dite la vostra, io per primo chiedo sempre segnalazioni per aumentare le mia conoscenze…..

  • Marco Contursi

    (1 settembre 2015 - 18:24)

    Beato Lei…..mare….vino….panino….io casa…acqua….tre mele…..troppi salumi ultimamente…..dieta a parte,io ho voluto dare un ristretto numero di nomi per chi non saprebbe cosa comprare in un elenco di tutti e 160 i produttori….un modo per agevolare chi vuole provarne uno buono senza perdersi tra oltre 100 nomi che per il profano sono tutti uguali ma non per chi aveva(oggi 98,6) superato il quintale a furia di provarne,comunque le lascio la mia mail,se ha piacere mi scrive la sua in privato e la aggiorno tramite mail come escono altri pezzi sui salumi,ne ho pronti due che reputo interessanti marcocont@live.it

    • Mario

      (27 novembre 2016 - 09:04)

      Bellissima iniziativa …. Descrizione ottima …la contatterò in privato per un consiglio ben mirato

  • giuseppe mennella

    (1 settembre 2015 - 19:35)

    Esatto “… per chi …”.

  • Marco Contursi

    (1 settembre 2015 - 20:36)
  • Andrea

    (29 settembre 2016 - 16:25)

    Complimenti. Ho solo qualche dubbio specifico sull’inesistenza del prodotto diviso in fasce. Vale lo stesso discorso del parmigiano: esistono prosciutti e forme di parmigiano selezionati in base al consumo. Al supermercato non finirà mai un Langhirano DOP 32/36 mesi, per dire.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>