Napoli, La Cucina di Elvira da vent’anni in via Bernini al Vomero

Letture: 1213
La squadra – famiglia al completo: da dx papà Vincenzo, Mamma Elvira, semi nascosta la peperina Regina mascotte del locale e figlia di Wanda e Luigi il secondo figlio

Via Bernini 42
Tel.  338 93.38.810
Aperto a pranzo e cena ( 12,00 – 16,00 ; 19,00 – 23,30)
Chiuso Domenica sera e Lunedì sera
Asporto:si
Carte di Credito Bancomat: no
Ferie: 10 giorni variabili dopo Ferragosto

di Giulia Cannada Bartoli

Piazza Vanvitelli è l’icona chic del Vomero, uno dei salotti di Napoli, insieme con via Scarlatti, oggi oasi pedonale dedicata allo shopping e spesso a performance di artisti di strada, e via Gianlorenzo Bernini, forma il vero cuore del quartiere; sì, perché ci sono i vomeresi puri, residenti da generazioni, in queste vie e nelle parallele vicine, e i vomeresi acquisiti, quelli arrivati dopo, con l’espansione urbanistica. I vomeresi purosangue sono molto sensibili da questo punto di vista, guai a fare confusione. La prima è dedicata al grande musicista trapanese Alessandro Scarlatti, la seconda a Gianlorenzo Bernini (Roma, 1612 – Roma, 22 dicembre 1681) architetto, ingegnere e scultore italiano. Nel 1648 assistette alla sistemazione dell’obelisco della Fontana dei Quattro Fiumi e completò, insieme al fratello, il Sepolcro di Urbano VIII in San Pietro. Durante il pontificato di Alessandro VII fu nominato architetto delle acque, nel 1657 assunse la carica di custode vaticano e supervisore al completamento della Cattedra di San Pietro. Nel 1677 fu responsabile per la conduzione dell’acqua nelle fontane di Piazza San Pietro.

busto di Luigi Bernini
Piazza Vanvitelli oggi in un rarissimo momento di quiete

La piazza è a pianta ottagonale e vi s’incrociano le due principali strade di cui sopra; è dedicata al grande architetto Luigi Vanvitelli tra le cui molte opere si ricordano la Reggia di Caserta e il Foro Carolino. La piazza nasce negli anni Ottanta del XIX secolo, grazie ad uno dei tanti interventi eseguiti per il Piano di Risanamento e Ampliamento, infatti nel 1885 viene progettato il nuovo rione del Vomero che prevede una sistemazione ortogonale delle vie. Punto d’intersezione degli assi principali del nuovo quartiere è proprio piazza Vanvitelli. Già nel 1889 le strade principali del quartiere sono tracciate; esse sono dedicate a trentasette importanti artisti, scultori e pittori, tra i quali, appunto, il Vanvitelli. Nominiamone alcuni per completezza: Massimo Stanzione (Orta di Atella 1585 – Napoli 1658), a lui si devono alcuni preziosi affreschi della Certosa di San Martino a Napoli.

in alto a sx la Certosa di San Martino

Ancora Francesco Solimena noto come l’Abate Ciccio (Canale di Serino 1657 – Napoli 1747). Artista prolifico, si formò presso la bottega del padre Angelo, a Nocera Inferiore, rifacendosi dapprima alle opere di Francesco Guarino e successivamente, trasferitosi a Napoli, cominciò a guardare con interesse alla pittura scenografica e fantasiosa di Luca Giordano, artista al quale è intitolata un’altra via centrale del Vomero.

Francesco Solimena autoritratto

Torniamo ai nostri giorni, nel dicembre del 1976 fu posta dall’allora sindaco Maurizio Valenzi, in Piazza Medaglie d’Oro, (l’opposto nord di piazza Vanvitelli) la prima pietra della Metropolitana Collinare, terminata dopo alterne vicende e polemiche nel 1993.

L’avveniristica stazione Metro Vanvitelli

Dall’apertura della stazione della metropolitana, Piazza Vanvitelli è divenuta un luogo d’incontro di moltissimi giovani, provenienti anche delle fasce suburbane, in maggioranza dalla zona di Napoli Nord, contribuendo alla difficile vivibilità del quartiere, in particolare durante i fine settimana. Veniamo alla  nostra tappa low cost, si trova  proprio all’inizio di via Luigi Bernini: prendendo come riferimento piazza Vanvitelli e l’omonima fermata della metropolitana, troviamo La Cucina di Elvira, a meno di cento metri sulla nostra mano destra. Il Vomero non è più quello di una volta, strade e viali stile liberty, tranquillità e coralità allo stesso tempo, quando i rapporti umani di quartiere avevano un’importanza fondamentale e tutti si conoscevano, non ci sono quasi più. Oggi anche le vie di cui sopra sono una “casbha” invasa da paninerie, focaccerie, kebab e cibi global di ogni specie. Se non fosse per qualche piccola  storica oasi, come Teresa in Via Kerbaker dal 1913, e Gorizia in Via Bernini dal 1916, , e la Cucina di Elvira dall’ inizio degli anni 90, non avremmo scampo.

L’ingresso: l’insegna di pizzeria oggi si riferisce al delizioso pane fatto in casa offerto in trattoria da gustare appena sfornato

A differenza di Teresa e Gorizia, la famiglia Granata – Vitale non appartiene ad alcuna generazione di osterie o trattorie d’epoca. Il papà di Elvira rivestiva la carica di Console dei Lavoratori del Porto di Napoli. Nei grandi porti italiani, nel 1929 i lavoratori portuali furono raggruppati, secondo la diversa specializzazione di lavoro, in Compagnie aventi personalità giuridica propria, sia per esercitare il lavoro portuale come maestranza, sia per esercitare funzioni di vere e proprie imprese di sbarco e imbarco assumendone rischi e oneri. Alla Compagnia era affidata l’esclusiva delle operazioni nell’ambito del porto. Nel porto di Napoli furono costituite quattro Compagnie. Reggeva e amministrava ogni Compagnia, un Console e uno o più Vice-consoli, eletti dai lavoratori iscritti alla Compagnia. Il Console curava la gestione del patrimonio e dei redditi del lavoro e provvedeva alla distribuzione dei lavoratori in squadre e al loro avviamento al lavoro.

Il porto di Napoli oggi

Nulla a che vedere con la cucina dunque, se non quella appresa da Elvira dalla madre, nonne e zie varie. Altrettanti dicasi del papà di Vincenzo, dipendente dell’Alfa Romeo fino al passaggio di quest’ultima al colosso Fiat –  Lancia: per lui, come per molti altri, la vera Alfa Romeo era morta nel 1986.

la mitica Alfa Sud – 1975

Dunque, prima del matrimonio, Elvira, con otto tra fratelli e sorelle diventa cuoca di casa, – a tavola, mi racconta – non eravamo mai meno di venti persone, fino a sessanta nelle occasioni e durante le feste. Apprendistato sul campo J

Vincenzo, invece, ha accumulato parecchi anni di esperienze varie in diverse tipologie di locali a Napoli. Amore a prima vista, i due vomeresi doc decidono di unire “casa e pùteca” (abitazione e bottega) ed ecco la nascita de La Cucina di Elvira, trattoria a gestione familiare dedicata esclusivamente ai sapori e ai piatti della più verace tradizione partenopea. Vincenzo ed Elvira sono animati da un fuoco ardente, la passione per la cucina: le cose o si fanno, o, non si fanno.  La gestione è molto rigorosa e l’arte culinaria non sgarra di una virgola dalla pura tradizione della memoria familiare e popolare.

la sala affollata e la scala rossa che porta alla Cucina di Elvira…

Il locale non è grande, ma, ben articolato: all’ingresso, il bancone da lavoro con il forno a legna utilizzato per molti scopi, in primis il pane; l’impasto è un segreto di Vincenzo, fatto sta che all’uscita della teglia dal forno s sparge nell’aria un aroma primordiale, l’odore del pane, sapore di casa d’altri tempi.

Pane di casa: croccante all’esterno, mollica soffice e ariosa, una delizia

L’arredamento è amorevolmente semplice, carta da parati come le vecchie sale da pranzo, tavoli e sedie in legno, “aglie, cuorn’ e fravaglie” e foto  di Totò sparse ovunque.

“Aglie, fravaglie e fattura ca nun quaglie, ‘uocchie, maluocchie e frutticiell rind’ all’uocchie, corna, bicorna e la sfortuna nun ritorna, sciò sciò, ciucciuè!”

Mise en place minima, tovaglie di juta e copri tavola in carta a quadretti. Attenzione superiore alla norma per piatti e posate: cocci personalizzati, o, vetro trasparente i primi, in acciaio inox le seconde. I bicchieri sono i classici da osteria.

la mitica genovese top secret di Elvira, prima e…
… dopo! Slurp :)

Beh, entriamo nella sostanza: il menù è praticamente sterminato, nulla è impossibile. Si parte dallo strepitoso  bancone di contorni e secondi pronti di giornata, la fame si scatena solo a guardarli. Sono esattamente quelli descritti da Santa di Salvo nel suo articolo de Il Mattino dello scorso 12 agosto, la cui copia, troneggia in cornice al centro della sala.

la recensione di Santa di Salvo
meraviglia per gli occhi e per il palato:)

Il banco sempre in ordine è una tentazione irresistibile, è la Napoli dei “mangia foglie” all’ennesima potenza: broccoli, scarole, spinaci, cime di rapa, carote in insalata, verdure grigliate, peperoni in padella, o, imbottiti, melanzane a funghetti, zucchine alla scapece, e poi i secondi impossibile da preparare espresso: carne del ragù, della genovese e  indimenticabili polpette al sugo. Dulcis in  fundo: Sua Maestà la Parmigiana di melanzane. Cotta in pyrex è talmente bella e profumata da rubare la scena a tutto il resto.

Luigi, figlio tredicenne di Enzo ed Elvira collabora con entusiasmo dopo la scuola. da grande due sogni: lo stilista o il cuoco! Di sé ama dire: “io sono arrivato per miracolo”
grande ” marenna” con Sua Maestà la Parmigiana, non le manca niente, è magistrale
bicchiere da osteria per il vino della casa: onesto e gradevole rosso delle colline dei Camaldoli, un pò piedirosso, un pò montepulciano, il vino del contadino e non solo , hi hi :)
particolare della carta da parati

Mi guardo in giro e adocchio un quadretto ricamato a mano, una caffettiera napoletana con tanto di tazzulella…chi l’ha fatto? Donna Elvira dalle mille risorse, e ancora non avete visto niente…

il ricamo di Elvira

Naturalmente, i veri ricami di Elvira, Enzo e Wanda nascono in cucina…

Elvira ai fornelli, dirige la baracca in cucina non le sfugge nulla, tutti i sensi in allerta

Il piano superiore, dove c’è la grande cucina fornita di tutto, è la sala dei bottoni, una fucina senza pause, che sforna meraviglie, quasi tutte espresso. Il segreto sta nel fare una buona spesa mi raccontano Vincenzo ed Elvira: acquisti frequenti in quantità limitate, niente stoccaggio, se un piatto è terminato, niente da fare, non ce n’è per nessuno. Elvira ormai ha memorizzato alla perfezione le quantità necessarie, ad esempio, in una settimana per il ragù ci vogliono trenta litri di passata di pomodoro,  manco a dirlo, fatta in casa, le vecchie care bottiglie di una volta. Anche i barattoli di pomodorini per l’inverno sono preparati in famiglia. Per la  genovese oltre venti chili di cipolle rosse o ramate ( occhi gonfi di pianto). Enzo va a fare la spesa con la sua “vesparella” due volte al giorno, banco per banco, negozio per negozio, sceglie solo ciò che gli piace, altrimenti desiste :-)

La seconda tornata di spesa, le verdure per il banco contorni serale

Carne e pesce arrivano da fornitori di lunga data. Addirittura – mi racconta Enzo – Elvira quando ha tempo, prepara le salsicce da sola, con il budello e  le diverse parti tritate di carne di maiale. In cucina il burro è bandito, solo olio extra vergine. Unica eccezione la bolognese per la quale Elvira adopera tutti  e quattro i must: olio, burro, pancetta e sugna, ovviamente di casa, utilizzata anche  per il ragù, tirato con vino bianco e concentrato di  pomodoro.

le salsicce lavorate da Elvira e contorno di friarielli

Anche la pasta fresca è fatta in casa, sono allibita, questa donna è una forza della natura.

Tortelloni fatti in casa con funghi porcini

Il menù enciclopedico prevede circa una ventina di  primi ed altrettanti secondi tra mare e terra al giorno, oltre al pantagruelico buffet di cui sopra, self service o a richiesta. Insalate freschissime e patatine  fritte naturalmente di casa, vengono preparate al momento. Persino due o tre tipi di risotto si possono ordinare espresso.  Risotto agli spinaci, risotto alla pescatora su richiesta preparato con il brodo di pesce. Il locale ha circa quaranta coperti, intorno alle 14, 00, ora di punta napoletana, è spesso difficile trovare posto, a meno che non ci si anticipi con una telefonata a volo o, si opti per l’asporto. Per le fritture Elvira adopera soltanto olio extravergine d’oliva, come per i carciofi indorati e fritti serviti bollenti, una vera poesia. I carciofi fanno parte del fritto all’italiana, che, su richiesta, la magica Elvira prepara esclusivamente in casa: arancini, crocchè di patate, mozzarella in carrozza, zucchine indorate e fritte e chi più ne ha, più ne metta. I clienti passano al volo dal bancone e addentano un pezzetto fumante: aùmm!

carciofi indorati e fritti

I primi di terra sono i classici della tradizione,  oltre alla pasta al ragù, o, genovese, tutte le minestre con i legumi, i mezzani  lardiati, e i bucatini o  ziti con il coniglio all’ischitana, pasta e zucca, pasta e fagioli o lenticchie, mezzani allo “scarpariello”, bucatini con il soffritto, ovviamente fatto da Elvira, fagioli e scarole, orecchiette con i broccoli, linguine alla puttanesca, bucatini con salsicce e pecorino o alla carbonara. Ancora, trofie con pesto fatto in casa e i mitici “ziti ‘o puveriello”: con uova, strutto, parmigiano, o, pecorino grattugiato. Si cuociono gli ziti al dente, intanto in una padella si mette lo strutto e si prepara l’uovo all’occhio di bue;si scola la pasta e vi si unisce l’uovo e il condimento, spolverando abbondantemente di formaggio grattugiato e mescolando il tutto. Pepe a piacere. Un piatto antico e povero, nel senso di semplice, perché come amo ripetere con Federico Valicenti, la cucina povera non esiste, è conosciuta solo da chi non ha nulla:  solo  la fame. Menzione speciale per la  pasta e patate con la provola, uno dei fiori all’occhiello del locale, se ne consumano una ventina di chili a settimana. Ancora i piatti sontuosi della cucina dei Monzù: pasta al forno, sartù di riso, gattò  di patate,  manfredi con ragù e ricotta fresca,  gnocchi di casa, cannelloni e crostata di tagliolini,  lasagne solo a Carnevale.

ziti con coniglio e sugo all’ischitana (bucatini terminati)
pasta e ceci con la “mesca francesca” cremosa al punto giusto, tutti i legumi si preparano giorno per giorno, mettendoli a bagno la sera prima

I primi di mare dipendono dal pescato del giorno.

linguine alla pescatrice
linguine ai frutti di mare

La pasta si compra ogni giorno nella quantità necessaria, Rummo e De Cecco,  nessuna scorta a terra.

linguine e gamberoni

Tra i secondi di pesce,  spada alla griglia, baccalà in tutte le salse, pescato del giorno all’acqua pazza, al forno o alla brace ed indimenticabili alici  fritte o in tortiera. La carne, di ottima qualità, viene proposta anche in taglio da mezzo chilo alla brace, naturalmente fuori dal prezzo del menù. In carta invece ci sono i classici: la braciola, la carne alla pizzaiola, il fegato con le cipolle e un fantastico brodo di carne preparato con la corazza, per il quale i clienti impazziscono. Straordinaria la mozzarella di bufala, Vincenzo non svela il caseificio neanche sotto tortura. :-)

La corazzza (archivio gcb)

I dessert, strepitosi, sono dominio di Wanda, Enzo e l’aiuto pasticciere, il giovane Luigi: dolci di casa , dei ricordi familiari. tiramisù, il mitico salame di cioccolato con i biscotti Oro Saiwa,

il salame di cioccolato: ricordi d’infanzia

il liquore e il cioccolato fondente, tiramisù spettacolare, notevole e originale il pasticcio di limone, oltre alle tante crostate di frutta sfornate da Wanda. La frutta è sempre locale, fresca e di stagione.

il pasticcio al limone by Wanda

Ancora enormi porzioni di home made profiteroles, una versione nostrana di cheese  cake che preferisco chiamare torta al formaggio. A Natale e Pasqua che dubbio c’è? Struffoli e Pastiera. Elvira, Vincenzo & family, sono vomeresi doc: gente che fatica circa diciotto ore al giorno, persone umili, schive, appassionate, ricche di umanità da regalare ai propri clienti, ormai amici, per la sola gioia di compiacerli con i sapori della Napoli vera, quella che dobbiamo difendere a denti stretti. Il divanetto della foto di copertina è il luogo di riposo un po’ per tutti, a casa si va solo per dormire.

da sx Luigi, Wanda e la piccola Regina, abituata a lunghi sonni sul divano blu, cullata dalle voci e dai profumi familiari che provengono dalla cucina

Il loro obiettivo non è certo il lucro, pur offrendo materie prime superlative, qui il menù completo oscilla tra gli otto, nove euro  infrasettimanali ai tredici del fine settimana e dei giorni festivi, i ricarichi sono minimi: niente coperto e servizio, un euro la piccola minerale, due per la grande; tre euro e  mezzo per la caraffa da 750 di vino, un euro e mezzo per la birra, un euro per il caffè di casa. Insomma un autentico salvadanaio in questi tempi di “porcellum”…

È meglio risparmiare, si salvi chi può…

Il locale è dotato di un grande schermo al plasma per una sola ragione: le partite del Napoli. Quando gioca la squadra  del cuore il locale apre all’orario della partita, anche alle sei del pomeriggio. Mise en place bianco – azzurra per il  club  spontaneo di aficionados. Si guarda la partita,  si esulta, s’inpreca,  ci si racconta la vita del quartiere,  poi si festeggia  o  ci si consola tutti insieme, uniti dai sapori indimenticabili dei piatti di Donna Elvira. Non sono ammesse porzioni normali, con una portata mangiano tranquillamente due persone. Senza tema di smentita attribuisco alla famiglia Granata – Vitale l’oscar del rapporto prezzo – qualità, della simpatia, della calorosa e sincera accoglienza senza distinzione alcuna: servizio garbato e coccoloso per tutti: “ che ci vogliamo mangiare oggi?” domanda Vincenzo, volando da un tavolo all’altro. L’oscar vale soprattutto  per il fatto che il locale è spesso gremito di famiglie con bambini e adolescenti che divorano  piatti di spaghetti con i polpi, ragù, pasta al forno,  gnocchi e polpette… altro che trash food gommoso e globale J. Qui la gente, ride, è felice almeno per un momento, tutto quello che è fuori per ora non conta, il tempo si è fermato.

L’orologio storico in Piazza Vanvitelli, ai tempi della famosa palma poi distrutta dal malefico insetto, il punteruolo rosso

21 commenti

  • eve

    (2 novembre 2011 - 10:25)

    ma com’è possibile che io ancora non ci sia mai andata?grazie della scoperta!

  • carmine

    (2 novembre 2011 - 10:58)

    i miracoli di Napoli e del suo amore per la vita

  • Anna Ruggiero

    (2 novembre 2011 - 11:19)

    Grazie ci passo certamente. Mi mancava.

  • enrico malgi

    (2 novembre 2011 - 14:07)

    Questa è la Napoli vincente, sempre. Qui la gastronomia è verace, naturale, abbondante, genuina ed economica. In tempi di crisi, come questo che stiamo passando, è la panacea per tutti i nostri problemi. Qui sei sicuro di quello che mangi veramente. E poi vuoi mettere l’atmosfera condita di gentilezza e di familiarità. Il cliente si sente coccolato come a casa propria. Sono sicuro che, al di là dell’aspetto puramente finanziario (le attività commerciali esistono anche per questo…), qui la cosa più importante è fare felice il cliente, che diventa amico, fratello e confidente. Una missione per tutta la famiglia!
    Giulia, sei meravigliosa. Sai veramente raccontare la vita vissuta nel suo piccolo cosmo, che poi diventa grandissimo.
    Continua sempre così.
    Ti abbraccio.

  • Alberto Capasso

    (2 novembre 2011 - 14:13)

    Bentornata Giulia, evviva! sempre bellissime le tue incursioni nel cuore di questa città

  • Alfredo d'Amato

    (2 novembre 2011 - 15:28)

    Ormai manco da Napoli da moltissimi anni, e comunque quando c’ero questo localino non esisteva ancora, certamente quando farò ritorno non me lascerò sfuggire, solo a leggere la descrizione dei piatti, a me che me ne intendo, ha fatto venire na famma , e tanta nostalgia; Teresa DeSio canta “voglia e turnàa” e la voglia è tanta, malgrado le notizie devastanti sulla Napoli d’oggi…..
    Alfredo, posillipino Doc.

  • Grazia

    (2 novembre 2011 - 19:12)

    Che fame!!!!!!! E ti dirò di più , andrò. Mangiare dalla Elvira …. Complimenti Giulia , ogni volta che ti leggo imparo sempre qualcosa di nuOvo. Sai che amo questi sapori in cui la tradizione anima ogni ricetta , e un Po quello che descrivo quando presento le mie ricette . Un abbraccio

  • liglibon pidi

    (2 novembre 2011 - 22:03)

    questo locale è il migriore di tutti gli altri locali che hai publicato è strafantastico è io lo so bene perche sono un cliente abituale un bel applauso a elvira e enzo e sopratutto al figlio luigi il sostenitore di tutta la famiglia !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! scrivete commenti che è bello leggerli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!???????????????????????????????????????????????????????????

  • liglibon pidi

    (2 novembre 2011 - 22:06)

    mio dio ma come era brutta quella bambina sul divano

  • la wandi pidi

    (2 novembre 2011 - 22:09)

    grazie giulia per tutto

  • Sara

    (3 novembre 2011 - 10:29)

    Leggerti e’ un piacere per la conoscenza di qualcosa di nuovo … Ogni volta riscopro il senso del genuino che caratterizza ogni tua recensione , andrò sicuramente ad assaporare qualche pietanza , le immagini danno piena consapevolezza di ciò che e’ la cucina tradizionale ,quella “buona” …ore. 10.30 che fameeeeeeeeee!!!! Complimento Giulia

  • Sara

    (3 novembre 2011 - 10:32)

    Notavo che anche Elvira da la genovese macchiata ;))))

  • Alfonso

    (3 novembre 2011 - 18:21)

    Giusto per dovere di informazione la via è Gian Lorenzo Bernini e non Luigi Bernini che penso non esista proprio a Napoli.

  • giuseppina agrelli

    (3 novembre 2011 - 20:11)

    “panza mia fatte capanna……”a vedere tutto questo ben di Dio non mi viene altro da dire

  • ennio liguori

    (3 novembre 2011 - 23:25)

    per gennaro esposito. Lasci stare Platone e caverna caro signore. Non è proprio il caso. Noto che lei vede tristezza dove tristezza non c’è. Frequento da anni la trattoria e le assicuro che non ci ho mai trovato tristezza ma solo cordialità ed ottime pietanze. E forse è proprio lei che cerca di strappare un applauso con le sue “umanitarie” considerazioni così politicamente corrette. In quanto al resto poi mi pare che lei sia un lettore a dir poco superficiale: nelle recensioni della sig.ra Cannada, in tutte quelle che io sono riuscito a leggere, se c’è un denominatore comune, questo è proprio la descrizione dell’umanità dei protagonisti.

  • ennio liguori

    (4 novembre 2011 - 16:45)

    Vede Esposito, il mondo è bello perchè è vario. Ma anche se io mi calassi nei Suoi funerei panni, comunque riuscirei a vedere il tutto in una luce completamente diversa dalla Sua. Si ho seguito il Suo consiglio. Ho riletto più volte l’articolo. Ho rilevato cose del tutto opposte alle Sue. Vi ho trovato tanta umanità, tanto amore e tanto entusiasmo. La Sua intepretazione dell’articolo della Cannada è distorta, e probabilmente, per motivi che ignoro, in malafede. Mi pare di intravedere come un astio nei confronti dell’autrice. E con questo, preferirei mettere fine a questa sterile ed antipatica polemica. oltretutto resteremmo ognuno con le proprie certezze. Nonostante tutto, La saluto con simpatia.

    • stefano

      (6 novembre 2011 - 09:05)

      cari esposito e liguori perche non vi incontrate e la finite sfogare le vostre frustazioni ? grazie

  • carmine

    (5 novembre 2011 - 11:06)

    desidero rilevare, alla luce dei commenti riportati, che a Napoli la “famiglia” è una ed una sola, a significare che Luigi, Wanda, Elvira,ecc, sono una cosa sola, un microcosmo di affetti, amore e…fantasia. Il cd. “lunario” si sbarca pure a Napoli, la cosa bella però e che Elvira e il marito Vincenzo hanno fatto del loro locale un luogo accogliente, amorevole e di qualità, a costi ragionevoli e con molta intimità o se vogliamo feeling con i clienti abituali e non. So cose per me che non hanno prezzo, altro che 8 euro ecc….- Gentile sig. Esposito, contrariamente a quanto Lei vede ed intravede nell’espressione di Luigi, le posso garantire che tutto si tratta fuorchè di tristezza, anzi io denoto ferma compartecipazione alle varie vicende familiari tant’è che si propone di seguire le orme della mamma, vera donna partenopea o del sud, donna di sacrifici e di impegno. Vede sig. Esposito, Lei che è meridionale quanto me, dovrebbe saperlo che al sud si vive anche di sacrifici e dovrebbe, mi consenta, apprezzare il lato bello di portare a tavola amore e qualità a prezzi non riscontrabili altrove. Poi devo dire grazie veramente di cuore alla signora Giulia, che con appassionata volontà, dedizione e competenza, segue e segnala queste oasi di enogastronomia delle nostre parti

  • carmine

    (7 novembre 2011 - 15:01)

    quello che è giusto è giusto, e poi signora Giulia lei ha la mia ammirazione, pertanto sono io a ringraziare.

  • gerardo

    (29 novembre 2011 - 13:04)

    Sono ormai un cliente abituale e in questi anni mi sono sempre sorpreso del fatto che solo in pochi conoscessero l’eccezionale talento di Elvira aggiunto allo squisito garbo e l’immensa simpatia di Enzo.
    Per me è in assoluto il posto migliore dove mangiare,e non solo al Vomero.
    Infatti sarò lì tra poco.

    p.s. quanto all’articolo assolutamente romantico ed entusiastico è del tutto corrispondente al vero tranne che per 2 sole cose:la prima è che il caffè non viene servito e la seconda è che Enzo permetta che ci si serva da soli al buffet…non sia mai.Quanto ai commenti espressi sul forum alcuni mi sono sembrati gratuiti,fuori luogo e privi di collegamenti alla realtà.Lasciano il tempo che trovanano e seppur rispettabili sembrano frutto solo dell’esigenza di essere notati.Quindi esorto il Sig.Esposito ad andare a mangiare al “La cucina di Elvira” e magari di tentare di scrivere di quanto sa e non di quanto crede di sapere.

  • Marco Contursi

    (3 novembre 2011 - 08:54)

    linguine ai gamberoni,baccalà e dolce in tttuo 13 euro(prezzo massimo indicato)??????????????difficile da credere senza pensare ad altro.Si lavora per guadagnare,non per sport.

I commenti sono chiusi.