Napoli, Pizzeria di Matteo ai Tribunali: la pizza col cuore batte qui

Letture: 1134
Nunzio Cacialli con il socio Enzo Giuliano, pizzaioli fotom.p.

di Monica Piscitelli

Nel cuore di Napoli batte il cuore della pizza napoletana. Sono numerose più che mai le pizzerie che si affacciano sugli antichi Decumani e sull'intrico suggestivo di vicoli nei quali il sole penetra poche attimi al giorno. Ad un passo da alcuni dei più interessanti angoli di Via Tribunali – tra piazza San Gaetano, con i suoi spettacolari percorsi sotterranei, la chiesa di San Lorenzo Maggiore e i presepi di San Gregorio Armeno, e la piazza su cui si proietta  l'imponente facciata della Chiesa degli “Ori”  (per la sua ricchezza di ornamenti) dell'ordine dei Gerolamini– si trova uno dei locali più popolari e amati della città: la Pizzeria Di Matteo.

Di Matteo, Via Tribunali angolo Vico Giganti foto m.p.

E' questo un luogo nel quale la pizza mostra la faccia più verace di sé, quella che ti conquista per un so che di “spassoso” e caldo che ha solo il popolo partenopeo.

San Gregorio Armeno con i suoi presepi, nei pressi foto m.p.

Il locale nasce nel 1939. A fondarlo è Salvatore Di Matteo con i figli Nicola e Gennaro. Me ne racconta la storia Nunzio Cacialli che, nel descriveli come delle “persone squisite”, tradisce la nostalgia per un passato che gli è caro e il gran vuoto, bruciante come una ferita aperta, lasciato nel suo cuore dalla scomparsa recente del fratello Ernesto che definisce “un maestro, un fratello, un amico e un padre”.

Nunzio Cacialli e il fratello Ernesto (nella immagine) foto Luigi Savino

A lui, mi racconta, deve l'ingresso nella pizzeria. Fu Ernesto, che già vi lavorava da una decina d'anni, infatti, appena il fratello più giovane terminò la scuola dell'obbligo, a presentarlo ai suoi datori di lavoro. Oggi Nunzio porta avanti il locale con altri ex collaboratori dei Di Matteo (si dice “gli operai” nel gergo): i soci Enzo Giuliano, Paolo Mancini (detto Paolone per la sua stazza) e Antonio Marigliano, oltre che con il figlio di Salvatore Di Matteo, Nicola.
Scomparso oltre trent'anni fa il fondatore della pizzeria, Salvatore, i Di Matteo figli, avevano continuato sulle sue orme aiutati dai collaboratori del padre, che nel frattempo erano diventati soci del locale. Poi la gestione era passata definitivamente a loro, secondo uno schema comune nel mondo delle pizzerie e che un bravo economista chiamerebbe “gemmazione” aziendale.
“Ho imparato a fare il pizzaiolo, come si dice a Napoli, con la'cazzimma' (ndr: astuzia). Rubandomi il mestiere senza mai chiedere nulla, solo osservando in silenzio” racconta Nunzio.

Nel 1994, poi, il gran balzo del locale che aveva sempre, fino ad allora, con successo, difeso il suo nome sforzandosi di proporre un ottimo prodotto a prezzi contenutissimi. Durante i lavori del G7, il presidente Usa Bill Clinton, a spasso a piedi per il centro storico con un grappolo di uomini di scorta al seguito, si fermò davanti all' invitante vetrina della pizzeria e chiese una ” Coke”. Ernesto e Nunzio, che erano di turno con Paolo, non si erano fatti pregare.

“Ricordo – racconta Nunzio – che ne bevve ben quattro, mentre fuori al locale non si capiva più nulla per via del caos generato dei curiosi. Ci mangiò su, ricordo, una pizza fritta e anche una margherita di quelle'A portafogli'. Cosi': all'impiedi davanti al banco!”. La notizia della visita del capo di stato girò veloce in città, ripresa dai media di tutto il Mondo, e in pochi anni Di Matteo divenne “la pizzeria del Presidente”. Quando intorno al 1996, Ernesto Cancialli, dopo trenant'anni di lavoro con il fratello, decise che era giunto il momento di prendere la sua strada per creare per i suoi eredi una nuova attività, infatti, chiamò la sua pizzeria “Dal Presidente”. Il locale, oggi passato al figlio maggiore Enzo, è stato motivo d'ispirazione per la pizzeria “La figlia del Presidente” della figlia di Ernesto Maria e, ancora, per “Dal figlio del Presidente”, del figlio Gino.

fritattina, arancino e crocchè da Di Matteo per iniziare foto m.p.

La Pizzeria Di Matteo, che aprì come semplice Friggitoria da asporto nella quale, insieme ai classici come frittatine, arancini, crocchè, paste cresciute e verdure in pastella, che ancora si trovano nella sua vetrina con affaccio sulla strada, si servivano alici fritte e “murzell' e baccalà” (tocchetti di baccalà in pastella), conta oggi 130 posti, dei quali una cinquantina frutto di un ampliamento risalente  ai primi del 2000.
Pochi, i convenevoli da Di Matteo, ma una pizza gustosa e sostanziosa accompagnata a dosi massicce della semplice e autentica , calda, accoglienza che solo un pizzaiolo che sia un artigiano convinto sa esprimere.

Nunzio Cacialli al lavoro al banco foto:monica piscitelli

La pasta è preparata 5-6 ore prima di essere utilizzata. “E' un tempo più che sufficiente” afferma Nunzio che ama dire pane al pane e vino al vino ma che tiene a sottolineare che il locale aborra l'uso della pasta del giorno prima e, quindi, quella della refrigerazione per mantenerla.
“La pizza non ha segreti ma sfido chiunque a fare un'ottima pizza se il fornaio non è bravo.

la Capricciosa accompagnata in forno foto m.p.

Il suo è un ruolo importantissimo” racconta Nunzio che mostra con questa affermazione, come in molti altri passaggi della nostra chiacchierata, la grande sovrana umiltà di un artigiano innamorato del suo lavoro. E' proprio questam la parte più golosa della pizza napoletana, quella che ci fa dire che qui albergano i valori di una Napoli che non c'è più.
Ai tavoli di Di Matteo – sebbene Cacialli e soci vorrebbero poter non far concessioni alla new wave dei giovanissimi di mettere perfino maionese e ketcup sulla pizza – sarete sempre accontentati con la pizza che preferite.

il calzone al forno di Di Matteo foto m.p.

Lo zoccolo duro del menù però è saldamente basato sulle solite intramontabili Marinara, Margherita, Capricciosa, Pizza fritta, Quattro formaggi, Calzone al forno e su una serie di pizze “bianche” (senza pomodoro), a partire da quelle con “Rucola, prosciutto e scaglie di Parmigiano”. In poche pizzerie della città potrete mangiare una cosi' generosa Marinara a 2,50 e una Margherita a 3,50.
Mediamente, pizza e birra 9 euro, servizio incluso. Se poi volete iniziare bene, non perdetevi la frittatina di maccheroni che va con crocchè e arancini. Spenderete qualche euro in piu'.

ingresso della pizzeria Di Matteo con il banco leccornie foto m.p.

Pizzeria Di Matteo
Via dei Tribunali, 94
80138 Napoli
081 455262
www.pizzeriadimatteo.it

17 commenti

  • Raffaello

    (4 marzo 2011 - 15:18)

    Grande , mitica pizzeria! Buonissima pizza, soprattutto quella fritta, ad un prezzo veramente modesto! Ottime le frittatine e minimi i tempi di attesa.

    • Monica Piscitelli

      (4 marzo 2011 - 16:39)

      Molto d’accordo con lei. le frittatine sono davvero eccellenti. Cacialli e i suoi sono bravi onesti artigiani.

  • vignadelmar

    (4 marzo 2011 - 15:32)

    Quella zona di Napoli, come daltronde quasi tutta la città, la amo molto. Quì ci sono venuto più di una volta. Come esco da quì poi vado a far visita alle pizzerie vicine; diciamo che in un pranzo mi mangio complessivamente e mediamente tre pizze.
    Leggo dei prezzi, evidentemente un po’ si sono alzati, ma quella pizza è veramente buona !
    .
    Ciao

  • Monica Piscitelli

    (4 marzo 2011 - 16:40)

    Capperi! beh: 250 per la marinara è assolutamente nulla. Complimenti per l’appetito.

  • antonio

    (4 marzo 2011 - 20:50)

    la prossima estate onorerò la pizzeria DI Matteo grazie

  • giuseppe mennella

    (5 marzo 2011 - 16:21)

    beh i Tribunali sono una miniera di ottime pizzerie; e in questo blog ce ne sono molte recensite.
    Monica potresti fare la recensione di Giuliano in Calata Trinita’ Maggiore (tra Archetettura e Gesu’ Nuovo).

    Vigna qualcuno potrebbe pensare che i comunisti non potendo mangiare bambini, ora fanno
    incetta di pizze … tre a pasto sono una quantita’ paurosa!

    • vignadelmar

      (6 marzo 2011 - 11:50)

      Se hai il fisico adatto quella quantità è il minimo sindacale.
      .
      Ah, scusa, ma chi ti ha raccontato la panzana dei bambini ??? Non abbiamo mai smesso di mangiarli………..boni !!!
      .
      Ciao

      • giuseppe mennella

        (6 marzo 2011 - 12:30)

        sono un pollo Vigna mi ha convinto la parlantina di “Silvio”!
        ma per me una pizza e’ piu’ che sufficiente, si e’ proprio una questione di fisico.

        non assaggio la loro pizza dai tempi dell’universita’
        a quei tempi mangiarla a portafoglio era anche un modo per spendere poco

  • Monica Piscitelli

    (5 marzo 2011 - 18:06)

    grazie del consiglio, prendo nota di tutto. studio, rifletto e …poi mi muovo. un abbraccio

  • GINO SORBILLO

    (6 marzo 2011 - 23:08)

    COMPLIMENTI MONYYYYY, QUESTE SONO LE MIGLIORI PIZZERIE NAPOLETANE. LE PERSONE CHE LAVORANO DA DI MATTEO SONO TUTTE STRAORDINARIE E AUTENTICHE. IO, COME TUTTI BEN SANNO, ERO MOLTO MOLTO AMICO DELLO STORICO GENNARO DI MATTEO VENUTO A MANCARE SOLO 4 ANNI FA’ ALLA FESTA DEL PAPA’ A 76 ANNI…… PROPRIO IERI SONO STATO IN COMPAGNIA DELLA FIGLIA PATRIZIA. GRAN BELL’ARTICOLO E GRANDI I CARI GESTORI E LO STAFF DELLA STORICA PIZZERIA DI VIA DEI TRIBUNALI. COMPLIMENTI DI CUORE !!!! BRAVA !!

  • PATRIZIA DI MATTEO

    (8 marzo 2011 - 17:24)

    PATRIZIA DI MATTEO
    8 marzo 2011 alle 16.59

    Complimenti al mio papa’ per quello che ha creato insieme al padre Salvatore che gli ha trasmesso l’arte del fare la pizza,mio padre lo diceva sempre la pizza e’ arte tanti piccoli accorgimenti in qualita’ d’ingredienti dosati al punto giusto danno qualita’ alla stessa , e ringrazio i nostri soci che grazie al loro impegno quotidiano tengono alto il nome di mio padre e un rinngraziamento va a chi come voi rende pubblico cio’ che viene fatto con amore e questo mestiere ne e’ la prova.Un saluto e un abbraccio al mio amico Gino Sorbillo,grande ma grande artigiano della pizza con tutta la voglia che ha di crescere sempre e di migliorare sempre con risposte meritevoli al suo operato.

  • Monica Piscitelli

    (13 aprile 2011 - 22:53)

    Gentile Patrizia, leggo ora questo commento e la ringrazio per la sua testiminianza. Non sa quante pizze ho mangiato in quel locale quando neanche avrei immaginato di scrivere a riguardo. Ho sentito dire solo belle cose di suo padre. Può esserne fiera, ma vedo che lo sa già grazie della sua attenzione, a tratti questo viaggio nelle pizzerie di Napoli è commovente. Nunzio ha riservato per suo padre le stesse parole affettuose che ha destinato a suo fratello. E’ dire tutto. saluti. m.p.

  • corrado

    (6 giugno 2013 - 19:02)

    sono la storia della pizza napoletana…………………………………………….

    • Mìmì 54

      (19 luglio 2013 - 15:44)

      Gentile Patrizia, grazie a queste pagine web descritte così compiutamente sulla pizza sto ripercorrendo la storia della mia infanzia/gioventù, ma ad una più attenta analisi sto percorrendo la storia e la tradizione di chi lavora e ha lavorato dietro le quinte affinchè questo alimento assurgesse ai fasti che merita la ” PIZZA ” . I miei primi ricordi di pizza risalgono ai 7/8 anni con la pizza fritta servita nella carta di paglia gialla add’è Figliole dietro il Tribunale di Napoli o la pizza a portafoglio da Triunfo a Porta Capuana. Grazie, Grazie, a tutti gli ” Artisti e Interpetri ” della nostra cultura della pizza napoletana.

  • […] Napoli, Pizzeria di Matteo ai Tribunali: la pizza col cuore batte qui […]

  • […] Napoli, Pizzeria di Matteo ai Tribunali: la pizza col cuore batte qui sembra essere il primo su Luciano Pignataro […]

  • Carmine

    (19 luglio 2013 - 19:02)

    Questa é ancora una pizzeria dove si fa la Pizza Napoletana.

I commenti sono chiusi.