Napoli, ‘O Tabaccaro, un secolo di cucina di mare al Borgo Marinari

Letture: 2072
da sx Luigi, Luca, Rosaria e Rita

Trattoria Castel dell’Ovo – ‘O Tabbacaro
Via Luculliana 28
Tel. 39+081. 764 63 52
Aperto pranzo  e cena dalle 13,00 – dalle 20,00
Giorno di chiusura: giovedì
Carte di credito , Bancomat no
Asporto: no
Ferie no, tranne un caso…

di Giulia Cannada Bartoli

La classica cucina di mare di Napoli non tramonta mai. Al contrario di quanto succede quotidianamente davanti la pletora di locali “acchiappa turisti”, se ci s’ addentra più all’interno nella piazzetta del Borgo, ci s’imbatte in una trattoria storica: ‘ O Tabbaccaro, oggi Locanda Castel dell’Ovo. Il nome originario si deve al fatto che nel 1920, Luigi e Francesca  Conte furono i primi ad aprire una rivendita ufficiale di tabacchi  in questa zona.

... il caso!

Quando Francesca e Luigi si ritirarono dall’attività, subentrarono naturalmente Anna e Giovanni, genitori di Luigi, Rosaria e Rita, i  titolari di terza generazione  della locanda. Luca, marito di Rosaria, si occupa con allegria e competenza della sala e –  a chi gli chiede da quanti anni lavora qui –  risponde : “ non me lo ricordo, faccio parte dell’arredamento”!

L’ ingresso laterale è ancora destinato alla vendita di tabacchi

Francesca e Luigi all’inizio degli anni ’20 gestivano solo la tabaccheria, poi, passata la mano ad Anna e Giovanni, si cominciò con birre fredde e taralli, ed infine  i primi piatti cucinati “ ‘a zuppa e cozze e ‘a capunata”.

Giovanni Conte, papà di Luigi, Rosaria e Rita

Con l’arrivo di Luigi e Rita in cucina si passa definitivamente alla trattoria: Anna si occupa della cassa e della sala, Luca è il fantasioso tuttofare in sala, ha occhi dappertutto, tra i circa trenta coperti  in inverno e 50 dalla primavera in poi, quando si possono metter fuori sedie e tavoli. La natura familiare dei rapporti fa sì che le cose flino sempre lisce, se capita qualche incidente di percorso, lo si chiarisce subito e amici più di prima.

'a zuppa 'e cozze, oggi come allora

Torniamo per un momento alla storia recente  del Borgo: progettato alla fine dell’800 su un riempimento (colata a mare del Risanamento) fu costruito per realizzare case popolari da destinare alle famiglie meno abbienti dei vicoli insalubri dietro Via Santa Lucia. I lavori andavano a rilento e si conclusero agli inizi del 1900; fatto sta che i “Luciani”, abitanti di Santa Lucia preferirono trasferirsi nel già sovraffollato “Pallonetto”, serie di vicoli che ancora oggi, si arrampicano sui fianchi della collina di Pizzo Falcone.

uno dei vicoli del Pallonetto a Santa Lucia

Così le abitazioni, destinate ad edilizia popolare, vennero invece, prese in affitto per la stagione estiva, grazie ai numerosi stabilimenti balneari presenti in zona, facendo la fortuna di attività ancora oggi esistenti : Il Transatlantico, La Bersagliera e Zì Teresa.

A’ Bersagliera e Zì Teresa oggi
Teresa Fusco, per tutti Zì Teresa con Lucky Luciano, (1897 – 1962) fine anni ’50. All’epoca Lucky era assiduo frequentatore del locale California, che oggi non esiste più

Presso il Santa Lucia, si potevano bere le acque minerali che sgorgavano sulla costa; acque ferrate e sulfuree conservate nelle caratteristiche “mummarelle” che venivano vendute pure nei pittoreschi chioschi degli acquafrescai  adorni di limoni, della zona. Ahimè negli anni ’60 la vendita dell’acqua fu vietata e i chiostri chiusi, per lasciare spazio alla costruzione di  un grande albergo, con il pretesto di sospetti d’ inquinamento della falda. Fatto sta che dopo la colmata a mare, l’isolotto non fu più lo stesso, non solo modificò l’isolotto di Megaride, ma anche la stessa Via Santa Lucia, che con la costruzione di Via Partenope e Via Nazario Sauro, fu per sempre separata dal mare divenendo una strada interna; sul nuovo lungomare, a seguito della colmata, nacquero numerosi e prestigiosi alberghi come il Vesuvio (1882) che ospitò il Tenore Enrico Caruso. Proprio al cambiamento di destinazione finale del borgo Marinari, Enrico Caruso, che sarebbe diventato il tenore più famoso al mondo all’età di diciassette anni, cantava nei caffè e nelle trattorie ‘a pusteggia napoletana.

Enrico Caruso
i grandi alberghi, i circoli, il borgo e Sua Maestà il Vesuvio

Cos’è la posteggia napoletana? E’ un complesso musicale ambulante o, anche il luogo dove si  ferma a suonare un complesso musicale. La parola posteggia deriva, naturalmente, da “puosto” che è il luogo occupato da chi svolge un’attività che è rivolta al pubblico. I venditori ambulanti, ad esempio, occupano un posto fisso sulla pubblica via per cui è facile parlare di “ ‘o puosto d’ ‘o verdummaro” o di altri venditori. Oggi non è facile trovare un gruppo di quattro o cinque persone che suonano ed uno di loro canta, così come nella tradizione dei posteggiatori,  in genere, la posteggia è composta da una sola persona che suona la chitarra o, il mandolino e, allo stesso tempo,  canta. Come non ricordare  con grande nostalgia  i fratelli (da tutti considerati i gemelli per la straordinaria rassomiglianza) Giulio e Raffaele Vezza  conosciutissimi in tutta Napoli per aver partecipato a numerosi film anche con Rondinella e Totò. Erano “fissi” da Salvatore alla Riviera fino a pochi anni fa; di eccezionale bravura tecnica ed armonica, con soli violino e chitarra sembravano una orchestra intera.

Tipica  “entrata della pusteggia” :

Signurì buongiorno eccellenze
Con insistenza, all’ apparire della mia presenza
Addò nisciuno me penza,
faccio appello alla vostra indulgenza
E dimostratemi ‘nu poco ‘e benevolenza.

Eseguiva qualche canzone allegra e concludeva la sua esibizione con una esilarante e provocatoria richiesta di pagamento:

Signure e signurine, ledi e milòrd,
aggiate pacienza cacciate ‘nu sòrd,
pe chi nun tene na lira ‘e spicce:
ci’hanna ascì ‘e bbolle ‘ncopp’’o sasiccio!

Dopo di loro  il nulla, si entra purtroppo nell’era del neo melodico, quella  di Arcore…

Castel dell’Ovo, Borgo Marinari e i prestigiosi Circoli Nautici di oggi: Savoia, Italia, Canottieri etc

Torniamo  per un momento al  nome del Castello, “Ovo”: la leggenda vuole che il poeta Virgilio volendo fare una gentilezza ai partenopei, vi avesse occultato, protetto da una gabbia, un “uovo magico” che aveva il potere di difendere la città da qualunque pericolo. I napoletani cedettero alla storiella e quando , nel 1370, si sparse la notizia che l’uovo magico si era rotto, in città si diffuse il panico, tanto da obbligare la sovrana Giovanna D’Angiò a dichiarare che l’uovo magico era stato ripristinato con gli stessi poteri del precedente.

La trattoria Castel dell’Ovo che preferisco chiamare, come tutti, ‘O Tabaccaro, si trova in via Luculliana 28; il richiamo a Lucullo non è casuale, poiché Il castello sorge sull’isolotto di tufo di Megaride, propaggine naturale del monte Echia, che era unito alla terraferma da un sottile istmo di roccia. Si ritiene che sia stato quello il punto d’approdo dei greci prima e dei cumani poi, i quali, giunti nella metà del VII secolo a.C., avrebbero fondato il primo nucleo di Palepoli (città vecchia), la futura Napoli. Nel I secolo a.C. Lucio Licinio Lucullo acquisì nella zona un fondo assai vasto (che secondo alcune ipotesi andava da Pizzofalcone fino a Pozzuoli) e sull’isola costruì una splendida villa, Villa di Licinio Lucullo,

resti della villa di Lucullo al Monte Echia

che era dotata di una ricchissima biblioteca, di allevamenti di murene e di alberi di pesco importati dalla Persia, che per l’epoca erano una novità assieme ai ciliegi che il generale aveva fatto arrivare da Cerasunto. La memoria di questa proprietà perdurò nel nome di Castrum Lucullanum che il sito mantenne fino all’età tardo romana.

incrocio con via Luculliana oggi , sulla dx si notano i due ingressi della trattoria

Negli anni ’20, il  vero e proprio  borgo non c’èra.

il castello senza il borgo

La famiglia Conte ha vissuto in prima persona l’evolversi della zona, vivendo anche l’emozione della nevicata sul mare a Napoli nel 1956.

Francesca e Luigi, 1956 la neve sul mare

Anna e Giovanni non cedettero alle lusinghe del momento, durante il boom degli anni ’60: il locale, serviva e serve cucina napoletana di mare, senza concessioni alla modernità: menù giornaliero, piatti solo espresso, con qualche fuori carta a seconda del mercato. Luigi e sua sorella Rita in cucina, volano da un fornello all’altro durante l’ora di punta, circa le 14,00,  la clientela è molto vasta:  grupponi di velisti al termine delle regate, professionisti della zona e turisti. Il locale non è grande, massimo 25 sedute d’inverno, tovagliato a quadretti classico in  stoffa, posate casalinghe e bicchieri da osteria.

mise en place al Tabaccaio

In sala tutto ricorda il borgo e la squadra del cuore, ovviamente con tanto di televisore al plasma per seguire le partite :-)

inserti con il Castello sulle pareti
Napoli che passione

Il menù è il condensato della classica cucina napoletana di mare: antipasto di mare

l'antipasto di mare
il mare nel piatto: spaghetti con ‘ e purptielli alla Luciana” ( in cassuola)

A questo punto, entra in gioco la pietanza prima per eccellenza: sua maestà il Pane,  per la “scarpetta” di rito. Non rimango delusa poiché a tavola arriva un profumatissimo cestino di pane del Vesuvio, per l’esattezza di San Sebastiano al Vesuvio, un canto della terra, per dirla con il grande Veronelli; il pane è ancora tiepido, mollica soffice, scorza croccante, sapido al punto giusto. A questo proposito interviene Luca , il cameriere di sala e giocosamente inizia una discussione con alcuni clienti romani: “ io nun capisco, perché da Roma in su, nel pane nun ce mettite ‘o ssale, poi venite ccà e v’abboffate ‘pane”.

il fantastico pane di San Sebastiano al Vesuvio

Tra i primi piatti, oltre quelli già citati, compaiono in bell’ordine: gli spaghetti alla Conte, con gamberi e calamari, quelli con le seppie e quelli con le cozze, abbinate anche con le orecchiette.  Qui entra in gioco l’unico piatto fuori dalla tradizione purista, dedicato al “Pocho”, il noto giocatore del Napoli; si tratta di spaghetti, con  zucchine e gamberetti, saltati al formaggio e basilico. Naturalmente chi non ama il pesce  può scegliere tra gnocchi alla sorrentina, penne all’arrabbiata e spaghetti al pomodoro fresco.

El Pocho
la calamarata di mare

Spostiamoci sui secondi: molto pesce azzurro, alici fritte, o, in tortiera;

la frittura di alici

ancora pesce spada, o calamaro alla griglia;

calamaro grigliato

Anche qui da ‘O Tabaccaro, sopravvive la tradizione della  zuppa di cozze e ‘o purpo co’ ‘o russ’, tipico della zona di porta Capuana. Il menù per i secondi varia a seconda del pescato e poi, in estate, l’intramontabile caponata con la fresella, pomodorini, polpo in insalata, olive bianche, tonno e mozzarella. Questo è il piatto preferito dai tanti velisti che appartengono ai circoli nautici adiacenti. Nel caso ci fossero “allergici” a qualsiasi genere ittico, si ripiega – si fa per dire- su una buona mozzarella in carrozza.

la mozzarella in carrozza

Anche i contorni, vista la forte impronta marinara,  s’ispirano al classico: insalate miste, o, di pomodori e caprese con mozzarella e pomodori.

Yacht e vele dei dirimpettai blasonati circoli nautici e le ultime barche per la piccola pesca nel golfo
decine di velisti affermati tra i quali, il pluri premiato campione Paolo Cian: spaghetti a vongole e calamarata per tutti e da bere?...
... sigh birra per tutti

La  trattoria serve vino sfuso proveniente da Bacoli nei Campi Flegrei, oppure vino imbottigliato da blasonata azienda campana. Per i dolci, la trattoria si serve da un noto pasticcere del centro e consuma per la gran parte babà e dolci tradizionali delle feste

il bacolino, fresco, piacevole da uve non identificate

Oh , siamo al Borgo , una delle zone più care della città in fatto di ristorazione a base di pesce. Facciamo due conti…

–    antipasto di mare € 8,00
–    spaghetti a vongole € 10,00
–    frittura di alici 5,50
–    – insalata 2,50
–    Vino locale 750 cl 6,00
–    Dessert 4,00
–    Acqua 1,00
–    Servizio 13%
–    TOTALE 41, 81

Certo,  in linea di massima il conto è caro e supera la nostra “sogliola” dei 20 euro, vi invito però, ad andare in uno dei locali più blasonati del borgo e trovare la stessa qualità a questi prezzi, con il valore aggiunto (inestimabile) del calore e dell’accoglienza che la famiglia Conte riserva ai propri clienti.


10 commenti

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (18 gennaio 2012 - 11:44)

    ancora una bella storia ed un interessante suggerimento: complimenti Giulia!

  • Tommaso Farina

    (18 gennaio 2012 - 13:43)

    La mini guida di Giulia è un qualcosa di unico e forse irripetibile.

  • Mauro

    (18 gennaio 2012 - 13:59)

    Bell’articolo… elegantemente storiografico, frutto di uno studio approfondito e visibilmente impegnativo. Se penso ad un modo di fare cultura non posso che prendere come riferimento i tuoi articoli. Nella speranza che il tempo possa rendere onore al tuo stile denso di romanticismo – attraverso la “vittoria” della scrittura nell’impari sfida contro la superficial lettura – ti rinnovo i miei complimenti!

    Mauro

  • Tommaso Esposito

    (18 gennaio 2012 - 17:10)

    Ok manco da un pò. Buon cibo. Casalingo. E se ricordo bene la sogliola dei prezzi è stata sempre in linea con quella di oggi. Qui si va per mangiare Ma vuoi mettere la suggestione del posto?

  • enrico malgi

    (18 gennaio 2012 - 18:41)

    Il canovaccio è sempre lo stesso, con un suo filo logico ben delineato. Bravissima, come sempre, professoressa Giulia.
    Abbracci.

  • […] Napoli, ‘O Tabaccaro, un secolo di cucina di mare al Borgo Marinari […]

  • giuseppe mennella

    (19 gennaio 2012 - 19:26)

    brava e grazie Giulia

  • Alfredo d'Amato

    (20 gennaio 2012 - 15:42)

    Caro Claudio,
    i miei complimenti per le recensioni, che leggo sempre con molta attenzione, un grazie all’ottima Giulia.
    Anche io da vecchio velista ho assaporato spesso la cucina d’O Tabbaccaro, dopo diverse regate.
    riguardo ai resti del Castrum Luculli, abitando in Via Chiatamone fino ai 15 anni, mi recavo spesso ad arrampicarmi su quelle vetuste pietre, che furo l’imprinting di una passione venuta fuori in seguito negli anni, l’archeologia prima grecoromana poi sardonuragica, e dell’arrampicata sportiva.
    un’altro ricordo legato a quella zona, ed a un personaggio era quello di Lucky Luciano, aveva appunto in quell’epoca un negozio di forniture per ospedali , per sale operatorie, proprio all’angolo di Via Chiatamone con la traversa dell’Hotel Royal, e quando potevo cercavo sempre di sbirciare, cercando di immaginare in quel signore dai capelli brizzolati e gli occhiali cerchiati d’acciaio, sempre ben vestito di grigio, il gangster che aveva seminato terrore in America,e ne rimanevo affascinato.

  • Carmine

    (21 gennaio 2012 - 00:19)

    vogliamo parlare del servizio pari a 13%?

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (19 gennaio 2012 - 11:49)

    speriamo di riuscirci, prima o poi… attendo con ansia la prossima!!!

I commenti sono chiusi.