Minervino Murge, Masseria Barbera e la sana cucina delle Murge

Letture: 494

SS 97, km 5.850
Tel. +39 0883 692 095
www.masseriabarbera.it
Sempre aperto, chiuso in estate
Uscita autostradale: Canosa di Puglia 

Il recupero delle masserie antiche fortificate è sicuramente uno dei capitoli più felici della recente storia rurale pugliese. Come sempre succede, esistono diverse tipologie: quelle di lusso, i banchettifici e quelle che riescono ad esprimere l’anima profonda del territorio coniugando semplicità di cucina, sapori di materie prime eccellenti e filosofia di vita.

Masseria Barbera

L’anima di questo posto è la passione di Stefania e Riccardo Barbera che hanno ripreso questa antica proprietà della famiglia ripresa da un trisavolo, omonimo di Riccardo, intorno al 1860. La sostanza è costituita dall’agricoltura biologica, assolutamente pulita, dalla produzione di olio alle ciliegie per le marmellate, all’orto con tutta l’incredibile riserva vegetale della Puglia.

Masseria Barbera

In sala pesa nell’accoglienza e nella cura dei particolari la mano femminile di Stefania: ogni angolo ha un dettaglio imposto dal buon gusto, d’inverno ci si raccoglie attorno al camino della prima sala, si vive una atmosfera intima, con tanti clienti abituali che tornano.

Masseria Barbera, il camino

La riserva è costituita dalla tradizione murgiana: agnelli, asini, qualche podalica, e poi cardoncelli e lampascioni, fave e cicoriette selvatiche, sponsali, cime di rame, fagioli. Insomma di tutto. Come nelle trattorie di mare autentiche il pescato salta nel piatto, così è l’orto a metro zero il protagonista indiscusso.

Masseria Barbera, l’orto

L’essenziale, voglio ricordarlo bene a tutti, è che quando si viene in questi posti bisogna abbandonare l’idea del ristorante, anzi, di più: diffidare di chi propone un menu completo alla carta. Quando la cucina autentica si lega all’agricoltura vera e non raccontata, allora bisogna affidarsi alla proposta unica del giorno, proprio come in un agriturismo o in una trattoria. Questo deve essere molto chiaro perché è solo così che si possono garantire costi contenuti e soprattutto autenticità della proposta.

L’olio di Masseria Barbera

La cultura industriale che si è affermata dagli anni ’60 in poi ci ha abituato all’idea che tutto si può avere sempre. Questo è possibile quando poi nel budget esistenziale si mettono in conto un po’ di spese sanitarie per riparare i guasti procurati da cibi non sano e conservato. Il fresco, oltre ad avere un altro sapore, ha il pregio della naturalità.

anfore

Riccardo ama la cucina, gira molto per l’Italia. Il suo orto, i macellai di fiducia, gli spacciatori di buratta, caciocavallo e pecorini hanno in lui un cliente sicuro. Le presentazioni dei piatti sono alleggerite, ma la sostanza è costituita da sapori antichi, precisi, di materia, che non lasciano spazio a nessuna mediazione piaciona.

Masseria Barbera

La Masseria è il punto di approdo a chi visita la bellissima Trani, oppure chi è stato a vedere l’inquietante Castel del Monte voluto da Federico II, uno dei monumenti più moderni della storia.

Masseria Barbera, la sala

Sicuramente questo è uno dei posti in Puglia dove mi sono arricciato maggiormente: la solita infinita batteria di antipasti tipica di questa regione è stata affrontata come un slalom per arrivare al dunque della giornata: gli strascinati di grano arso al ragù d’asino e il capretto muriamo con patate e lampascioni.

Masseria Barbera, il ragù in cucina

Alcune cose, chiamamoli pure apetizer, sono preparati, come questa pizza di scarole e olive.

Masseria Barbera, Pizzetta di scarola e uvetta

 

Masseria Barbera, verdura, crosta di pane e ricotta

 

Masseria Barbera, pane e taralli

 

Masseria Barbera, zuppa di cipolle bianche

La zuppa di cipolle bianche è delicatissima, dolce e fresca, con una grande spinta che spinge a terminarla.

Masseria Barbera, taralli

 

Masseria Barbera, agnello

 

Masseria Barbera, ragù in cottura

 

Masseria Barbera, antipasti pronti in cucina

 

Masseria Barbera, frittelline

 

Masseria Barbera, lo Champagne

 

Masseria Barbera, lampascioni

 

Masseria Barbera, sponsali

 

Masseria Barbera, cime di rapa e ricotta

 

Masseria Barbera, ricotta fresca

 

Masseria Barbera, salsiccia e caciocavallo

 

Masseria Barbera, strascinati di grano arso e ragù di asino

 

Masseria Barbera, il ragù e la carne di asino

 

Masseria Barbera Nero di Troia 2005

Riccardo è anche appassionato di vini. Troverete qui molta Puglia selezionata con competenza e spunti campani, soprattutto tra i bianchi.

Masseria Barbera, agnello, patate e lampascioni

 

Masseria Barbera, salsicce di Minervino e broccoli

 

Masseria Barbera, caciocavallo fresco

 

Masseria Barbera, dolcini

 

Masseria Barbera, crostata

 

Masseria Barbera, arance

 

Masseria Barbera, zeppoline dolci

Insomma, una grande esperienza di territorio in un ambiente piacevole e accogliente, colto e misurato.
Spenderete sui 30 euro per un pranzo memorabile.

anfora

9 commenti

  • Marina Acino Ebbro

    (8 marzo 2013 - 10:12)

    Questo posto è incantevoie e spero di tornarci presto.

  • Marina Acino Ebbro

    (8 marzo 2013 - 10:13)

    Questo posto è incantevole e spero di tornarci presto.

  • Nicola Campanile

    (8 marzo 2013 - 10:49)

    Qui regna davvero la passione e l’amore per le cose buone. E non è la solita trovata pubblicitaria…
    Immaginatelo com un posto dove non è necessario badare alla forma. Naturalmente prendono la bella forma le proposte e tutto quello che Riccardo coltiva, alleva, cura e prepara in questo angolo di paradiso. Il rispetto dell’essenziale che molte volte è invisibile agli occhi

  • Enzo Pietrantonio

    (9 marzo 2013 - 12:05)

    Ogni volta che vai via da Masseria Barbera pensi a quanto sei stato bene. Almeno questo è quello che mi accade.
    Trovare qualcosa che non va è sempre vana impresa, anche per i clienti più esigenti.
    Lì, in quell’angolo desolato di Murgia, dove il tempo sembra essersi fermato, si respira ancora l’autentica civiltà contadina pugliese.
    La tradizione, la stagionalità, la freschezza, la ricercatezza di prodotti e preparazioni la fanno da padrone.
    Verdure dell’orto, salumi e formaggi tutti del territorio, paste, calzoni, focacce, carni prelibate, funghi e frutti pressoché estinti. Il fornitore più lontano sta nella vicina Minervino. Il km zero, quello vero, qui è una prassi consolidata. Da sempre.
    E Riccardo Barbera? Che dire di questo gentiluomo dal sorriso contagioso? A Masseria Barbera gli vogliono tutti un gran bene, basta chiedere all’ultimo dei suoi collaboratori.
    O ad uno dei suoi maialini, uno dei suoi abeti in giardino, ad una cima di rapa dell’orto.
    Se potessero parlare sarebbero solo parole d’elogio. Non ho il minimo dubbio.

  • Franco Ziliani

    (10 marzo 2013 - 09:52)

    Maronna Lucià, mi fai rivivere le emozioni di quell’indimenticabile, fastoso, avvolgente, spettacolare e vero pranzo del 2 marzo scorso…
    Non vedo l’ora di ritornarci presto. Un abbraccio a Riccardo ed un bravo bravissimo!

    • Luciano Pignataro

      (10 marzo 2013 - 10:16)

      Caro Franco, la morale della favola è che bisogna seguire il nostro esempio: i ciucci vanno mangiati, non ascoltati!:-))

      • Nicola Campanile

        (11 marzo 2013 - 14:12)

        :) :) :)

  • Livio Colapinto

    (10 marzo 2013 - 11:46)

    Fare le cose bene con passione e competenza, avvicinarsi alla cucina con lo spirito della scoperta e della narrazione, accogliere con eleganza e semplicità autentiche. Doti apprezzabili ma senza prezzo… per Riccardo sono un dono naturale

  • Gianni I.

    (12 marzo 2013 - 19:41)

    davvero un posto incantevole … ma il personale lascia molto a desiderare ….. una grossa pecca nel campo ristorativo … la cucina molto semplice e genuina … ma a volte anche tanto banale e anonima ……

I commenti sono chiusi.