Montevetrano 2000 Colli di Salerno igt

Letture: 111

MONTEVETRANO

Uva: cabernet sauvignon, merlot, aglianico
Fascia di prezzo: oltre 30 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Il rosso di Silvia Imparato non smentisce la sua stoffa con il passare del tempo: in attesa di nuove verifiche sulle prime annate, abbiamo rivisitato la 2000 per scoprire l’evoluzione e trovare conferme puntualmente avvenute. La maturità ha regalato infatti al bicchiere austerità e complessità mentre il colore conserva intatto il rosso rubino cupo, impenetrabile, regale, tipico dei grandi vini. Al naso,dopo cinque anni, continua a prevalere la frutta con sentori di sottobosco, appena un cenno di confettura, ancora prugna e amarena matura, per poi deviare verso profumi evoluti quali lo speziato, la liquirizia, la vaniglia, il caffé con dolci note mentolate fresche che ritroviamo anche in bocca. Il Montevetrano, come tutti i vini progettati al meglio, esplode al naso in sensazioni sempre nuove e rinnovate con il passare del tempo, la pulizia olfattiva, che diamo ovviamente scontata, non ha mostrato alcun segno di cotto o peggio, ossidato, nemmeno dopo un pomeriggio intero trascorso nel bicchiere e se consideriamo che l’unico modo con il quale la bottiglia è stata conservata è il buio attraverso tre estati calde, dobbiamo dire di trovarci di fronte ad un prodotto eccezionale, di sicura longevità come i grandi francesi che gli possono sicuramente invidiare il sole. In bocca, come al naso, è intenso e persistente, il palato è assolutamenteavvolto e conquistato dal vino qualsiasi cosa si sia mangiata per un finale lunghissimo, di grande qualità, nel quale si avverte finalmente l’aglianico che resta come sensazione retronasale. Un grandissimo vino, il suggello ad una avventura vera, che Riccardo Cotarella ricorda con grande passione perché resta sempre il suo primo passo fatto inCampania e nel Sud in un momento in cui, dobbiamo ricordarlo sempre, era convinzione in Italia e all’estero che non ci fosse alcuna possibilità di fare buoni rossi sotto Firenze. Silvia è una donna che ha affrontato la vita timonando a vele spiegate, non sottocoperta come tante inutili esistenze, le sfide le ha vinte e perse, ma non le hanno mai fatto paura. Con questo carattere nasce il vino in cui si può riflettere un territorio intero, anche quando manca consapevolezza per un lungo sonno qual è quello fatto dal Comune di San Cipriano Picentino.


Sede a  San Cipriano Picentino,  Via Montevetrano, Località Nido. Tel. 089 882285, fax 089 882010. Sito www.montevetrano.com. Enologo: Riccardo Cotarella. Ettari: 5 di proprietà. Bottiglie prodotte: 22.000. Vitigni: cabernet sauvignon, merlot, aglianico.