Nebula 2004 Colli di Salerno igt

Letture: 81

CANTINE MONTEPUGLIANO

Uva: fiano, malvasia
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Le colline che circondano Salerno confermano una buona vocazione agricola: suolo fertile, in parte argilloso, ottima esposizione a Sud, discreta escursione termica. Nascono così il Montevetrano di Silvia Imparato immaginato da Riccardo Cotarella, i vini di Mila Vuolo pensati da Guido Busatti, potenti Aglianico e Fiano, e ancora Combination di Luna Rossa e il Sanacore di Montepugliano, tutti curati da Fortunato Sebastiano. Tre enologi proiettati a riportare in vita una buona e consolidata tradizione perché qui si produceva il vino consumato nei cento conventi della Salerno medioevale, quando era sede della Scuola Medica e i principi longobardi e normanni dominavano ilGolfo. Ma noi qui parliamo di un vino facile facile, ottimo indicatore della qualità dei top prodotti in zona. Il Nebula è fiano profumato con la malvasia secondo una consolidata tradizione cilentana, siamo a quota 3,5 euro per un bicchiere adatto ad ogni circostanza, una lezione a quei ristoratori impreparati che parlano dei costi del vino campano solo perché non si aggiornano. E chi non studia il vino non ha rispetto per i clienti perciò va schifato da chi ha cultura. Capita di dover bere in bicchieri di carta, oppure di trovarsi in una cena alla buona in una delle mille sagre del Sud, oppure di girare in barca tra Cetara e Capri con qualcosa da mettere nella vasca con il ghiaccio, oppure ancora in un buffet: ecco il bianco adatto perché profumato, morbido, di buona struttura, capace di farsi bere tutto anche da chi non è un grande appassionato di vino. Sono questi i prodotti alla base della piramide di qualità dell’enologia meridionale che hanno uno scatto in più grazie alla tipicità e al clima. Può sembrare un paradosso, ma è in questi bicchieri che si scopre la vocazione di un territorio perché i grandi vini sono sempre ben costruiti in campagna e in cantina, lavorati in quantità controllate e trattati con ogni riguardo mentre con le bottiglie da battaglia tutto è più sbrigativo e veloce. A me piace molto l’enologia capace di offrire una emozione nella semplicità e nella banalità perché è qui il futuro del consumo di massa e i ragazzi di Montepugliano si stanno ben posizionando in questo segmento: ormai con la linea TerreCampane sono loro la realtà più grande in provincia di Salerno, una delle prime in Campania. Bravo Nebula.

Sede a Montecorvino Pugliano. Via SanVito, 21/P. Tel. 0828.350176, fax 0828.350176. www.montepugliano.com.   Enologo: Fortunato Sebastiano. Ettari: 10 di proprietà e 30 a conduzione diretta. Bottiglie prodotte: 200.000. Vitigni: aglianico,sangiovese, barbera, montepulciano, fiano, trebbiano, malvasia.