Mostacciuoli ai frutti di bosco

Letture: 162

di Maristella Di Martino

Mostacciuolo ai frutti di bosco

Natale dolce Natale. Ed è proprio il caso di dirlo, se a preparare i dolci della ricorrenza più attesa dell’anno ci si mette Rosanna Marziale, chef nonché patron dello storico ristorante Le Colonne di Caserta. La ricetta che propone è il più che collaudato mix tra tradizione e ricerca, immancabile nel canovaccio della sua cucina. Per festeggiare il 25 dicembre, infatti, la bella cuoca di Terra di Lavoro che con i dolci vanta «da sempre un rapporto meraviglioso» diletta il palato dei suoi ospiti con i più classici finepasto della tradizione pasticciera regionale.
A cominciare da susamielli, pasta reale e di mandorle senza dire no alle proposte più moderne dove l’innovazione e la rivisitazione dei piatti hanno l’indiscusso merito di rendere più interessante il grande patrimonio enogastronomico campano. Da provare, ad esempio, gli struffoli salati che accompagnano la scarola di Natale. Tra i dolci, invece, sulla tavola imbandita a festa compaiono immancabili i mostaccioli, ma nella versione arricchita con i frutti di bosco. I classici dolcetti, dalla forma romboidale generosamente ricoperti di glassa al cioccolato, fanno l’occhiolino ad appassionati gourmet che dalle voce e dalle mani sapienti della chef apprenderanno i segreti che li rendono ancora più squisiti. Il loro nome è legato alle antiche preparazioni contadine che utilizzavano il mosto, detto mustacea in latino.

Rosanna Marziale

La preparazione
Ma Rosanna va oltre ed eccovi svelato come assicurare alla storia quel tocco di magia che non guasta: per sei persone sevono mezzo chilo di farina ed altrettanto di zucchero, un paio di etti di cioccolato fondente ed altrettanto tra noci e mandorle tostate e tritate, 10 di pisto, 2 cucchiai di cacao, sale, la buccia grattugiata di arancia e limone, ancora 2 etti di cotognata ed altrettanti di confettura di frutti di bosco e solo 50 di quella di albicocca. Impastate con un po’ di acqua tiepida tutti gli ingredienti finché non ottenute una pasta piuttosto morbida che va stesa allo spessore di un paio di centimetri.
Staccate alcuni rombi ed infornateli per 20 minuti a 180° gradi: una volta freddati, sbriciolateli e mescolate con la cotognata.
Con uno stampo romboidale riformate lo stampo, farcite al centro con la confettura di frutti di bosco e chiudete con un altro strato. Riscaldate la confettura di albicocche e spennellate prima di ultimare il rombo con il fuso di cioccolato decorando con mirtilli rossi.