Nauna Salento Igt 2012 | Voto 88/100

Letture: 363
Nauna Negroamaro Primitivo Salento Rosso Igt 2012 Terrulenta Schola Sarmenti
Nauna Negroamaro Primitivo Salento Rosso Igt 2012 Terrulenta Schola Sarmenti

Terrulenta Schola Sarmenti
Uve: negroamaro e primitivo
Fascia di prezzo: 19,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 27/30 – Non omologazione 30/35

La campagna salentina è segnata da una terra rossa, accaldata da un sole cocente durante tutto il periodo primavera-estate, punteggiata da muretti a secco che delimitano le proprietà e colorata da una sterminata distesa verde fatta di piccoli, vecchi, contorti e fronzuti alberelli, carichi di rossi grappoli quasi sempre di negroamaro, il vitigno per eccellenza di tutto il Salento.

L’azienda Terrulenta Schola Sarmenti di Nardò, che appartiene alle famiglie Marra e Calabrese e che ha partecipato all’edizione 2014 di Radici del Sud, da molti anni si è dedicata alla valorizzazione ed al rilancio della viticoltura locale, adattando il metodo di allevamento della vite all’ambiente circostante, facendo ricorso ad un sistema di coltivazione prettamente biologico. Della variegata ed eccellente produzione vinicola ho scelto per la mia consueta degustazione l’etichetta Nauna Salento Igt 2012 confezionata con il 60% di negroamaro ed il restante 40% di primitivo. Acciaio, legno grande e vetro per una ventina di mesi per la completa maturazione del vino, che alla fine raggiunge una gradazione alcolica di quindici e mezzo.

Controetichetta Nauna Negromaro Primitivo Salento Rosso Igt 2012 Terrulenta Schola Sarmenti
Controetichetta Nauna Negromaro Primitivo Salento Rosso Igt 2012 Terrulenta Schola Sarmenti

Rosso rubino, al naso frutta rossa,  macchia mediterranea e note di violetta, di mare sapido, di terra e di spezie. L’ingresso in bocca del vino è profondo ed avvolgente, connotato dapprima da una botta di caldo, a cui fa subito da contraltare un’elevata freschezza ed una tannicità rilevante, ma gradevole e raffinata. Il vino mette in mostra un profilo austero, rigoroso, dinamico e leggermente affumicato che impatta sulla lingua. In seguito emergononote fruttate, floreali ed erbacee, che rilasciano godibili percezioni gustative. Finale calibrato, espansivo, armonico, rotondo e lievemente amarognolo, che dona voluttuose sensazioni a tutto il palato. Da associare a piatti importanti della cucina di terra salentina. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Nardò (Le) – Via Generale Cantore, 37
Tel. e Fax 0833 567247 – Cell. 349 2333783
info@scholasarmenti.it www.scholasarmenti.it
Enologo: Benedetto Lorusso
Ettari vitati di proprietà: 41, più 13 in affitto
Bottiglie prodotte: 240.000
Vitigni: negroamaro, primitivo, malvasia nera, fiano e chardonnay