Natale Buono 2013: la bella cena di solidarietà per il Santobono organizzata da Gennaro Esposito

Letture: 236
gli chef

di Marina Alaimo

L’Italia si rivela sempre un paese straordinario quando si tratta di fare beneficenza e volontariato. Lo conferma il grande successo della cena di ieri sera  pro Santobono, l’ospedale pediatrico di Napoli, con una affluenza numerosissima di partecipanti e le loro generose donazioni. Importante e di notevole esempio il contributo dato dagli chef che hanno cucinato guidati da Gennaro Esposito della Torre del Saracino. L’intero lavoro di equipe è stato prezioso per la realizzazione di un evento di tale portata: ai tavoli c’erano almeno 200 persone.

Giancarla Giusti titolare di Fire Cars e la dottoressa Emanuela Capuano dell’ospedale Santobono

 

la sala

Nonostante il momento difficile che sta vivendo il paese, in questa occasione si sono affermati in maniera straordinaria due valori che quando sono messi in atto in tale misura si traducono in energia esplosiva: la solidarità e la capacità di fare squadra.  Quest’anno si è scelta una sede insolita, l’autoconcessionaria Fire Cars di Castellamare di Stabia che ha fortemente voluto ospitare la cena Natale Buono 2013 anche per celebrare in modo speciale e nel segno della solidarietà i 25 anni di attività.

Fire Cars festeggia i 25 anni di attività

Hanno cucinato Mario Cinque dello Yacht Club di Marina di Stabia, Mario Affinita del Don Geppì, Paolo Gramaglia del President di Pompei, Gennaro Esposito della Torre del Saracino, Peppe Guida Antica Osteria Nonna Rosa, Peppe Aversa del Buco di Sorrento, Vincenzo Guarino per L’Accanto.

Il pomodoro l’oliva e la rapa rossa…sembra ma non è di Mario Affinta del ristorante Don Geppì
Risotto con cipolla ramata di Montoro, sauro bianco affumicato, alga croccante al profumo di limone e peperoncino di Gennaro Esposito del ristorante Torre del Saracino

 

Mischiato potente con totani e broccoli, aglio e olio di Peppe Guida dell’Antica Osteria Nonna Rosa

 

Il polpo all’ombra del Vesuvio di Paolo Gramaglia del ristorante President di Pompei

 

Guancia di Vitello su pure di sedano, rape, friarielli e polvere di tarallo di Vincenzo Guarino del ristorante L’Accanto del Grand’Hotel Angiolieri