Naima 2006 Aglianico Paestum igt |Voto 92/100, il migliore di tutti

Letture: 62
Naima 2006 Paestum igt De Conciliis (FotoPigna)

Vista 5/5. Naso 26/30. Palato 28/30. Non Omologazione 33/35

Ecco un grande rosso da regalare a Pasqua, oppure programmare da qua a un numero x di anni. Lo trovate tra querce e carrube, mirto e mare del Cilento, la zampata di Bruno capace di incrociare, ancora una volta, la voglia di freschezza.
Lui continua a preferire la 2004, ma questa ci somiglia per la grande dinamicità in bocca. Effettivamente il vino di due anni fa è leggermente più pieno, ma ha dalla sua un po’ di tempo in più come vantaggio e, si sa, l’Aglianico ama lo scorrere del tempo.

Rimaniamo impressionati invece, ancora di più, il bello del vino è la diversità di opinioni, dal naso terribilmente mutevole e complesso della 2006, un alternarsi di note fresche balsamiche, spunti fruttati non maturi, note di macchia mediterranea seccata dal sole, le sciuscelle, punte di agrumato. La mente oscilla tra lo scuro e il rosso, intensa e persistente, infinita.
Poi in bocca il vino entra come una sciabolata, zac. Netto, rapido, veloce, inafferrabile. Nessuna concessione alle note dolci e di surmaturazione che il Nostro ha riservato al suo degno compare Vinny D’Orta per lo Zero. No, qui il vino marca sapidità, un tono leggermente fumé, tanta freschezza e acidità come sono i piatti moderni dell’alta ristorazione capaci di far salivare dall’inizio alla fine.
Non dobbiamo essere chiromanti per prevedere un grandissimo futuro a questo vino. Se nel corso degli anni la polpa regge, sicuramente è destinato a superare di slancio il 2004, l’annata della definitiva consacrazione per Bruno, capace di mettere insieme tutta la critica. Questo vino è mio. Lo posso bere da solo perché mi gratifica tenendo impegnata la testa nel bicchiere, mai rilassato. In compagnia per l’infinita possibilità di abbinamento alle carni pasquali, la sconfitta della fame e la vittoria dell’abbondanza. Compratene e bevetene tutti. Questo Naima vi farà compagnia per tutta la vita.

VITICOLTORI DE CONCILIIS
PRIGNANO CILENTO
Contrada Querce, 1
Tel. e Fax: 0974/831090
www.viticoltorideconciliis.it
Enologo: Bruno De Conciliis
Ettari vitati di proprietà:25
Bottiglie prodotte:250.000

3 commenti

  • pachionso

    (18 aprile 2011 - 10:45)

    NAIMAAAAAAAA!!!!!!!!!!
    Número1\(^o^)/

  • Domenico Sarno

    (18 aprile 2011 - 11:23)

    Bruno nostro che sei in vigneto,sia benedetto il tuo frutto,sia fatta la tua pigiatura,venga il tuo nettare,cosi in vigna come in cantina
    Dacci oggi il nostro succo benedetto,e rimetti a noi i nostri calici,come noi li rimettiamo ai nostri bevitori,inducici in tentazione ma liberaci dall’acqua…amen

    • Monica Piscitelli

      (19 aprile 2011 - 23:05)

      GENIALE!

I commenti sono chiusi.