Minervino Murge, Masseria Barbera

Letture: 95

Strada statale 97, km 5,850
tel.0883.692095
Aperto pranzo e cena.
Ferie a Novembre
Chiuso domenica sera e lunedì

E’ a pochi chilometri da Minervino, ma lo è anche dall’uscita autostradale dell’A/14 di Andria/Barletta. Immersa fra le dolci colline della Murgia, Stefania e Riccardo gestiscono da alcuni anni la masseria di famiglia: ristrutturata e trasformata in agriturismo, con cura e molto gusto. Risalente alla fine del 700, era la classica masseria murgiana con casa padronale, e le stanze per famiglie contadine e il ricovero degli animali. La vita si svolgeva nella corte, dove oggi c’è un magnifico giardino dove passare ore in assoluto relax. L’ambiente, sia interno che esterno è rustico e ben curato, caratterizzato dalla pietra murgiana. Entrando, troverete il classico camino grande: retaggio della vita contadina; pavimenti in chianca e muri bianchi. Nell’accogliervi, vi saranno proposti degli stuzzichini di fave secche fritte e salate. I piatti proposti provengono dalla tradizione contadina della zona, e sono a base di erbe spontanee, carni, formaggi e latticini. Le materie prime, sono scelte direttamente da Riccardo da piccoli produttori locali. In cucina, le indicazioni di Stefania son ben interpretate dallo chef Nicola. Si inizia con, mozzarelle, primo sale e ricotta fresche di pecora, caciocavallo pastellato, frittelle di zucchine con menta e formaggio fresco con olio extravergine da oliva Coratina prodotto in azienda. La classica focaccia pugliese: bella alta, viene fatta con farina provenienta dal grano prodotto anche in azienda. Di qualità anche gli affettati di capocollo, pancetta arrotolata e salsiccia di cinghiale e, i lampascioni sott’olio. I primi piatti sono in prevalenza fatti con pasta fresca. Da provare gli strascinati di grano arso con pomodorini, rucola e ricotta salata. Le orecchiette con capocollo, pomodorini e formaggio Canestrato Dop. Ma trovate anche, Troccoli con ragù di cinghiale, ravioli ripieni di rape e stracciatella con pomodorini con fagioli. Nel periodo invernale non mancano mai le minestre fatte con grano e orzo prodotto in azienda, le cicorie spontanee con macco di fave e i primi a base dei fantastici funghi Cardoncelli. Di qualità le carni alla griglia. Dai classici Torcinelli ( ghiemerìedde) alle costolette di agnello e capretto, salsiccia fresca aromatizzata con finocchietto selvatico, filetto di asina e diaframma di cavallino. Nonché la specialità della casa: il cosciotto di capretto alle erbe aromatiche murgiane. La conclusione non è da meno. Il dessert si apre con scorzette candite e zuccherate di pompelmo e arance; cantucci alle mandorle, biscotti al burro, dolcetti mandorla e mandorle zuccherate; accompagnate dai rosoli di alloro, marasca e limone. Ben fornita la cantina con buona selezione dei vini del territorio e etichette nazionali.

Andrea De Palma