Napoli. Pizzeria Franco vicino la Ferrovia. Il nuovo stile di Franco Gallifuoco e la vera Quattro Stagioni

Letture: 3493
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la pizza Margherita
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la pizza Margherita

Pizzeria Franco Napoli

Corso A. Lucci 195
Tel. 081. 5541892
www.ristorantepizzeriafranco.it
Aperto sempre
Pizze da 4 a 10 euro

di Tommaso Esposito

Un po’ di storia.
Qui, siamo proprio di fronte alla Stazione Centrale di Napoli, prima c’era “Il fungo velenoso” un ristorante dai grandi numeri e dalla buona cucina tradizionale.
Sul finire degli anni ’70 Marco Gallifuoco, che si faceva chiamare Franco, lo rileva insieme alla moglie Maria Calabrese, figlia del proprietario dell’allora famoso “Cravattificio Napoletano”.
Ai fornelli viene aggiunto il forno e si comincia a far pizze.
Maria Calabrese dal confezionare cravatte passa a stendere e guarnire.

Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la mamma Maria Calabrese
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la mamma Maria Calabrese

Al bancone oggi c’è Francesco, anche lui detto Franco, il figlio di Marco e Maria.
Aria nuova, dunque, nonostante mammà stia sempre lì a controllare che tutto proceda bene.
Aria nuova perché Franco, poco più che trentenne, lavora sugli impasti e sulle lievitazioni nonché sulle materie prime per il topping: dal pomodoro al fiordilatte, agli oli, agli ortaggi.

Pizzeria Franco Franco Gallifuoco l'impasto
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco l’impasto

La cucina in verità funziona ancora e c’è un via vai, non male a vedersi, di spaghetti alle vongole e frittura di pesce.
Ma torniamo alle pizze.
Impasto da miscele di farine 0 e doppio 0, lievitazione lenta entro le 24 ore.
Cottura a legna.
Taglia L del pizzometro con cornicione pronunciato, ben strutturato e alveolato.

Pizzeria Franco Franco Gallifuoco la struttura della pizza
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco la struttura della pizza

Soffice, morbida, scioglievole.
Prova più che superata per Margherita con fiordilatte o nelle sue varianti estiva con pomodori freschi a pacchetelle  oppure golosissima con bufala, pomodorino del piennolo e nduja.

Pizzeria Franco la pizza margherita
Pizzeria Franco la pizza margherita
Pizzeria Francola pizza margherita con filetto fresco
Pizzeria Franco la pizza margherita con filetto fresco
Pizzeria Franco la pizza margherita col piennolo e nduja
Pizzeria Franco la pizza margherita col piennolo e nduja

Nota di merito va alla Marinara con le alici.

Pizzeria Franco la marinara con alici fresche
Pizzeria Franco la marinara con alici fresche
Pizzeria Franco la marinara con alici fresche
Pizzeria Franco la marinara con alici fresche

Ma soprattutto alla Pizza Quattro Stagioni.
La ricordate?
Qui è un’altra cosa.
Ha i frutti di mare e il polpo in uno dei pizziconi.

Pizzeria Franco la quattro stagioni
Pizzeria Franco la quattro stagioni

Gli altri tre se la contendono margherita, ortolana, funghi e prosciutto.

Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la quattro stagioni
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la quattro stagioni

Pizza d’antan questa Quattro Stagioni?

Pizzeria Franco la pizza quattro stagioni
Pizzeria Franco Franco Gallifuoco e la quattro stagioni

Macché.
E’, invece, una bella testimonianza della vitalità di una tradizione napoletana che immaginavi sparita, che è piacevole ritrovare, ma soprattutto mangiare.
Altra nota di merito, dal punto di vista sociale, va anche alla versione Braille del Menu.

Pizzeria Franco il menu in Braille
Pizzeria Franco il menu in Braille

Insomma scendere dal treno e fermarsi qui da Franco non lascerà per nulla delusi.
Anzi, sarà una gran bella sorpresa.

Un commento

  • Antonio Prinzo

    (2 agosto 2016 - 19:47)

    Provata una settimana fa. Buonissima, gran bella sorpresa. E’ un piacere leggere questo articolo e sapere di cosa si sta parlando.

I commenti sono chiusi.