Dieci spumanti campani per Ferragosto

Letture: 231

Spumanti Campani
di Elisabetta Adele Granieri

I consigli del bere bene durante le ferie? Bollicine, naturalmente. Nient’altro disseta, appaga i sensi ed al tempo stesso ritempra lo spirito come un buon calice di spumante. Da bere da solo, in un tardo pomeriggio al fresco, in compagnia di un buon libro o del giusto sottofondo musicale, o come perfetto abbinamento dei piatti estivi.

Eccovi una selezione di dieci etichette, rigorosamente campane, che faranno al caso vostro.

  • Dubl+ e Dubl Rosato, Feudi di San Gregorio: Da tempo una garanzia di qualità, la linea spumantistica “Dubl”, Metodo Classico, si conferma anno dopo anno al top delle bollicine campane. Dubl+ (da uve 100% Greco) si presenta con intensi profumi minerali, di agrumi e di crosta di pane, accompagnati da una leggera nota di salvia. In bocca è verticale, di gran corpo, fine e persistente. Dubl Rosato (da uve 100% Aglianico) è di un bel rosa tenue, con sentori di frutti rossi e ricordi balsamici. Il sorso è pieno, appagante ed equilibrato. Ottimo antistress anche in aeroporto.
  • Brut Contadino, Ciro Picariello: Un Metodo Classico da uve Fiano, coltivate tra Summonte e Montefredane. La rifermentazione in bottiglia avviene senza l’aggiunta di lieviti indigeni. La bottiglia viene tenuta capovolta perché si tratta di uno spumante non sboccato: sta al consumatore decidere se eseguire la sboccatura per espellere i lieviti, o berlo così com’è, al naturale. Anche se l’espressione dei colori e dei profumi varia da bottiglia a bottiglia, il comune denominatore è dato da note di agrumi e di nocciola tostata, con richiami minerali di gesso e idrocarburi. Bel perlage ed ottima spalla acida. Si sorseggia che è un piacere.
Brut Contadino Ciro Picariello
Brut Contadino Ciro Picariello
  • Joi, San Salvatore 1988: È prodotto in Cilento, a 4 km dal mare, questo Metodo Classico millesimato da uve Aglianico in purezza. Un delicato rosa cipria con un bel perlage fine, sentori di fragoline di bosco, rosa canina, crosta di pane ed una piacevole nota di nocciola tostata. In bocca è fresco, cremoso, sapido e persistente. Elegante.
Joi di San Salvatore
Joi di San Salvatore
  • La Matta, Casebianche: Cilentano anche questo spumante naturale, ma da uve Fiano 100%, rifermentato in bottiglia con l’aggiunta del mosto che ha generato il vino base, senza zuccheri, lieviti e solfiti aggiunti. Colpisce per il colore torbido, per gli intriganti profumi vegetali e floreali e per la freschezza quasi citrina. Dissetante.
La Matta
La Matta
  • Matà, Villa Matilde: Metodo Classico da uve Aglianico dai vigneti della storica tenuta di San Castrese, alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina. Un vino di un bel rosa cerasuolo, con bouquet delicato ed elegante che offre sentori di frutti di bosco maturi, seguiti da intriganti note floreali. Il sorso è fresco, avvolgente e vellutato, accompagnato da un perlage fine e persistente. Seducente.
Matà di Villa Matilde
Matà di Villa Matilde
  • Astro Brut, Cantine Astroni: Uno spumante Metodo Charmat da Falanghina coltivata ai margini del cratere degli Astroni. Non cede assolutamente alla deriva degli Charmat piacioni e beverini, conservando carattere e grinta. Al naso presenta profumi di pesca gialla, agrumi e salvia; il sorso è fresco e pieno. Da bere a fiumi, salvando il portafoglio.
Gerardo Vernazzaro e l'Astro
Gerardo Vernazzaro e l’Astro
  • CaprettOne, Casa Setaro: Dalle falde del Vesuvio arriva questo Caprettone spumantizzato con Metodo Classico. Un vino che profuma di ginestra, pesca bianca e crosta di pane, fresco e molto sapido. Estremamente territoriale.
Massimo Setaro e il suo CaprettrOne spumante
Massimo Setaro e il suo CaprettrOne spumante
  • DòRè, Sorrentino: Vesuvianissimo anche questo Lacryma Christi, ma stavolta Metodo Charmat ed Extra Dry. Di un bel giallo paglierino carico, con riflessi dorati, profuma di pesca gialla e cedro candito, con accenni minerali e di erbe aromatiche. In bocca conserva una buona acidità che lo fa risultare molto piacevole. Ottimo aperitivo.
Benny Sorrentino col DòRè  (Foto Marina Alaimo)
Benny Sorrentino col DòRè (Foto Marina Alaimo)
  • Oro Rosè, Tenuta Cavalier Pepe: Ultimo nato dell’azienda irpina, questo spumante Metodo Charmat da uve Aglianico si presenta al naso un bel bouquet di frutti di bosco maturi, rosa e piacevoli note di erbe aromatiche.
Oro Rosè di Tenuta Cavalier Pepe
Oro Rosè di Tenuta Cavalier Pepe

In bocca è fresco e di buon corpo e buona persistenza. Da scoprire.

E a voi, piacciono questi o ne avete altri da segnalare?

11 commenti

  • Denny

    (12 agosto 2015 - 08:30)

    Personalmente aggiungerei all’elenco un ottimo metodo Martinotti qual’e’ l’ASPRINIO D’AVERSA di Grotta del Sole molto buono e beverino che ben si abbina alla cucina marinara ed alle pietanze estive in genere.

  • Pasquale pisano

    (12 agosto 2015 - 09:24)

    Ieri abbiamo provato la matta con bocconcini di baccala fritti. A dir poco strepitosa.

  • Marcello

    (12 agosto 2015 - 10:18)

    “Nudo eroico” e “Principe Lotario” di Fontanavecchia…La prima e’ una Falanghina Extra Dry metodo Charmat, il secondo un rose’ brut metodo classico da uve Aglianico, ottimi….

  • Sabino

    (12 agosto 2015 - 11:07)

    alta costa di Tenuta San Francesco lo segnalerei, ugualmente meritevole

  • Gianluigi Duka

    (12 agosto 2015 - 12:13)

    ci sarebbe anche il SELIM, aglianico vinificato in bianco di De Conciliis a Prignano Cilento.

  • Domenico

    (12 agosto 2015 - 14:55)

    Prestige blanc masseria frattasi. Ottimo rapporto qualità prezzo

  • Simone

    (12 agosto 2015 - 15:34)

    Anche il Folius della Cantina del Taburno,la falanghina spumante di Torre dei Chiusi e di Cantine Tora , le Surte di Macchialupa potrebbero essere validi compagni per l’estate …

  • NunzioKoprule

    (12 agosto 2015 - 17:02)

    Concordo per il Nudo Eroico di Fontanafredda… Strepitoso…

  • Francesco

    (12 agosto 2015 - 18:39)

    Giusto un commento: purtroppo Grotta del Sole non produce per il momento, quindi l’Asprinio Martinotti è un ricordo del passato, ed era uno dei due o tre prodotti in loco, buona parte degli altri menzionati sono prodotti a Valdobbiadene, tranne ovviamente i Metodo Classico. Quindi, con tutto il rispetto possibile, parlare di bollicine campane suona un pò eccessivo.
    Detto questo, concordo in pieno sul consumo di spumanti, freschi, beverini e piacevoli anche sotto il solleone……

  • Denny

    (13 agosto 2015 - 18:57)

    Grazie Francesco per le informazioni…ma in che senso non produce? ha smesso l’ attivita’ oppure non produce piu’ solo l’ asprinio?

  • Paola Riccio

    (22 agosto 2015 - 10:54)

    come non menzionare Anni Venti di Cantine di Marzo?

I commenti sono chiusi.