Montecarlo (Lu). Fattoria di Montechiari

Letture: 256
Fattoria di Montechiari

di Lido Vannucchi

Montecarlo, Lucca
Moreno e Catherine Panattoni
Cabernet Sauvignon 2006
Distribuito da Innocenti Wine Poggibonsi

L'uva

Riesco quasi ad immaginarmi la Hall dell’Hotel Ritz  di Parigi in quell’estate del 1966 mentre Catherine mi racconta il suo primo incontro con Moreno, la sua voce si fa più suadente ed io cado in una foto dai toni seppiati un’atmosfera uggiosa di un fine pomeriggio d’estate, uomini con cappello di paglia e facce compite giocano a bridge,  dalla porta aperta  in una luce viva della piazza posso quasi scorgere una elegante signora, di seta e cashmere vestita foulard a Pois a coprirle il capo; eccola li mentre osserva con curiosità ciò che le si pone sulla sua strada un signore che vestito di abito di lino e cappello da Sherlock Holmes, scendeva da una vecchia MG, era bello, elegante ma soprattutto intrigante, camminava con disinvoltura e sembrava sapere il fatto suo, ella con passi veloci e precisi fece incrociare i propri cammini fu amore a prima vista! Una vita Bella una figlia e un’idea: un buon ritiro nel paese natale a Montechiari in quel di Montecarlo, dove Moreno era nato e cresciuto, un restauro durato anni, fatto con buon gusto, cosa che  ha sempre contraddistinto questa coppia e un’idea ben precisa forse ambiziosa ma doverosa, produrre Vino.

Un grappolo

Sappiamo che Montecarlo è una doc  con prevalenza di vitigni Francesi, per Moreno e Catherine cosa di meglio del ricordo della Francia ed ecco Chardonnay, Sauvignon, Semillon per i bianchi, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot, Pinot Nero per i rossi, il quale ha dato vita a grandi e indimenticabili vini, pluripremiati ecco perché per realizzare il sogno  di Catherine viene scelto proprio lui; prende corpo una bollicina a Montechiari, “Donna Catherine”, una buccia di cipolla di Tropea presta il colore a questo spumante metodo classico, fine elegante e avvolgente; ma da sempre in queste terre dove il tramonto emoziona e fa tremare il cuore su a Montechiari il Cabernet Sauvignon fa da padrone e dall’alto scruta e in alcune annate sbeffeggia Bolgheri, roteando il vino nel bicchiere, mi sale al naso  un sentore di  piccoli frutti di bosco nitido e franco, non di confettura, ma  sentori di frutti appena colti in canestro di vimini e se Dio lo vuole con una vena acida che mi carezza il palato e mi mette voglia di bere e ribere, ben presto a tavola questa bottiglia scompare assieme a carni superbe, è grazie a un incontro che possiamo gioire di questo splendido vino.

Al lavoro

Un racconto di vita e di vini interpretato da un Fotografo Gourmet

Una vista della tenuta

Attori non Protagonisti Moreno e Catherine Panattoni

Attore Protagonista il Vino un superbo Cabernet Sauvignon 2006

Uomini territori, tradizioni, clima e fato hanno dato vita al Vino di Moreno e Catherine

Montecarlo (Lucca)
Le botti
I vini
Il Cabernet

La tenuta al tramonto
Il tramonto visto dalla piscina

www.montechiari.com

4 commenti

  • gianlù63

    (23 marzo 2011 - 18:12)

    alla domanda, dove compreresti una casa?
    mi è facile e dolce rispondere Montecarlo….

  • chiara

    (23 marzo 2011 - 20:11)

    Bravo Lido… riesco quasi a Percepire l’odere di tabacco provenire dalla sala da gioco!!!
    Un complimento và a Moreno e Catherine, per l’amore la passione e la costanza, Vi dirò io un bicchierino di Cabernet me lo servo… Santè!

  • Serendepico

    (23 marzo 2011 - 20:15)

    Cin Cin!!!!
    Bell’articolo Lido; Complimenti a Moreno e Catherine ed ai loro Vini.

  • Gianni

    (24 marzo 2011 - 10:30)

    Bravo Lido!! Sei riuscito a descrivere in poche righe emozioni profonde e ricordi vivi come regala ogni bicchiere di questa strepitosa avventura…..I complimenti doverosi a Moreno e Catherine per l’ impegno e la serietà con cui conducono la loro strada…..

I commenti sono chiusi.