Napoli Wine Challenge: ecco i cinque vini vincitori della prima edizione

21/5/2017 2.8 MILA
Daniele Cernilli
Daniele Cernilli

Assegnati nella giornata di ieri i premi della prima edizione del Napoli Wine Challenge.

A trionfare sono stati i vini di casa, a dimostrazione degli altissimi standard qualitativi raggiunti dall’enologia campana. La giuria, presieduta da Daniele Cernilli con affianco Luciano Pignataro e un team che ha visto la partecipazione di Chiara Giannotti, Chiara Giorleo, Adele Elisabetta Granieri, Wanda Mann (giornalista statunitense) e Patrick Low (buyer di Singapore), ha premiato cinque vini.

Per la categoria “Spumanti”, il Caprettone della casa vinicola Setaro

Per i bianchi ex aequo tra la Falanghina Benevento IGP 2016 di Castelle e il Campania Fiano IGP 2014 Oi Nì dell’azienda agricola Eduardo Scuotto.

Tra i rosati netta affermazione di Piedirosè, Pompeiano Rosato IGP 2016 della cantina Iovine.

Durissima la lotta tra i rossi dove a spuntarla è stato il Taurasi 2008 di Calafè.

Il primo gradino del podio dei vini da dessert è stato conquistato, con un punteggio medio che ha sfiorato i 92/100, dalla Falanghina passita di Castelle.

Un challenge molto interessante – ha commentato Daniele Cernilli, presidente di giuria – con una giuria variegata, ma che non ha faticato a trovare un linguaggio comune. Il successo delle etichette campane testimonia della crescita di questa regione che ormai da tempo si è attestata tra quelle in grado di esprimere una qualità e una varietà di assoluto valore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *